Ultime notizie

CURIOSITA'

E i keniani scoprirono gli animali domestici

Boom di cliniche veterinarie e assicurazioni per gli amici a 4 zampe

30-08-2018 di redazione

Tre decenni or sono, quando i primi occidentali iniziavano a frequentare assiduamente il Kenya e a stabilirsi, con le famiglie e con le loro abitudini "moderne", i keniani ci guardavano spesso come persone eccentriche, per non dire come matti.
Non eravamo più gli avventurieri di una volta, cacciatori o proprietari terrieri, né solo imprenditori edili o del turismo, ma anche piccoli commercianti, ristoratori ed altri mestieranti che sceglievano il Kenya per iniziare una nuova vita, portandosi dietro le cose più care.
Tra queste c'erano spesso gli animali domestici: cani, gatti, in qualche caso anche merli, pappagalli ed altre specie da compagnia.
Per i keniani, la cui aspettativa di guadagno mensile non superava mai le centomila lire (oggi la manovalanza ancora guadagna poco più di 100 euro), vedere un "mzungu" che spendeva bei soldi per far viaggiare, vaccinare e poi nutrire in Kenya un gattino o un Jack-Russell, era pura follia.
"Noi qui facciamo la fame e per quel gattino il padrone di casa spende migliaia di scellini in croccantini e cibo speciale".
Oggi, dopo anni di crescita, di evoluzione e di apertura globale dell'informazione, la cosiddetta classe media keniana sta sperimentando il piacere di essere circondata da animali da compagnia.
Secondo un'inchiesta di Business Daily in Kenya i veterinari e le cliniche per cani e gatti stanno facendo affari ultimamente.
Ma non solo, è boom anche delle assicurazioni per i piccoli amici a 4 zampe.
Nella terra dei felini e degli elefanti, oggi si spendono grandi cifre per le cure mediche di ogni specie a cui ci si affeziona a casa:
Oltre ai cani (che vengono acquistati e tenuti in grande considerazione anche perché fungono da guardie della propria casa) i keniani hanno scoperto la nuova passione per i mici, importando anche specie rare e gatti particolari che costano dai 300 euro in sù..
Le assicurazioni per cani di razza raggiungono anche i 1000 euro all'anno.
Ma c'è anche chi porta dal medico degli animali la propria capretta, diventata un esemplare da compagnia, o addirittura una gallina, al guinzaglio.
Indubbiamente la storia si ripete: ora saranno i loro dipendenti degli stessi cittadini keniani a valutare di essere sottopagati, rispetto alle spese che sostengono per Fido e Minou. 

TAGS: cani kenyagatti kenyaveterinari kenyaassicurazioni kenya

Tra i servizi importanti di Malindi che non chiudono per ferie, c'è da segnalare quello per i...

LEGGI L'ARTICOLO

La maggior parte dei viaggiatori che vogliono portare in Kenya animali domestici, si riferiscono a cani e gatti.
Innanzitutto, prima di acquistare un biglietto, assicurarsi che la compagnia aerea accetti animali a bordo o nella stiva.
Specialmente i voli charter sono...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

Un nuovo negozio a Malindi per gli amici a quattro zampe a Malindi.
Al Vera Cruz Complex in Lamu Road (di fronte al Malindi Complex) ha aperto "Cat & Dog Food", un rivenditore autorizzato "Skinner’s", leader inglese nella produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

Come abbiamo già annunciato, i 34 mila lavoratori stranieri in regola in Kenya hanno tempo fino al 21 luglio per presentarsi negli uffici dell'Immigration di Nairobi per il processo di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Wide Satao, il mitico elefante di oltre quarant'anni, conosciuto dai rangers, dalle guide esperte e dagli appassionati frequentatori dello Tsavo Est per le sue enormi, incredibili zanne, è stato salvato dalle grinfie dei bracconieri e riportato alla vita, dopo che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

I voli internazionali diretti su Malindi, sognati immaginati e attesi almeno da due decenni, sembrano davvero alle porte.
Dopo le assicurazioni del Presidente Kenyatta nei giorni scorsi, surrogate dai fatti che vedono ultimati ampliamento degli spazi di manovra e parcheggio dei boeing e recinzioni, un'ulteriore...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se incontrate un bambino che bazzica in spiaggia tutto il giorno elemosinando caramelle, pennarelli, scellini e che non vi lascia in pace finché non vi ha strappato la promessa che il giorno dopo gli porterete un regalino, provate a chiedergli...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Avremmo potuto aggiornarvi ogni ora, nelle ultime 24 ore.
Le notizie si susseguono, di informazioni ne arrivano anche troppe e le testimonianze attendibili sono sempre poche, ma aiutano a comporre un quadro della situazione.
Questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato. L'inevitabile progresso che sta arrivando anche nelle cittadine turistiche costiere di Malindi e Watamu, con i relativi problemi di deforestazione per costruire nuove abitazioni...

LEGGI TUTTO

Secondo la polizia locale ed alcune fonti raccolte dai cronisti del quotidiano nazionale keniota "The Standard", nelle ultime ore si sarebbe ristretta l'area di ricerca delle forze congiunte keniane e italiane che stanno da giorni setacciando la vastissima area di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da qualche giorno in Kenya è stato dato un "giro di vite" per l'applicazione del codice della strada, che spesso viene dimenticato sia da chi dovrebbe rispettarlo, sia da chi dovrebbe essere preposto a farlo rispettare.
Il numero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna a sorridere il mercato vacanziero sulla costa keniana, soprattutto per quanto riguarda inglesi e tedeschi, e la Condor aggiunge un charter in più da Monaco di Baviera, dopo quello da Francoforte e Dusseldorf.
Tolti i veti, ricevute assicurazioni dalle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ormai si sa, gli stranieri ma soprattutto gli italiani sono eccellenti leoni da tastiera, cani...

LEGGI L'ARTICOLO

Non credo che i kenioti conoscano la filastrocca che mia nonna mi cantava da bambino: "piove, piove, la gatta non si muove, si accende la candela, si dice buona sera..." anche perché qui le candele costano e si consumano in...

LEGGI TUTTO