Ultime notizie

AVVERTENZE

"Italiani a Malindi e Watamu, precauzioni serie da subito"

Le indicazioni del nostro luminare in visita sulla costa

23-03-2020 di Mauro Saio

A Malindi e Watamu, com’è noto, c’è una nutrita comunità di italiani che vivono o trascorrono buona parte dell’anno in Kenya.
Alcuni hanno fatto ritorno in Italia in questi giorni o partiranno nei prossimi tre disponibili, ma non posso certo dare torto a chi vuole rimanere sulla costa keniana, data la situazione che possono trovare attualmente nel nostro Paese.
La nostra Ambasciata comunque sta cercando di organizzare un volo speciale di rientro per rimpatriare chi ne farà richiesta.
Allo stesso tempo è fondamentale che nessun italiano, neanche i residenti se possibile, in questi due giorni parta alla volta del Kenya.
Oltretutto, come da nuovo decreto, sarebbero quarantinati non a casa propria, ma in una struttura keniana a loro spese. 
A chi ha deciso di restare e chi vive qui, in questo momento difficile per l’emergenza Coronavirus voglio dire di essere i primi a seguire DA SUBITO le regole che sono alla base della speranza di ridurre il più possibile il contagio di questo virus molto invadente.
In questi giorni sono stato in visita nelle due località e ho riscontrato che da parte dei connazionali non c’è ancora una vera coscienza di quello che sta accadendo.
In Kenya ci sono già 15 casi conclamati, di cui quattro sulla costa e le prossime due settimane saranno fondamentali per capire se si tratterà di episodi sporadici o se siamo di fronte all’inizio di un’epidemia, nell’ambito della pandemia globale conclamata.
Ho visto gente allo stesso tavolo nei bar italiani e locali, gente in giro che non rispetta le distanze.
Questo atteggiamento è già molto grave. Da oggi probabilmente tutto questo non accadra più, perché ci saranno controlli in tal senso, e invito tutti gli italiani per primi, consci di quello che è accaduto nel nostro Paese, a rispettare queste regole elementari e dare l’esempio. Anche gestori e proprietari dei locali hanno la responsabilità di far rispettare queste norme.
Connazionali, evitate il più possibile di uscire di casa, evitate di salutare direttamente chicchessia con strette di mano e i locali o negozi troppo affollati. Piuttosto attendete che si svuotino, prima di entrare, e disinfettate le mani prima di toccare prodotti o altro, e anche dopo. E' anche molto importante, fondamentale per gli anziani essere isolati anche a livello familiare, stare in stanze separate dagli altri se possibile e specialmente lontani dai bambini, che sono i principali portatori asintomatici del virus.
Chiunque in questo momento, keniani compresi, può essere un asintomatico portatore di Covid19, le precauzioni sono da prendere con chiunque.
Non vi potete fidare di nessuno studio o ricerca che propongono farmaci (specie quelli anti malaria come la clorochina) o precauzioni che eviterebbero sintomi e contagi. Non è neanche sicuro che il virus possa avere meno effetto con le temperature calde, dato che l’unica certezza è che il Covid19 muoia a 56 gradi con 100% di umidità, quindi più o meno in una sauna.
Le uniche precauzioni da prendere, come già detto, sono quelle trasmesse dal Governo: lavarsi e disinfettarsi, evitare il più possibile di uscire, evitare contatti umani.
Ma è fondamentale rispettarle, assolutamente.

TAGS: mauro saiocoronavirus malindiitaliani kenyaprevenzione kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Dottor Mauro Saio, luminare italiano di Malattie Tropicali e da quarant’anni al Nairobi Hospital, uno degli...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Coronavirus non arriverà in Africa Subsahariana perché non resiste al caldo? O invece appena ...

LEGGI L'ARTICOLO

La cura preventiva per la malaria, per i turisti che frequentano il Kenya, è ormai superata.
Le importanti conquiste scientifiche che il Kenya per primo ha sperimentato, più di dieci anni fa, stanno dando i loro frutti con numeri che...

LEGGI L'INDICAZIONE PER INTERO

DAL NOSTRO INVIATO A NAIROBI - «Profilassi farmacologica contro la malaria? No grazie.
Oggi la malaria si cura ai primi sintomi. I farmaci che si usano per la prevenzione costano cari e hanno effetti collaterali. Meglio l' artemisimina, un principio...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya si prepara a chiudere quante più porte possibili al Coronavirus.
Dopo l’annuncio...

LEGGI L'ARTICOLO

Una categoria alla volta, per sensibilizzare e fornire gli strumenti utili alla prevenzione. Questi ...

LEGGI L'ARTICOLO

In quattordici contee del Kenya è già scattata la prevenzione per l’emergenza Coronavirus e le regole saranno...

LEGGI L'ARTICOLO

Il tycoon cinese Jack Ma, proprietario e fondatore della piattaforma di vendita online Ali Baba e tra i grandi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha firmato una direttiva per contrastare il Coronavirus nel suo...

LEGGI L'ARTICOLO

I dati del Governo parlano di un calo del 42%, ma sulla costa del Kenya si arriva anche al 60%.
La malaria sta scomparendo velocemente dal Paese e i numeri, mese per mese, lo confermano.
La notizia è di quelle...

LEGGI TUTTO

Il Malaika Beach Villas e relativo ristorante con lettini sulla spiaggia di Mayungu hanno deciso da...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno dei rimedi più semplici e sicuri per la malaria, oggigiorno, è curarsi con medicinali a base di artemisina e utilizzare la combinazione di due farmaci che stroncano la parassitosi una volta insorta.
All’insorgere della febbre alta, a questo punto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tempo di vacanze. Per chi si appresta a fare un viaggio in Kenya è utile un aggiornamento sulla situazione della ...

LEGGI L'ARTICOLO

Per prevenire una possibile epidemia di Coronavirus anche nel proprio Paese, il Governo del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il vaccino per la malaria è pronto, testato e dal 2018 sarà immesso sul mercato in Kenya, Ghana e Malawi.
L'accordo è stato raggiunto dalla Glaxo, multinazionale farmaceutica che ha acquistato il vaccino, e gli stati africani che, dopo aver...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Emergenza Dengue Fever nella Contea di Mombasa, giò 159 i casi segnalati tra Likoni e Bombolulu.
La perdurante siccità e le improvvise dilaganti piogge hanno costituito l'allevamento del virus trasmesso dalle zanzare, che in altre zone del mondo è già...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI