L'angolo di Freddie

DAL MIO ESILIO VOLONTARIO

Un temporale di classe ed emozioni firmato Barotti

Riuscirà l'Italia a ignorare anche il nuovo disco del cantautore di Massa?

10-10-2020 di Freddie del Curatolo

I cantautori, per anni stanziati soprattutto tra l’Italia e la Francia, con una derivazione spuria e selvaggia in Nord e Sud America, sono una specie di esseri umani quasi estinta.
Creature metà musicista e metà poeta, cantavano della propria vita, della loro visione del mondo e di quel che sentivano nel cuore e assimilavano nella mente: avventure amorose, traumi dell’infanzia, drammi epocali, ideali politici, letture divorate e film bevuti come vino, più rosso che bianco.
Dai loro componimenti si sprigionava qualcosa di meraviglioso con cui crescevi più sano, più libero e secondo me più felice, anche se a volta ti faceva incazzare il fatto che la vita non fosse come molti di loro la sognavano.
Però ti accompagnavano lungo un percorso che indubbiamente esisteva, tra il fascino della strada da percorrere e l’immensa incertezza del cielo. E lo facevano utilizzando suoni, strumenti, melodie ed arrangiamenti che attingevano alla tradizione tutta della musica del mondo, spesso mescolandone spiriti ed essenze, come alchimisti e creando liaisons speciali con altri strumentisti.
Purtroppo oggi quelle creature sono pochissime, specie in Italia.
Spesso vivono nascoste e si accontentano, come orsi marsicani, della loro diversità.
Io ho la fortuna di conoscere uno di questi esemplari.
Stefano Barotti è nato e vive a Massa, bagna i piedi e conta le onde a Forte dei Marmi e se una volta è andato in America è stata solo colpa della musica.
A 45 anni ha dato alle stampe il quarto disco in 17 anni ed è un lavoro prezioso, completo, emozionante. Con “Pensieri Verticali”, nel 2015 aveva raggiunto la maturità artistica e scritto alcune gemme che sono state tranquillamente ignorate dall’estabilishment musicale e quel che è ancor più triste anche dalla critica specializzata.
Non fatevi una colpa se non lo conoscete ancora, non è solamente una vostra mancanza.
Ora torna a colorare l’anima con un album ancora più complesso e vario, che lo colloca sempre più come musicista a tutto tondo, forte di uno stile personale dato dal suo modo di raccontare e di esprimere sentimenti che sorvola in maniera mai banale su mezzo secolo di evoluzione della canzone.
“Il grande temporale”, titolo quanto mai azzeccato per i tempi che stiamo vivendo, è un viaggio musicale che abbraccia il progressive degli anni Settanta.
Lo fa senza manierismo sia nella “title track” con cui si apre l’album con i synth di Fabrizio Sisti crea un’atmosfera rinforzata dall’affiatamento della sezione ritmica di Vladimiro Carboni (batteria) e Luca Silvestri (basso) che seguono da anni l’autore anche dal vivo, che in almeno altri tre episodi: nel vortice spazio-tempo che avvolge “Aleppo”, dove la poesia lega ricordi d’infanzia e guerre inevitabili, sia quelle create dall’uomo che quelle generate dalla sua psiche e in “Il cielo e il prato” in cui eccelle il fantastico basso di James Haggerty e in “Marta”, una “Marinella” più spietata e fredda (come l’epoca attuale) sul femminicidio.
Ma non sono pose, Stefano è uno di quei personaggi veri che non hanno bisogno di vestirsi di maledettismo e atteggiarsi ad artista incompreso, né ha bisogno di trovare argomenti di conversazione. Da tempo si è fatto una ragione che la musica non paghi e continua ad imbiancare case per vivere.
Oh, no questo non è proprio da cantautore!
Infatti sceglie un reggae per raccontarlo, nell’autobiografica e ironica “Painter Loser”, che fa il verso al Marley di “Is this love”. Così come sono vivi richiami a geni diagonali della canzone d’autore come Ivan Graziani e lo Jannacci evocato in “Enzo”, fantastico e surreale peana.  
Perdersi nei racconti di Barotti è un abbandono consapevole punteggiato da musicisti con i fiocchi (la banda di amici americani, da Jono Manson a Joe Pisapia e i raffinatissimi italiani Paolo Ercoli (dobro e mandolino) e Vittorio Alinari ai fiati).
Regalo, come avrebbe detto Lucio Dalla, di una produzione niente male.
Con tanta classe e purezza non è difficile che un pezzo come “Spatola e spugna” oltre a mandare in paradiso la classe operaia e a centellinare con sapienza distillata nel Tennessee la nostalgia, diventi un cortometraggio neorealista di quando il calcio era un romanzo popolare.
Frammenti di quando “tutto era magico”, ma anche la bellezza assoluta di una canzone d’amore altissimo (“Stanotte ho fatto un sogno” con un crescendo d’archi che è tutt’uno con una capacità di frugare nel cuore che è davvero di pochi) e di altri nobili sentimenti che non si vergognano di svelarsi davanti al cinismo travestito di normalità di questi tempi (“Quando racconterò” e “Tutto nuovo”, con richiami al più romantico e solare Pino Daniele).
D’altronde cosa volete aspettarvi da uno a cui ha telefonato addirittura Tom Waits?
C’è davvero poco altro da dire, tenetevi le orecchie per ascoltare qualcosa che davvero merita e se ce la fate chiudete per un po’ la bocca e il telefonino.
Non atterritevi, non dovete sforzarvi di stare attenti, non c’è troppo da capire.
E’ sufficiente farsi trasportare dalla musica come fosse un coloratissimo ombrello in una notte di luna, mentre gocce di un grande temporale cadono tutto intorno.  

Stefano Barotti – “Il grande Temporale” (La Stanza Nascosta Records 2020)

TAGS: musica italiaangolo di freddieesule volontario

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Si chiude giovedì sera, 11 gennaio, al Baby Marrow Art Restaurant di Malindi, la fortunata rassegna di racconti, canzoni, poesia e musica "Io conosco il canto dell'Africa", ideata da Freddie del Curatolo con la collaborazione artistica di Marco Bigi.
L'ultima delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Un altro appuntamento per l'Esilio Volontario di Freddie del Curatolo. Sabato sera sarà la volta di Marina di Carrara, dove risiede una vera "malata d'Africa", Tiziana Nicodemi titolare del Bagno Principe e del Ristorante Calasole, che già l'anno precedente aveva...

LEGGI TUTTO

Va in scena questa sera la quarta puntata di "Good Night Malindi" al Baby Marrow di Vasco Da Gama Road.
Nell'Art&Food Restaurant la radio dal vivo di Freddie terrà compagnia ai commensali raccontando storie di esilio dall'Italia in Kenya e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi in Italia, come per tanti settori ed aspetti che riguardano l’arte e la cultura...

LEGGI L'ARTICOLO

Una serata d'altri tempi e forse d'altra Malindi, quando si riempiva la discoteca Stardust, tempio delle notti brave della costa, anche di pomeriggio.
Tempi in cui le partite di calcio venivano trasmesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata che ha fatto innamorare del Kenya decine di persone. 
Sabato sera a Riccione, nella cornice esclusiva del Bagno 71 e del suo "chiringuito", è andata in scena la "Serata Kenya " organizzata dal nostro portale, patrocinata dal Ministero...

LEGGI TUTTO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....

Per il quarto giovedì di seguito, tutto esaurito e grande attenzione con applausi convinti al Baby Marrow di Malindi, per la rassegna di racconti, poesie e musica "Io conosco il canto dell'Africa" ideata e condotta da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya a teatro. Malindi, Watamu, la savana, i masai, gli italiani, il popolo keniota. "Freddie del Curatolo vi racconta il Kenya" ha esordito sabato sera al Teatro Nuovo Ariberto di Milano con un grande successo. Accompagnato da Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I bufali della savana con la loro maestosa dignità e la verve da incazzati perenni, ma...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non potevano essere indirizzati meglio, i 5000 euro di incasso della serata di Freddie del Curatolo lo scorso maggio a Treviglio, grazie all'organizzazione di Maxlife e dei commercianti della cittadina in provincia di Bergamo. 

LEGGI TUTTO

Un altro teatro gremito  in Lombardia per il concerto-spettacolo italo keniota di Freddie del Curatolo con la sua band.
Un'altro gran bel colpo per la solidarietà degli italiani in Kenya e per la promozione turistica. Sono stati raccolti, tramite gli ingressi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO