Personaggi

LUTTO

La Nairobi italiana piange Roberto Petrozzi, il medico amico

Domani i funerali dell'internista che ha curato tantissimi connazionali

22-10-2018 di Freddie del Curatolo

La Nairobi italiana piange un altro dei suoi angeli buoni.
I residenti italiani della Capitale sono ahimé sempre un po' preparati a perdere qualche "pezzo storico" della loro comunità, spesso per un fatto esclusivamente anagrafico.
Ma con il Dottor Roberto Petrozzi, il fato è stato molto crudele, perché il medico che per tanti anni ha rappresentato un punto di riferimento per la salute e gli acciacchi di tantissimi connazionali, avrebbe meritato di vivere molto più dei suoi soli 66 anni.
Lo avevamo incontrato pochi mesi fa per una chiacchierata sulla storia della sua vita e di quella della sua famiglia, tra i pionieri italiani in Kenya.
Razza caparbia e piena di passione, quella friulana, ma Roberto aveva più i tratti e l'animo pacifico di un britannico, uniti alla gioia serena di chi ha sempre amato questo Paese, in cui nacque e in cui volle tornare due volte: da bambino quando fu mandato dai parenti in Friuli durante i moti per l'Indipendenza del Kenya, e da adolescente quando andò a Perugia per la specializzazione.
"Amo la medicina - ci aveva detto - perché è una disciplina viva, che permette di stare a contatto con la gente, di aiutare il prossimo".
E così ha fatto, Roberto, fino agli ultimi giorni della sua vita, finita troppo presto per una breve, improvvisa malattia.
Di lui tanti italiani ricordano la disponibilità, le parole gentili e premurose, la professionalità che non si trasformava mai in presunzione.
Per la sua dedizione e le sue capacità, nel 2015 è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere della Stella d’Italia dal Presidente della Repubblica.
In questo momento non ci sono parole migliori da usare, se non le sue di qualche mese fa.
“Ho avuto un'infanzia meravigliosa in un luogo che amo e ho una vita felice. Ho sposato la mia professione, i pazienti sono una grande famiglia e spesso lavoro dalla mattina alla sera ininterrottamente per loro".
Roberto non ha lasciato moglie o figli, ma tanti pazienti ormai amici per cui era una presenza indispensabile e soprattutto una sorella altrettanto splendida, positiva e generosa con cui ha condiviso gioie e dolori di un'avventura in cui, senza colpa, ora la lascia un po' più sola.
E' ad Annamaria "Annie" che va il più forte, sentito e affettuoso abbraccio. 
L'ultimo saluto al Dr. Roberto Petrozzi verrà dato domani, martedì 23 ottobre, alle ore 14 alla Chiesa della Consolata di Westland. 

TAGS: roberto petrozzimedico kenyainternista kenyafriuli kenya

Una serata d'altri tempi e forse d'altra Malindi, quando si riempiva la discoteca Stardust, tempio delle notti brave della costa, anche di pomeriggio.
Tempi in cui le partite di calcio venivano trasmesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya dell’accoglienza turistica può essere non solamente safari da favola nel Maasai Mara o nello Tsavo, rilassanti vacanze di sole e ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo keniano Najib Balala ha chiesto subito più sicurezza a Watamu e nelle località turistiche, in vista dell'alta stagione. La tragica fine del medico italiano Rita Fossaceca durante una rapina finita nel peggiore dei modi, ha messo...

LEGGI TUTTO

Il Kenya è diventato uno dei primi Paesi africani per il turismo del benessere.
Le strutture sanitarie e SPA private hanno portato il Kenya sul podio tra le destinazioni di "turismo medico" nel Continente Nero, come riportato dal rapporto redatto dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una nuova direttiva del Ministero della Salute Italiano segnala il Kenya tra i Paesi i cui cittadini sono tenuti a presentare un certificato di vaccinazione contro la polio, per poter ottenere il visto d'ingresso nel nostro Paese.
La circolare è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se c’è un nome a Mombasa per definire il Made in Italy e la sua cucina di qualità, questo nome è certamente “Roberto’s”.
Quest’anno il...

LEGGI L'ARTICOLO

Roberto, 70 anni, lombardo e vedovo con due figli, torna nella casa di Malindi per la prima volta dopo la perdita della moglie.
Incontra Monica, una ragazza locale di 23 anni che lavora in un negozio di parrucchiere.
Da qui...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Come tanti ragazzi di spiaggia tra Malindi e Watamu, anche Anthony Furaha ha un...

LEGGI L'ARTICOLO

Prepariamoci a un bel po' di "C'era una volta a Malindi".
Questa mattina le ruspe della Kenya National Highway Authority, come da tempo avevano programmato, sono arrivate nella zona malindina di Kibokoni e Kwandomo per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Roberto Paioni, il mio Bro, un figlio un padre un marito, un amico di tanti di noi, un amico degli Italiani, un uomo della Repubblica.
Da questa mattina non c'è più, ha combattuto la sua ultima battaglia, la sua ultima...

Festeggia dieci anni di vita l’ospedale simbolo dell’assistenza agli ultimi degli slum di Nairobi.
Fondato dal medico chirurgo piemontese Gianfranco Morino con la ONG World Friends e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Spesso quando in Kenya si vive in una casa privata, specie se in una zona poco frequentata e un po' lontana dal viavai delle zone turistiche, bisognerebbe aumentare la sicurezza. Le statistiche parlano chiaro: le (ancora poche, per fortuna, ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grave lutto avvolge la comunità italiana di Malindi, ci ha lasciato uno dei decani della "colonia" italiana.
Il costruttore bresciano Renato Marini. Logorato da una lunga malattia, si è spento nella sua casa dietro il Galana Center, una delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si aggravano le condizioni della scrittrice e conservazionista italiana ma cittadina keniana Kuki Gallmann. 
Dieci giorni dopo l'attentato subito all'interno del suo ranch di Laikipia, nella Rift Valley del Kenya, la settantatreenne ambientalista autrice del best seller "Sognavo l'Africa" è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una notte di pioggia a Malindi, una madre disperata che forse cerca tardivamente di abortire e che partorisce in uno dei quartieri poveri della cittadina.
Un gesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un velivolo di proprietà della compagnia charter Fly SAX, che effettuava la rotta Kitale-Nairobi, è scomparso ieri pomeriggio dai radar della torre di controllo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO