Ultime notizie

STORIE

L'uomo più vecchio del mondo potrebbe essere keniano

Per i documenti ha 136 anni. I parenti: "fategli esame DNA"

09-09-2020 di Freddie del Curatolo

Sembrava una delle tante leggende che non entreranno mai nel Guinness dei Primati e conferiscono solo effimera notorietà a chi ha vissuto un’esistenza centenaria lontano dai riflettori e tantomeno dall’abbagliante confusione mediatica della società moderna.
Julius Wanyondu Gatonga, keniano della regione di Nyeri, potrebbe davvero essere l’uomo più anziano del mondo, se il test del DNA confermasse quello che è scritto sulla sua carta d’identità nazionale: nato nel 1884. Supererebbe di ben 19 anni l’attuale recordmen di longevità, il giapponese Tanaka, nato nel 1903 e riconosciuto ufficialmente per i suoi 117 anni.
In realtà l’ex operaio delle ferrovie (o meglio, i suoi nipoti che stanno cercando di dare ufficialità al suo record) non può appellarsi al documento, perché gli esperti del Guiness sanno bene quanto l’anagrafe africana sia poco attendibile. Oltretutto in tempi coloniali nelle aree rurali si veniva registrati solo nel caso si accedesse ad un istituto scolastico o religioso.
Per le istituzioni keniote quella data risulta fin dai tempi dell’Indipendenza quando Gatonga chiese di iscriversi al registro sanitario. L’archivio degli uffici preposti non arrivava così indietro, e il discorso si era riproposto anni dopo. Nessuna pensione o mutua per i nati prima del 1900.
Ma sono tante le coincidenze temporali che potrebbero far pensare all’autenticità della data di nascita dell’ultracentenario keniano. Julius racconta all’agenzia di stampa keniana KNA che, come tutti i kikuyu all’epoca, è stato circonciso e che faceva parte della cosiddetta “società del telefono”, perché ai tempi era appena arrivato il telefono a Nairobi e Mombasa e il gruppo di giovani che entravano nell’età adulta si facevano chiamare così: "Rika ria thimu".
La società del telefono è propria dei primi del Novecento. Secondo i suoi ricordi il Matusalemme di Nyeri sarebbe stato circonciso a 24 anni nel 1908.
Ci sono molte altre circostanze che farebbero pensare almeno ad un uomo di 115 anni. Il quinto figlio, l’unico in vita, ne ha 76 e ricorda un padre già vecchio quando era bambino, e un fratello maggiore morto che sembrava coetaneo del padre.
“Per quanto ne so – dice il figlio Jackson – potrebbe essere anche più vecchio della data del documento d’identità”.
Durante l’intervista rilasciata al quotidiano People Daily, Gatonda, un ometto gioviale e lucido di un metro e mezzo di altezza, ha raccontato della sua prima moglie da cui ebbe due figli. Altri otto li ha fatti con la seconda moglie. Tutti passati a miglior vita prima di lui, tranne Jackson e una sorella ottuagenaria. La sua discendenza, a quanto si dice in giro, arriverebbe a 150 persone tra nipoti bis, tris e quater.
Gatonda ha raccontato di aver iniziato a lavorare come cameriere per un indiano di Nairobi all’inizio del Novecento, guadagnando 3 scellini al mese. Poi con l’apertura delle ferrovie dell’Africa Orientale (1901) iniziò a lavorare nell’azienda, prima di lasciare il lavoro e permettersi di vivere con i prodotti della sua farm nel villaggio natale di Weru.
Al villaggio rurale, il supercentenario dice di essere stato un grande ballerino e di aver intrattenuto gli abitanti del villaggio con le danze tradizionali Kikuyu che attiravano enormi folle.
Nell’avventurosa esistenza di James Wanyondu Gatonga c’è anche l’arresto e la detenzione nel famigerato campo di detenzione di Manyani durante la guerra dei Mau Mau per l’indipendenza. La sua colpa era stata aver fornito cibo ai combattenti nella foresta. Anni prima, nel 1922, era in piazza da adulto quando arrestarono il sindacalista Harry Thuku. Fu uno dei primi momenti “caldi” in cui il Kenya prese consapevolezza della sua identità di nazione libera.
Ma i suoi ricordi di guerra vanno ancora più indietro, ha anche ricordi degli echi della Prima Guerra Mondiale, oltre che della seconda con i numerosi campi prigionieri a Nyeri e dintorni, in cui tra l’altro erano detenuti centinaia di italiani.  
Oggi Gatonda vede poco e sente ancora meno, il suo stomaco accetta quasi solo passati di verdura ma è in buona salute. Avverte i giovani di evitare alcool e fumo e di mangiare quanto più possibile prodotti del proprio villaggio, soprattutto verdura.
Ma il vero segreto della longevità, secondo Gatonda, è non litigare mai con nessuno e vivere con la coscienza di essere onesti. Fa bene al cuore. E il figlio conferma che suo padre è sempre stato così.
Nell’epoca attuale, è un fenomeno quasi più raro che vedere un ultracentenario.

TAGS: vecchi kenyaanziani kenyaetà kenyadocumenti kenyastorie kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Ancora otto mesi di tempo per i cittadini keniani per convertire il vecchio passaporto con il nuovo 

LEGGI L'ARTICOLO

La Corte d’Appello del Kenya ha proposto una modifica alla legge attuale per abbassare l’età del consenso sessuale da ...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il popolo giriama e le continue vessazioni a cui è sottoposto, a causa delle nuove generazioni che minacciano i padri e i nonni per appropriarsi dei loro ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il Baby Marrow Art & Food di Malindi apre una finestra sul popolo Makonde e sulla sua arte di scolpire il legno.
Il popolo mozambicano dei Makonde oggi è famoso in tutto il mondo per le sue sculture, ma ha una...

LEGGI TUTTO

Una buona notizia per tutti i cittadini keniani che non hanno ancora fatto a tempo a passare dal vecchio...

LEGGI L'ARTICOLO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Qualora il cittadino italiano si trovi in una situazione di emergenza (ad esempio un turista in transito che deve ripartire ed ha smarrito o è stato derubato del proprio passaporto) e non si faccia in tempo ad esperire la necessaria...

LEGGI ATTENTAMENTE LE INDICAZIONI CLICCANDO QUI

Vi avevamo già avvisato della nuova iniziativa di registrazione digitale di cittadini keniani e residenti stranieri nel ...

LEGGI L'ARTICOLO

Potrebbe essere presa per un vezzo, considerata tutta una vita dedicata all'arte ad altissimi livelli, la proprietà di una delle gallerie più importanti d'Italia, a Brescia e la collaborazione con fotografi e designer di livello internazionale.
Ma la passione per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già quasi duecento gli stranieri fermati sulla costa keniana con permessi scaduti o irregolari, o con documenti falsi di attesa di work permit ed altri documenti non regolari. Dopo quasi due mesi dall'inizio dei controlli successivo alle registrazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I kenioti hanno ancora una settimana per registrarsi a Huduma Namba, a seguito di un ordine di proroga da...

LEGGI L'ARTICOLO