Ultime notizie

SOLIDARIETA'

Chakama, si inizia a correggere il tiro sulla solidarietà

Parte lo stage di 2 ragazzi con un progetto sostenibile di Karibuni Onlus

20-09-2020 di Freddie del Curatolo

Spesso la nostra visione della solidarietà possibile e costruttiva in Kenya combacia con quella di una onlus che da tanti anni con coerenza ed inevitabili ma intelligenti correzioni di traiettoria ed obbiettivi lavora bene sulla costa del Kenya, ovvero Karibuni Onlus.
Recentemente i lettori più attenti ed interessati hanno seguito il nostro ritorno nel villaggio di Chakama, realtà rurale come tante, con i suoi problemi di miseria e difficoltà legate all’ambiente e al decentramento, ma anche tristemente salito alla ribalta della cronaca per la vicenda del rapimento della connazionale Silvia Romano.
Vicenda che ha anche portato a galla certe malpratiche di piccole organizzazioni di volontariato che hanno portato una solidarietà temporanea e poco funzionale a creare condizioni di crescita e di stabilità su tenori di vita migliori, anzi talvolta hanno anche speculato sull’indigenza di questa gente.
Più volte noi di Malindikenya.net, anche grazie all’aiuto di alcuni lettori, ci siamo recati in questo villaggio dell’entroterra malindino per verificare la situazione della popolazione locale. Situazione più che problematica, perché ai danni della povertà permanente si sono aggiunti quelli del passaggio del “volonturismo”.
Lo stesso Gianfranco Ranieri, sulle pagina social di Karibuni Onlus appunta:
“Tante associazioni italiane e privati che qui hanno mandato fiumi di denaro per una miriade di progetti con il risultato però che la crescita di questa comunità è stata impercettibile anzi generando in tanti ,sopratutto nei giovani, l’idea che fosse dovere degli italiani mantenerli e loro diritto non fare nulla o quasi. E' un parere personale , infatti qui Karibuni Onlus non e' mai intervenuta”.
In più la situazione è peggiorata per l’emergenza Covid-19 e Malindikenya.net, già impegnata con il Rotary di Malindi, l’associazione PWAM e la Camera di Commercio nella distribuzione alimentare ai nuclei familiari e ai villaggi più vulnerabili, ha risposto alla chiamata del responsabile della comunità locale Albert Chome e si è recata nel villaggio per una distribuzione extra.
Karibuni si è unita ed insieme abbiamo subito cercato una maniera sostenibile per portare il nostro contributo e cambiare la mentalità specialmente nei giovani.
Così il direttore dei progetti di Karibuni, Jackson Kanai, ha proposto un’iniziativa sulla falsariga di quello che stanno da tempo portando avanti con successo a Langobaya, facendo per esempio diminuire la disoccupazione del 12% sia con progetti diretti che con l’indotto. Così è nata l’idea di offrire a due giovani di Chakama, Shukrani di 22 anni e Benson di 18, di recarsi per due mesi a Langobaya per uno stage gratuito di agricoltura ed allevamento, approfittando della provvisoria chiusura delle scuole. Altri ragazzi, specialmente quelli che hanno imparato meglio le tecniche da “savana boys” di quanto gli possa interessare studiare o lavorare, hanno rifiutato la nostra proposta. Ora si spera che i primi due allievi di Karibuni Onlus traggano il massimo profitto da questa esperienza e poi vedremo come lanciare con loro il primo progetto di agricoltura sostenibile anche a Chakama.

TAGS: solidarietà kenyachakama kenyakaribuni onlus

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Gli sforzi e la generosità della comunità italiana, del nostro portale e di molti imprenditori del settore turistico di Malindi e Watamu sta per concretizzarsi con la prima importante donazione per le famiglie degli sfollati dell'entroterra malindino.
Nei prossimi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia è arrivata come un fulmine nel villaggio di Chakama, nell’entroterra di Malindi. Ma ...

LEGGI L'ARTICOLO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ho letto con attenzione l'articolo di Daniela Venturelli sul volontariato spesso poco corretto di alcune associazioni. 
Fa riferimento a progetti a Chakama molto sponsorizzati da una onlus di cui si sono perse le tracce e che ha lasciato molte delusioni...

LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

la NGO italiana Karibuni ha avviato un nuovo progetto in collaboraIone con le autorità dell’educazione della Contea di Kilifi e con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quindici anni di impegno senza pari per il distretto di Malindi, quindici anni di serietà e di...

LEGGI L'ARTICOLO

La più importante ed organizzata realtà solidale italiana della costa del Kenya, Karibuni Onlus, ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Erano le sette di sera nel tranquillo villaggio di Chakama, poco più di ottanta di chilometri a nord di Malindi, nel mezzo della verde vallata del fiume Galana.
In questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una bimba giriama che sorride a una piccola compagna di giochi della tribù dei masai, è l'immagine più bella di integrazione razziale in Kenya, all'alba della campagna per le prossime elezioni nazionali.
Siamo a Baolala, nell'estremo entroterra di Malindi. Uno degli ultimi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Dopo quella donata alcuni mesi fa all'ospedale di Gede, altre due motoambulanze donate dalla NGO italiana Karibuni, grazie al contributo importante di associazioni italiane e privati, per aiutare le strutture sanitarie della costa del Kenya. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La polizia di Ngao, villaggio nella regione del Tana River, dove da quasi due mesi si concentrano le ricerche di Silvia Romano, ha trattenuto in stato di fermo un volontario italiano, che collabora anche con la onlus Africa Milele per cui...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da una Onlus di amici comaschi e i progetti di Mida con il primo Vescovo di Malindi, Francis Baldacchino, alle tante iniziative scolastiche, di sanità (la maternità di Marafa e l'ospedale di Gede soprattutto), al microcredito e infine all'autosostentamento agricolo, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ stato rinviato al prossimo anno il processo ai presunti complici dei rapitori che dodici mesi fa...

LEGGI L'ARTICOLO

Una ragazza italiana di 23 anni è scomparsa ieri sera, forse a causa di un rapimento successivo ad una rapina a mano armata nell'entroterra di Malindi, nel villaggio di Chakama.
Secondo i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO