Personaggi

PERSONAGGI

Tommaso, moderno Re Magio italiano in Kenya

Raccoglie incenso e mirra con rispetto dell'ambiente e impegno sociale

22-05-2019 di Freddie del Curatolo

Tommaso Menini, trentasettenne milanese, è l’ennesimo “cervello in fuga” dall’Italia che ha scelto il Kenya per il suo business completamente sostenibile, che oltre a rispettare l’ambiente, aiuta le comunità pastorali del Nord e Nord Est del Paese.
Ormai per Menini, trasferitosi giovanissimo in Australia dove si è laureato in Commercio Internazionale a cui ha aggiunto un master in comunicazione e marketing, di ritorno nella sua Milano. Solo un anno, per poi tornare all’estero ed bbracciare l’Africa. Il Belpaese non è al momento un’opzione lavorativa.
“Dopo gli studi in Oceania, ho lavorato come cooperante in Uganda, nella regione del Karamoja – racconta Tommaso – e lì ho iniziato ad interagire con le comunità locali, lavorando a progetti sulle microeconomie nelle zone aride e semiaride. Poi il trasferimento in Kenya, sempre inizialmente come cooperante ma anche per motivi affettivi”.
Casi della vita: a Sidney Tommaso ha conosciuto una donna keniana che sarebbe diventata la madre di suo figlio Dante, che oggi ha 5 anni ed è, come dice lui stesso, il suo stimolo più grande ad alzarsi tutti i giorni e lavorare al sucesso della sua azienda.
E’ nelle zone semi-aride del Kenya, come Isiolo, Moyale, Marsabit e Wajir, che l’italiano trasforma la sua passione in affari, mettendo sempre in primo piano la tutela dell’ambiente, già provato dalla deforestazione per fare delle poche piante presenti carbone, e l’aiuto alle comunità locali.
La sua intuizione è la raccolta di gomme e resine.
Un moderno Re Magio pronto a trasformare in oro l’incenso e la mirra.
“Ho deciso di fondare un’azienda, la Agar (African Agency for Arid Resources) – spiega Tommaso – che si concentra soprattutto sulla lavorazione della gomma arabica, di incenso e mirra che attraverso l’antichissimo processo della distillazione a vapore, vengono trasformati in olii essenziali. Lavorando con la gente di luoghi poveri e minati da tensioni etniche e da condizioni climatiche spesso difficili, allo stesso tempo svolgo campagne di sensibilizzazione per salvare piante che possono dare sostentamento attraverso la collezione di resine, che non è affatto invasiva”.
Il forte impatto sociale ed ambientale dell’azienda messa in piedi dal commerciante italiano, è una delle tante interessanti realtà in crescita in Kenya e sta attirando l’interesse di organizzazioni e partner internazionali.   
“Ci siamo occupati di risorse grezze per quasi due anni, prima di focalizzarci sull'aggiunta di valore attraverso la distillazione di resine (incenso e mirra) e la lavorazione della gomma arabica. Abbiamo investito e ottenuto finanziamenti per macchinari che nel futuro prossimo potranno espandere la nostra attività ed includere tra i nostri prodotti anche piante grasse come Aloe, Agave e Opuntia, anche loro tipiche di zone aride e semi-aride”.
L’attività frenetica di Tommaso e l’esperienza accumulata nel settore, lo porta anche a lavorare anche come consulente per analisi, studi e valutazioni dirette ad attività nelle suddette zone, dove Agar è tra i pochi esponenti del settore privato ad avere una presenza regolare e concreta.
“Stimolando ONG ed istituzioni come ad esempio la FAO, che presto collaborerà con noi, possiamo dare una speranza in più ad aree particolarmente colpite dal cambiamento climatico – afferma Tommaso – d’altronde abbinare uno spirito imprenditoriale moderno con attenzione al sociale ed ecosostenibilità è la formula giusta oggi in Africa per un’attività sana e redditizia”.
Il Kenya ormai è casa per Tommaso e non solo perché non si separerebbe mai dal piccolo Dante. Qui c’è la possibilità di crescere e far crescere, anche se un occhio e’ sempre rivolto all’Italia dove un giorno gli piacerebbe tornare per aiutare il suo paese natale, mettendo a disposizione il suo talento.
“Mi sentirò sempre italiano per lo spirito di adattamento che riconosco in me ed in tanti miei connazionali – ammette – ringrazio il mondo anglosassone come palestra di vita e di business, e oggi benedico l’Est Africa come la mia casa, spero per ancora molti anni a venire”.

FOTO GALLERY
TAGS: incenso kenyagomme kenyamirra kenyazone aride kenyatommaso menini

Tommaso Menini, trentasettenne milanese, è l’ennesimo “cervello in fuga” dall’Italia che ha scelto il Kenya per il suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Le cosiddette "piccole piogge" di quest'anno assomigliano molto alle sorelle maggiori di maggio e giugno.
Le precipitazioni abbondanti e continuate di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'è un ritrovato ottimismo tra gli albergatori di Malindi e dintorni.
E' quanto traspare dalle recenti interviste rilasciate da alcuni manager e proprietari di strutture turistiche, alle porte di una nuova stagione che si prospetta importante.
Hotel e Resort come...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più che l’economia del Paese fecero la siccità e i tempi lunghi per il raccolto del mais.
Fatto sta ...

LEGGI L'ARTICOLO

Tempi durissimi per le famiglie dell'entroterra malindino, così come in tante altre zone del Kenya, rese aride dalla prolungata siccità e flagellate dall'aumento dei prezzi del cibo di sussistenza.
Sabato scorso dalla fattoria della NGO italiana Karibuni di Langobaya è partita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Procedono e neanche tanto "pole pole" i lavori di asfaltatura della strada per lo Tsavo che parte da Malindi e arriva al Sala Gate, ovvero l'ingresso più a sud del grande Parco Nazionale dello Tsavo Est, meta di migliaia di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'è Messa Alta stamattina alla S.Anthony Cathedral.
I bianchi e i neri si mischiano nei lunghi banchi scuri; a vederli sembrano una tastiera di pianoforte. 
La Messa ha un sentore di magico; anche se dura un casino, anche se non...

LEGGI TUTTO

La costa del Kenya è ritenuta più sicura di alcuni mesi fa. L'Intelligence Britannica, una delle istituzioni investigative ritenute tra le più attendibili a livello mondiale, ha consigliato il Governo del suo Paese di ritirare il "Travel Advisory" che sconsigliava...

LEGGI TUTTO

Il servizio meterologico del Kenya (KMD) ha emesso nel pomeriggio di oggi un comunicato per allertare la popolazione costiera riguardo ad un'ondata di maltempo che, secondo le previsioni degli studiosi, dovrebbe interessare fin da domani la regione bagnata dall'Oceano Indiano.
Nella giornata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una sopraelevata modello giapponese per decongestionare il traffico cittadino di Nairobi, particolarmente il centro, il cosiddetto CBD (Central Business District). E' il progetto presentato dalla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Preparare i generatori, pulire ed oliare i meccanismi, fare scorta di carburante ed...

LEGGI L'ARTICOLO

L’assenza di precipitazioni nel mese di agosto ha confermato l’allarme siccità lanciato dal...

LEGGI L'ARTICOLO

Vivaldi, le sue stagioni e il barocco veneziano per un pomeriggio rivivranno in un giardino tropicale di Malindi, grazie alle note dei musicisti Francesco D'Orazio (violino) e Michele Visaggi (piano).
L'iniziativa, promossa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da qualche giorno in Kenya è stato dato un "giro di vite" per l'applicazione del codice della strada, che spesso viene dimenticato sia da chi dovrebbe rispettarlo, sia da chi dovrebbe essere preposto a farlo rispettare.
Il numero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero degli Esteri britannico, alle porte dell'alta stagione e delle feste natalizie, ha dichiarato le mete turistiche del Kenya più battute dai propri connazionali, luoghi sicuri (consigliando la solita dovuta cautela da rispettare per chi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per tre giorni Nairobi è stata messa in ginocchio dalle alluvioni.
Continui temporali hanno allagato parzialmente la città, causando crolli di ponti e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO