Ultime notizie

NEWS

Il discorso integrale di Kenyatta sulla riapertura

Traduzione in italiano di Malindikenya.net

06-07-2020 di redazione

Ecco la traduzione in italiano del discorso di lunedì 6 giugno 2020 del Presidente del Kenya sulla riapertura graduale del Paese all'economia e agli spostamenti.

Cari concittadini,

L'ultima volta che mi sono rivolto a voi il 6 giugno di quest'anno, la Nazione si è trovata di fronte a un dilemma di DUE DIRITTI sulla crisi del COVID-19. Le due posizioni dominanti erano se riaprire o meno il Paese.
Una parte dei cittadini presentava un'argomentazione economica. Volevano che riaprissimo il Paese e salvassimo l'economia. Sostenevano che COVID era una crisi sanitaria, ma era anche sostanzialmente una crisi economica. Se ci occupiamo dell'economia, sostenevano, la crisi sanitaria sarà più facile da gestire, soprattutto con i protocolli necessari.
La parte opposta ha presentato un'argomentazione convincente contro la riapertura del Paese il 6 giugno 2020. Questo gruppo di esperti, composto da medici e ricercatori, ha sostenuto che il Paese non era ancora pronto.
I loro modelli indicavano un'impennata della pandemia se avessimo riaperto il paese senza i necessari protocolli sanitari. Secondo loro, bisognava rispettare una serie di minimi irriducibili prima di poter prendere in considerazione l'allentamento delle misure di contenimento in atto.
Dopo molte riflessioni, la mia Amministrazione ha optato per l'argomentazione della salute piuttosto che per quella economica. Ancora di più perché col tempo possiamo sempre far rivivere un'economia malata; ma non possiamo riportare in vita coloro che muoiono a causa di questa pandemia. E con questo come nostra strada intrapresa, ci siamo posti l'obiettivo di costruire i minimi irriducibili.
La guida di esperti e critici che abbiamo consultato su questo percorso nell'ultimo mese è oggi alle mie spalle. E la domanda che abbiamo davanti a noi è la seguente: Abbiamo raggiunto questo minimo irriducibile? Siamo pronti a riaprire?

Secondo gli esperti e chi opera nella Sanità, non abbiamo raggiunto il minimo irriducibile al 100%.
Tuttavia, il consenso tra di loro è che abbiamo raggiunto un ragionevole livello di preparazione in tutto il paese per permetterci di riaprire.
Con questa opinione di esperti a portata di mano, e con i consigli offerti dal Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC), oggi annuncio una riapertura graduale del Paese come segue:

I.             Primo, ordino e dirigo che la cessazione dei movimenti in entrata e in uscita dall'area metropolitana di Nairobi, dalla contea di Mombasa e dalla contea di Mandera, attualmente in vigore, scada alle 4:00 di martedì 7 luglio 2020.

II.            Due, ordino e dirigo che il coprifuoco nazionale attualmente in vigore tra le ore 21.00 e le 4.00 del giorno, sia ed è prorogato di altri 30 giorni.

Riaprendo Nairobi, Mombasa e Mandera, siamo più a rischio di quanto non lo fossimo quando le restrizioni erano in vigore. Dobbiamo quindi esercitare un cauto ottimismo ed evitare l'abbandono sconsiderato. Credo che, sebbene la strada per la ripresa sia rocciosa e irregolare, sia percorribile. Ed è per questo che devo dare due qualificazioni alla riapertura graduale.

In primo luogo, l'ordine di riapertura è dato in modo condizionato. Se la situazione dovesse peggiorare e rappresentare una sfida per le nostre infrastrutture sanitarie, sarà rivista.
Nei prossimi 21 giorni studieremo i modelli di interazione e la diffusione della malattia.
Se le tendenze che segnalano un peggioramento della pandemia, non avremo altra scelta se non quella di tornare al blocco a opzione zero.

In secondo luogo, questo ordine darà i suoi frutti solo se eserciteremo una responsabilità condivisa. La mia intenzione è quella di riaprire e di rimanere aperti. L'opzione "artiglio indietro" non è affatto nella mia lista dei desideri.
Ma per riaprire e rimanere aperti, Il cittadino DEVE diventare il custode di suo fratello. Mentre il governo, senza dubbio, farà la sua parte per realizzare il desiderio di rimanere aperto, voi, popolo, dovete anche fare quello che ci si aspetta da voi personalmente per realizzarlo. Questa è, quindi, una chiamata nazionale alla responsabilità civica.
E su questo devo aggiungere che la responsabilità civica non è una richiesta che lo Stato si pone da solo. Non è una richiesta che può essere fatta valere. È un dovere che si paga ai propri connazionali per coesistere con loro. È un atto volontario di buona volontà espresso ai vostri vicini nella buona e nella cattiva sorte. È un dovere civico difendere e proteggere voi stessi, la vostra famiglia e l'ambiente che vi nutre.
La mia chiamata nazionale a tutti voi, quindi, è di ridurre al minimo i contatti e gli spostamenti inutili. Incoraggio tutti i kenioti a prendere in considerazione la possibilità di ritardare i viaggi non essenziali  e ad esercitare estrema cautela e fedeltà all'uso corretto delle maschere facciali, al lavaggio delle mani e all'igienizzazione delle mani, all'allontanamento fisico e sociale e alla preoccupazione per la salute degli anziani e delle persone immunodepresse. E bisogna sempre ricordare che non ci sono responsabilità insopportabili di fronte a una crisi come quella in cui ci troviamo.
Con il parere del Consiglio di sicurezza nazionale e del Comitato nazionale di risposta alle emergenze sulla pandemia di Coronavirus, ordino e dirigo le seguenti misure graduali:

I.             I luoghi di culto inizieranno la riapertura graduale per il culto della congregazione e il culto pubblico (di persona) in stretta conformità con tutte le linee guida e i protocolli applicabili, comprese le linee guida di autoregolamentazione sviluppate dal Consiglio interreligioso;

II.            In linea con le linee guida emanate dal Consiglio Inter-Faith, solo un massimo di cento (100) partecipanti saranno ammessi ad ogni cerimonia di culto e non più di un'ora;

III.           Le scuole domenicali e le Madrassa rimarranno sospese fino a nuovo avviso, e il culto di persona non includerà congregati di età inferiore ai tredici (13) anni o superiore ai cinquantotto (58) anni o persone con condizioni di base.

IV.          Dopo aver consultato le parti interessate del settore dell'educazione e conoscendo l'aumento del tasso di infezioni, il Ministero dell'Educazione, insieme a tutte le parti interessate del settore, notificherà oggi, entro domani, la ripresa del Calendario Accademico 2020 per l'Educazione di Base e le Istituzioni Terziarie.

V.            Consapevoli che il movimento delle persone è un catalizzatore per la diffusione della malattia, non ci sarà alcun movimento di veicoli di trasporto pubblico in entrata e in uscita dalle aree precedentemente soggette a restrizioni di movimento, senza che i fornitori di trasporto pubblico siano conformi a tutti i protocolli sviluppati dal Ministero della Salute. Per operare, i veicoli di servizio pubblico gli operatori richiederanno una certificazione obbligatoria da parte del Ministero della Salute, in consultazione con il Ministero dei Trasporti.

VI.          I viaggi aerei locali all'interno del territorio della Repubblica del Kenya riprenderanno da mercoledì 15 luglio 2020; in stretta conformità con tutte le linee guida e protocolli applicabili sia dal Ministero della Salute che dalle autorità dell'aviazione civile;

VII.         I viaggi aerei internazionali in entrata e in uscita dal territorio della Repubblica del Kenya riprenderanno a decorrere dal 1° agosto 2020; in stretta conformità con tutti i protocolli del Ministero della Sanità, delle autorità locali e internazionali dell'aviazione civile e di qualsiasi altro requisito aggiuntivo applicabile nei porti di partenza, di arrivo o di transito;

VIII.        Il divieto di riunioni sociali e politiche, di qualsiasi natura, è prorogato per un ulteriore periodo di 30 giorni;

IX.           La limitazione dell'esercizio dei bar al solo "take-away" e le restrizioni sul numero di persone che possono partecipare a matrimoni e funerali è prorogata per un ulteriore periodo di 30 giorni;

X.            Il Ministero della Salute, in collaborazione con il Ministero dell'Industrializzazione, del Commercio e dello Sviluppo delle Imprese, stabilisca protocolli per la ripresa dell'importazione e della vendita di abiti importati/secondamano.

Mentre attuiamo la riapertura graduale, rimango vigile alle sfide economiche e sociali che il nostro Paese si trova ad affrontare.
Posti di lavoro sono andati perduti, imprese hanno chiuso e i mezzi di sussistenza sono in pericolo. E questo è il triste stato delle cose in tutto il mondo. Ma la storia ci ha insegnato che la crisi COVID non è il primo disastro sanitario con sfide economiche così enormi. Ce ne sono state molte altre prima di questa. Tuttavia, coloro che hanno superato i disastri precedenti e sono tornati in corsa, hanno iniziato cambiando prima le loro mentalità.
In altre parole, non è sufficiente che i governi pompino risorse nell'economia usando strumenti di stimolo, come abbiamo fatto noi. Tali sforzi andranno sprecati se la gente non co-crea soluzioni con il Governo.
Coloro che hanno superato i precedenti disastri della storia lo hanno fatto perché hanno agito come se fossero una cosa sola. Il popolo e il suo governo sono entrati in una joint venture per soggiogare le loro sfide.
Questo, quindi, significa per noi rilanciare l'economia, riaprire e rimanere aperti, il governo e il suo popolo devono collaborare. Oggi vi ho invitato ad esercitare una responsabilità civica l'uno verso l'altro. Ma non voglio che esercitiate questa responsabilità solo nella lotta contro la pandemia COVID-19. Voglio che abbiate una responsabilità condivisa con il governo nel rilanciare la nostra economia. E che lo facciamo cambiando prima la nostra mentalità nazionale. Abbiamo l'opportunità di cucire un "nuovo modo di pensare nazionale".
Il mio discorso del Madaraka Day del 1° giugno 2020 ha posto le basi per questo cambiamento di mentalità. Ho sfidato tutti noi a reinventare il Kenya nel modo in cui i nostri Padri Fondatori immaginavano "una nazione dal nulla". E oggi, con una popolazione molto più giovane, vi sfido a ri-immaginare i nostri modelli economici e di business come riapriremo domani. Dobbiamo ricordare che il virus Corona è un nemico invisibile. Non possiamo affrontare questo nemico perché non possiamo vederlo, possiamo solo evitarlo. Ed eludere un nemico invisibile richiede immaginazione.
Invece di fare affari come al solito, quindi, il momento ci chiama a fare affari inusuali. Quando riapriamo, non possiamo usare le vecchie mappe per navigare nelle nuove terre create dal momento. Dobbiamo avere il coraggio di lasciar andare i vecchi modelli di ieri per trovare le nuove opportunità che questa crisi ci offre oggi.
Coloro che cambieranno la loro mentalità e abbracceranno la nuova normalità, saranno favoriti dal destino. Incoraggio in particolare i nostri giovani a raccogliere questa sfida di reimmaginare i nostri modelli di business.
E sì, possono anche non avere capitali, ma la moneta del momento COVID sono le idee e i giovani kenioti sono una fucina di idee.
Noto con soddisfazione che la nostra industria tessile ha già colto l'occasione e ha fatto leva sul lato positivo della crisi COVID per creare opportunità per i nostri connazionali. Grazie a questa iniziativa, il Kenya sta oggi emergendo come esportatore nel Continente di mascherine DPI.
Plaudo al Fondo di risposta COVID-19 per aver affidato all'industria locale la produzione di DPI per i nostri operatori sanitari. Incoraggio altri settori della nostra economia a reinventare il Kenya come esportatore netto. Passando al fronte sociale come ultimo punto, sono preoccupato per l'aumento delle tensioni all'interno delle nostre case. I casi di violenza sulle donne sono aumentati, i problemi di salute mentale sono peggiorati e i casi di gravidanza adolescenziale sono aumentati.
Faccio appello alle istituzioni sociali, comprese quelle religiose, affinché esercitino una responsabilità civica per porre fine a queste disidcevoli tendenze.
Dobbiamo sempre ricordare che la famiglia è una proiezione dello Stato. Se la famiglia è sotto attacco, lo Stato è sotto attacco. Se la famiglia è debole, lo Stato è debole.
Pertanto, per rafforzare la nostra protezione della famiglia come fondamento dello Stato, dispongo inoltre che il Centro nazionale di ricerca sul crimine si attivi per contrastare:

i) i crescenti casi di violenza sulle donne;

(ii) la preoccupante tendenza dei casi in cui le adolescenti sono state private della loro libertà;

(iii) la violazione dei diritti dei bambini.

A questo proposito, il Centro è inoltre incaricato di preparare una consulenza alle nostre agenzie di sicurezza sulle azioni correttive entro 30 giorni dalla data del presente documento e di avviare un'azione penale immediata contro tutti i trasgressori.

Infine, e come dato di fatto storico, la crisi ha due elementi in comune. Il primo è il pericolo, il secondo è l'opportunità. Il successo è dato alla persona che sfrutta l'opportunità ed elude il pericolo. E per sfruttare le opportunità che ci vengono date al momento della riapertura, la nostra mentalità deve essere quella di un creatore di cose.

Dobbiamo rimanere positivi perché una "...Nazione positiva è una NAZIONE in movimento".
“Kenya mbele leo kesho na milele”. Dobbiamo tutti sforzarci di riportare il fiume al suo corso.

Grazie e Dio vi benedica; e Dio benedica il Kenya.

TAGS: riapertura kenyaviaggi kenyadecisioni kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Spiegando i perché di una decisione molto sofferta in cui "non c'era da prendere una decisione giusta o...

LEGGI L'ARTICOLO

Il più importante tour-operator italiano tra quelli che operano in Kenya, Alpitour, ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya è uno dei nove Paesi più sicuri dove viaggiare in tempi di Covid-19, per lavoro o vacanza, secondo...

LEGGI L'ARTICOLO

Vacanze nei resort del Kenya a Natale? Turismo di massa ma anche di repeaters che ...

LEGGI L'ARTICOLO

The New Normal, “La nuova normalità”. Con questo motto il Ministro del Turismo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Le speranze di riapertura di voli e aeroporti per il mese di maggio potrebbero riguardare anche il Kenya ed...

LEGGI L'ARTICOLO

Presto dovrebbe esserci un comunicato ufficiale del Governo keniano su una riapertura parziale...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Italia ha deciso di rinviare al 10 agosto ogni decisione riguardo alla riapertura dei...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel giorno della riapertura ai viaggiatori internazionali, il Kenya ha registrato 723 casi positivi ...

LEGGI L'ARTICOLO

In molti si attendevano che il Presidente Kenyatta, nel discorso di ieri reso subito dopo il...

LEGGI L'ARTICOLO

Questa volta la parola "fine" è stata scritta, anzi forgiata sulle saracinesche che sono state saldate e lucchettate.
Il supermercato Nakumatt, all'interno del centro commerciale Oasis di Malindi, ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal prossimo 27 maggio chi possiede in Kenya un boiler da più di 100 litri, quindi specialmente hotel, condomini e aziende, sarà considerato fuorilegge se il suo impianto per l'acqua calda non sarà ad energia solare.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Clicca sul file allegato per scaricare e leggere il protocollo del Ministero del Turismo del Kenya...

LEGGI TUTTO

Potrebbe essere questione di pochi giorni, forse di ore e il Governo del Kenya annuncerà...

LEGGI L'ARTICOLO

Con la riapertura delle frontiere aeree internazionali, pur con restrizioni e oggettive difficoltà, il ...

LEGGI L'ARTICOLO

All’indomani del discorso alla Nazione del Presidente Uhuru Kenyatta, in cui ha annunciato il prolungamento...

LEGGI L'ARTICOLO