Ultime notizie

TURISMO

Locali tipici e cucina swahili: cresce il food tourism in Kenya

Giovani attratti dall'esperienza della gastronomia locale

16-10-2019 di Freddie del Curatolo

Negli ultimi anni il turismo gastronomico è cresciuto in maniera considerevole in tutto il mondo.
Lo si deve alla popolarità di certe trasmissioni come Hell’s Kitchen e di personaggi come il compianto Anthony Bourdain, che abbinava il piacere del mangiare e bere alle cucine tradizionali di ogni Paese visitato e di conseguenza ai viaggi alla scoperta di genti e territori e anche alla diffusione mediatica di piatti e relativi ristoranti specie nell’ambito dei social network.
Così anche in Kenya i turisti stanno scoprendo il "food tourism" che si traduce con un maggiore interesse per la cucina locale, particolarmente quella swahili della costa che per cultura e commistioni ha molti sapori, ricette e sorprese da proporre.
Negli ultimi due anni è facile notare come sulla costa del Kenya si siano moltiplicati gli eventi che hanno come fulcro assaggi o proposte culinarie.
Lo “street food” si è evoluto e anche se si tratta di piatti da consumare al volo, è piacevole vedere i banchetti ai lati delle strade (come succede non da molto a Watamu la sera lungo la via del centro) e nuovi ristorantini locali che aprono e viaggiano che è un piacere.
Il caso più eclatante a Malindi è senza dubbio il Seafront, ristorantino swahili nella zona del Baobab aperto a pranzo e cena e pieno più o meno a tutte le ore. Con la tecnica del fast food, il Seafront (gestito da musulmani quindi rigorosamente senza alcolici) offre piatti che non solo sono gustosi ma offrono una panoramica della cucina della costa del Kenya: gamberetti al cocco con riso saltato, polpo in umido, pesce alla swahili e gli immancabili chapati, samosa e riso pilau.
Altro motivo del successo, la spesa media in locali come questo: difficilmente si esce a pancia piena avendo speso più di 4 euro. Come bevanda, da assaggiare il succo di tamarindo e a fine pasto il “black spiced tea”, un té con aggiunta di spezie profumatissime.
E’ rilevante il fatto che molti ristoranti internazionali abbiano deciso di inserire nei loro menu anche piatti tipici del Kenya. O che i loro cuochi sperimentino cucina fusion, abbinando suggestioni d’oriente a cibi africani e trattando la materia prima dell’oceano indiano con marinature o accostamenti del tutto europei. A Malindi il Baby Marrow propone molti piatti swahili, a Watamu lo chef Diego Tosi del Tamu Restaurant invita ad un viaggio di sapori, profumi e colori che abbraccia più continenti. Un dato interessante è l’attrazione degli stessi turisti keniani per la cucina swahili. Anche se Malindi è riconosciuta come l’enclave italiano e di conseguenza “pizzaland” e “pastaland”, il pesce cucinato alla maniera tradizionale, con sughetti al cocco o al mango e mix di spezie e i piatti indiani (curry, masala) rivisitati all’africana sono molto ricercati.
Il crescente interesse per luoghi di piacere come il Crab Shack di Dabaso a Watamu, gestito da allevatori di granchi dove si possono gustare le uniche samosa con la loro freschissima polpa, o il più rustico “prawn lake” dove invece le samosa vengono farcite con i gamberi, è significativo. Il Swahili Café di Timboni recentemente è stato inserito nella guida allo Street Food in Kenya da un noto influencer locale.
Sono i giovani, in genere più gli altri europei degli italiani, a scoprire questi angoli dove abbinare l’esperienza gastronomica alla bellezza di luoghi meno contaminati possibili.
Molti turisti, specie quelli non di primo pelo e di stomaco delicato, si spingono anche più in là, nei chioschi e nelle taverne locali dove è il piatto nazionale, la “Nyama choma” (non è altro che carne di bovino adulto quasi abbrustolita alla griglia) e il pollo la fanno da padroni, ma certe verdure saltate come il cavolo stufato (tradizione mijikenda), la mchicha e la sukumawiki la fanno da padroni.
Qui, a differenza delle trattorie filo islamiche, si trova anche la birra che è sempre un bel connubio con certi cibi. Inutile dire che la “Tusker baridi sana” (la birra locale molto fredda) è un piacere, un sollievo e un accompagnamento ideale. La si può anche gustare in abbinamento allo street food che si incontra ad ogni angolo, specie a Mombasa, Malindi e Lamu: “viazi karai” (le patate impastellate con limone e pilipili), bajia (frittelline di verdure), cassava fritta (buonissima), focaccette al sesamo ed altre leccornie.
Per tutti gli altri, oltre che mastercard, c’è la buona, classica cucina internazionale di “pizzaland” e dintorni.

TAGS: cucina kenyastreet food kenyaswahili kenyagastronomia kenya

Un mese e mezzo di meritate ferie, e uno dei punti di riferimento della ristorazione italiana ed internazionale a Malindi riapre i...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti un barman professionista nell'oasi più esclusiva di Watamu, due bicchieri su un tavolino che si affaccia nella baia sull'oceano dai colori mozzafiato.
Se poi sta per arrivare il tramonto, dopo una giornata di mare, sole ed allegria, il cocktail...

LEGGI TUTTO

Una stagione lunga e positiva, con tante conferme per uno dei locali storici di Malindi e uno...

LEGGI L'ARTICOLO

La piattaforma digitale "Malindians.com", creata da un gruppo di giovani malindini che hanno a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'esplosione nei pressi di un fast-food e di un cinema, in una zona molto frequentato ai margini del CBD, la zona centrale di Nairobi.
L'ordigno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avete mai sentito parlare della Zucca di Lare?
E dell'ortica della foresta di Mau?
Del pollo e del capretto di Molo, del sale rosso del fiume Nzoia, il miele di Ogiek e lo yogurt del West Pokot fatto con la...

LEGGI TUTTO

Le patate impastellate con aroma di limone e anima di peperoncino sono una delle delizie dello street food della costa keniana.
Si chiamano "Viazi Karai" e vengono vendute ad ogni angolo di strada, fritte al volo negli wok sistemati in...

LEGGI LA RICETTA

Sabato 19 ottobre nell’area pubblica dell’ex Sinbad Hotel di Malindi, di fianco al Casinò (dove...

LEGGI L'ARTICOLO

Un giovedì sera speciale, come nella tradizione del Baby Marrow Art & Food Restaurant di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La rassegna del Cibo e della Cultura italiana a Nairobi non poteva avere sede migliore dello storico hotel Sarova Stanley nel centro della capitale keniana.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA FOTOGALLERY

I venerdì sera di settembre dello storico e rinnovato hotel ristorante La Malindina, il salotto buono di Malindi, sono all'insegna...

LEGGI L'ARTICOLO

La Settimana Mondiale della Cucina Italiana quest’anno in Kenya si celebra sulle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana per celebrare la gastronomia e la cultura italiana a Nairobi, con musica, mostre fotografiche, danza, teatro ed altri eventi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il programma di settembre dello storico e rinnovato hotel ristorante La Malindina, il salotto buono di Malindi, è...

LEGGI L'ARTICOLO

Tutti in spiaggia a festeggiare la nostra italianità. Venerdì 29 la Settimana Mondiale della Cucina Italiana ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Malindina per una sera si veste dei colori, degli aromi, dei sapori, delle musiche e dei costumi swahili della costa keniana.
Martedì sera...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO