Ultime notizie

CELEBRAZIONI

Madaraka Day: il discorso di Kenyatta in italiano

L'intervento integrale nel giorno dell'Indipendenza

02-06-2020 di redazione

Miei concittadini e amici,
La celebrazione di oggi si sta svolgendo in modo non convenzionale.  Per la prima volta in 57 anni, non siamo in grado di celebrare il Madaraka Day in un raduno pubblico a causa della pandemia COVID-19.  Mi rivolgerò invece a voi dalla State House.
Grazie per averci raggiunto attraverso la radio, la televisione e altri media per celebrare questa giornata.
Per prima cosa, permettetemi di salutarvi e di augurare a tutti voi un Felice 57° Madaraka day; un giorno in cui i nostri Padri Fondatori hanno raggiunto il diritto all'autogoverno.
Ricordiamo questo giorno con dolci memorie della lotta per l'indipendenza e della nascita della nazione keniota e con essa il nostro sogno.
Siamo ulteriormente incoraggiati dal fatto che, uniti nella lotta, abbiamo sconfitto qualcosa di enorme.  E mentre oggi combattiamo la pandemia del coronavirus, la nostra vittoria sui colonizzatori dovrebbe ricordarci che "...anche questo passerà".
Anche se rallentato dalla crisi sanitaria e dal rallentamento dell'economia causato da COVID-19, sono ulteriormente confortato dagli insegnamenti dei nostri Padri Fondatori.  Ci hanno insegnato ad essere "...MIGLIORI nel nostro momento più buio".  Ci hanno insegnato a non mettere in discussione nel buio, i sogni che abbiamo sognato nella luce.
E quando i nostri sogni hanno toccato il fondo, ci hanno insegnato a non abbandonarli, ma a ri-immaginarli, invece. Ci hanno detto che "toccare il fondo" è in realtà una base su cui si può costruire.
Questo momento di CORONA in cui ci troviamo è, sì, un momento oscuro, ma i fondatori della nostra nazione ci chiedono di essere al nostro meglio.  E questa richiesta non è un’astrazione; l'hanno praticata loro stessi mentre lottavano per portarci all'autogoverno.
Compagni kenioti,
L'autogoverno richiedeva di sognare eroicamente, di abbracciare l'ignoto e di offrire di morire per un ideale.  Ma non è stata un'impresa facile.  Mentre migliaia di persone hanno perso la vita in battaglia, il sogno di Madaraka si è trasformato sempre più in "...un ponte troppo lontano".
Eppure, nei loro momenti più bui, i nostri padri fondatori non hanno abbandonato il corso.  Al contrario, l'hanno ri-immaginato, ri-raggruppato e ri-impegnato in modo diverso.
Molti sono morti prima di respirare l'aria della libertà.  Ma molti di più sono vissuti per testimoniare la fioritura di nuove nazioni all'indomani della seconda guerra mondiale.  E questo ha dato loro la speranza che il sogno keniota fosse a portata di mano.  Era possibile.
Grazie alla loro fede e alla loro forza d'animo, hanno combattuto la buona battaglia e hanno vinto. 
E da questo, ci hanno donato il Kenya.   In questo giorno di Madaraka, li ringraziamo per questo dono e per i loro insegnamenti su come rimodellare un'idea di fronte a sfide enormi e a una crisi infuriata.
Oggi, e in tutte le future giornate di Madaraka, rifletteremo sullo stato del sogno keniota.  E nel meditarlo, dobbiamo ricordare che il Kenya è ancora un "work in progress".
Allo stesso modo, mentre riflettiamo sui progressi che abbiamo fatto, mentre guardiamo dentro di noi per l'auto-introspezione, non dobbiamo fare troppe critiche.  E lo dico perché, nel subconscio, diventiamo ciò che facciamo ripetutamente. 
Se nutriamo ripetutamente la nostra psiche nazionale con energia negativa, diventiamo una nazione di persone arrabbiate.  Eppure i sogni non possono fiorire in un ambiente negativo, la cui moneta principale è la rabbia.  
Compagni kenioti,
In questo giorno di Madaraka, voglio che ripensiamo il Kenya.  E ancora di più, perché il COVID-19 ci ha costretti a reimpostare i nostri sistemi nazionali.
Ma per reimmaginare il nostro sogno e la nostra nazione, dobbiamo riflettere sulla nostra storia, perché la storia ha delle leggi che ci mostrano il futuro.  Dobbiamo cominciare a porci una serie di domande.
Come è stato immaginato il sogno keniota all'inizio?  E come siamo diventati?  Com'era il progetto originale del "Progetto Kenya"?  Facciamo un'indagine storica in risposta a queste domande.
Miei concittadini,
Due anni dopo il primo Madaraka Day, i nostri Padri Fondatori hanno adottato il documento di sessione numero 10 del 1965.  Si intitolava "Il socialismo africano e la sua applicazione alla pianificazione in Kenya".   Questo era il documento di visione per la nostra giovane nazione ed era pieno di sogni per il futuro a venire.
Immaginava un Kenya con un'economia africanizzata.  Un'economia in gran parte di proprietà locale; le cui industrie producevano per i mercati regionali; e in cui la tecnologia era la luce e il calore del commercio. Una nazione che attingeva da se stessa, per se stessa.
Questo sogno è stato ulteriormente articolato da Jaramogi Oginga Odinga nel suo libro: "Not Yet Uhuru", pubblicato nel 1967.   Il tema centrale di questo libro era che l'Indipendenza non era completa finché l'economia non era nelle mani degli africani.
Jaramogi immaginava un Kenya che non si scusava per come era; un Kenya che "poteva stare in piedi da solo in un mondo ostile al popolo africano"; e un Kenya che è "capace di impresa e sviluppo in campi al di là dei nostri shambas".
Tom Joseph Mboya, uno degli altri Padri Fondatori, ha fatto eco al sogno.  Ma nel suo libro "Freedom and After" ci ricorda che le grandi cose sono fatte di una serie di piccole cose.
E che la costruzione di una nazione è opera di tanti piccoli eventi e transizioni; tanti piccoli fallimenti e successi. Ma le principali riflessioni di Tom Mboya erano sulla costituzione.  Essendo stato coinvolto nel processo costituente di Lancaster negli anni '60, Mboya ha messo in guardia la nazione contro la rigidità costituzionale.
In particolare, sosteneva che la costituzione non può essere utile a un Paese se è fine a se stessa.  Una buona costituzione deve rispondere alle aspirazioni di una nazione ed essere un mezzo per raggiungere un fine più grande.
E se l'architettura politica fornita da una costituzione non può sostenere la crescita e il progresso di una nazione, quella costituzione diventa un cancro per il "body politik".
Da parte sua, il Padre Fondatore della nostra Nazione, Mzee Jomo Kenyatta, immaginava un Kenya libero già negli anni '30, mentre era a Manchester nel Regno Unito.  Il suo sogno è dipinto nel suo libro: "Affrontare il Monte Kenya", pubblicato nel 1938.
In questo sogno, ci avverte che il seme della libertà metterà radici solo se la nostra mentalità si concentrerà sulla cosa giusta.  Nell'impresa di costruire la nazione, ha avvertito, non dobbiamo concentrarci su ciò che è stato fatto; la nostra attenzione dovrebbe essere concentrata su ciò che resta da fare.
E questo perché è naturale, ogni volta che un obiettivo viene raggiunto, un nuovo obiettivo diventa necessario e urgente.  La giusta mentalità è, quindi, un punto critico per far nascere un sogno.
Ma Mzee Kenyatta ha fatto un'altra affermazione nei suoi diari delle prigioni, pubblicato in un libro intitolato: "Sofferenza senza amarezza".  Riflettendo sulle sue lotte in prigione, Mzee ha detto che se la speranza ti sostiene attraverso il fuoco, la fede è più grande perché ti permette di saltare oltre il fuoco.

L'atto di immaginare e costruire una nazione dal basso verso l'alto deve quindi essere un atto di fede.  E la fede, secondo lui, è l'atto di far conoscere a Dio le proprie intenzioni, ma farsi carico dei metodi necessari per realizzarle.
Compagni kenioti,
I nostri Padri Fondatori ci hanno lasciato con profondi insegnamenti e convinzioni.  Ora dobbiamo evocare gli insegnamenti mentre ri-immaginiamo la nostra nazione.
Abbiamo realizzato i sogni dei Padri Fondatori così come sono stati catturati nel “Sessional Paper” numero 10 del 1965 e rivisti nel “Sessional Paper” numero 1 del 1986.
Inoltre, abbiamo fatto progressi ammirevoli nell'attuazione della Visione 2030, mentre la mia amministrazione attua l'Agenda dei Big Four.  Ma questa Visione si concluderà tra 9 anni.  L'urgenza di una nuova visione e di un nuovo sogno è quindi reale.
Come il Kenya negli anni '50, la Sacra Bibbia richiedeva alle nazioni di premere il pulsante di reset ogni 50 anni. Il cinquantesimo anno, tutti i debiti sono stati cancellati, gli schiavi sono stati liberati e tutte le terre sono state lasciate incustodite.
Questa azione ha portato rinnovamento all'anima della nazione; guarigione alla terra e una nuova visione al suo popolo.  La chiamarono: "l'Anno del Giubileo".
Ma per poter realizzare questo nuovo sogno e prepararci al "...grande balzo in avanti", dovevamo finire ciò che i nostri Padri Fondatori avevano iniziato.  E questo è ciò che ci siamo prefissati di fare nella nostra ricerca per sradicare i resti dell'ignoranza, della povertà e della malattia in mezzo a noi.  Questo ha ispirato l'agenda di trasformazione della mia amministrazione per la nazione - la "Big Four Agenda".  Permettetemi di farvi solo tre esempi di attività incompiute avviate dai nostri padri fondatori e che stiamo cercando di portare a termine.
Il primo è infrastrutture - la spina dorsale e l'abilitazione di qualsiasi economia.  E con questo intendo le strade, le ferrovie e i porti.   All'epoca dell'indipendenza, avevamo solo 1.800 chilometri di strade asfaltate.
Questo è ciò che i colonizzatori hanno costruito in 78 anni di occupazione tra il 1885 e il 1963.   Questo significa che ogni anno riuscivano ad asfaltare solo 23 chilometri.
Dopo l'indipendenza, i nostri Padri Fondatori costruirono altri 11.200 chilometri di strade asfaltate.  Questo fu fatto in un periodo di 50 anni dal presidente Jomo Kenyatta, dal presidente Moi e dal presidente Kibaki, con una media di 224 chilometri all'anno.  Questo è stato 10 volte quello che avevano fatto i colonizzatori.
Ma con una migliore tecnologia, pianificazione ed efficienza, la mia amministrazione ha costruito 1.000 chilometri di strade asfaltate ogni anno.
Questo è 44 volte di più di quello che l'amministrazione coloniale ha costruito, e più di 4 volte quello che le prime tre Amministrazioni hanno costruito collettivamente all'anno.
Anche se siamo orgogliosi di questo risultato, sono consapevole del fatto che questo non sarebbe stato possibile senza il vostro sostegno, compagni kenioti.
Per quanto riguarda i porti, i nostri Padri Fondatori li hanno visti come porte d'accesso ai mercati regionali e internazionali.  Oltre al porto di Lamu, che cambierà dinamicamente il commercio regionale, l'altro progetto è il porto di Kisumu.
Questo porto è stato costruito dai colonizzatori, ma ad un certo punto è crollato.  Da allora lo abbiamo fatto rivivere per scopi strategici.  Il lago Vittoria serve sia il corridoio nord che quello sud.
E con questo porto, il Kenya può servire la regione da Mwanza e Bukoba in Tanzania, a Jinja e Entebbe in Uganda; e Muhoma Bay in Ruanda a costi accessibili e con tempi ragionevoli.

Oltre a servire la regione, il porto è pronto a promuovere la costruzione e la riparazione navale in Kenya.  Esso catalizzerà anche lo sviluppo di altri piccoli porti. E ciò di cui sono più orgoglioso è che abbiamo fatto rivivere la capitale morta di questo porto utilizzando competenze e materiale locale.
Passando alle ferrovie, è qui che risiedono le mie più grandi critiche.  Ma va bene, non sono soli, sono in comunione con i colonizzatori che hanno chiamato la nostra ferrovia Lunatic Express.
Ma quelli che la chiamavano “la ferrovia verso il nulla” non si sono resi conto che stavano descrivendo Nairobi.  Nairobi era un nulla di fatto, quando la ferrovia era in costruzione.
In realtà, era una palude. Ed è per questo che Sir Charles Elliot, l'uomo che ha supervisionato la costruzione della ferrovia, ha osservato: "...Non è innaturale per un paese creare una ferrovia; ma innaturale per una ferrovia creare un paese".
Nairobi e la maggior parte del nostro Paese sono stati creati dalla ferrovia.  Ed è per questo che, a parte la SGR, sto facendo rivivere la defunta linea ferroviaria Nairobi-Nanyuki, che attraversa sei contee.  Sta per iniziare anche il ripristino della linea a scartamento da Naivasha a Malaba.
Il ripristino della linea ferroviaria centrale fa parte di una strategia di sviluppo più ampia per collegare l'entroterra con il porto di Lamu e il corridoio di trasporto del Sudan meridionale etiope.
Quando ciò accadrà, i kenioti potranno aspettarsi l'emergere di nuovi mercati lungo la linea ferroviaria e la fioritura delle città in risposta.
Il secondo esempio di lavoro incompiuto dei nostri Padri Fondatori riguarda la dignità del nostro popolo. La lotta per la libertà riguardava, tra le altre libertà, la liberazione dei kenioti dalla povertà della dignità.
Tre, per combattere quella che i Padri Fondatori chiamavano ignoranza, la mia amministrazione ha realizzato ampie riforme nel settore dell'istruzione.  Ci siamo assicurati il posto di orgoglio nel continente come sede della più alta transizione dall'istruzione primaria a quella secondaria in Africa.
Inoltre, la formazione tecnica e professionale sta mettendo radici mentre cerchiamo di riposizionare le nostre risorse umane per l'economia mondiale in continua evoluzione. Ma il lato umano di queste riforme si è anche concentrato sull'elettrificazione.
Abbiamo collegato il 99% di tutte le scuole all'elettricità.  E mentre lo facevamo ci siamo anche resi conto che una parte sostanziale dell'apprendimento avviene a casa, anche nei giorni migliori.  Ecco perché siamo stati motivati a fare il Programma dell'ultimo miglio per collegare le case all'elettricità.
Per la cronaca, vale la pena di notare che dopo 78 anni di dominio coloniale e 50 anni di amministrazioni indipendenti, un totale di 4,5 milioni di famiglie sono state collegate all'elettricità. Ma dal 2013, e in soli 7 anni della mia presidenza, abbiamo collegato quasi 3,5 milioni di famiglie, portando il numero delle famiglie collegate a 8 milioni.
Questo significa che abbiamo fatto 15 volte di più delle precedenti amministrazioni, per collegare i nostri cittadini all'elettricità.  Siamo orgogliosi di questo, non perché siamo migliori, ma perché dobbiamo finire l'attività dei nostri padri fondatori per immaginare un nuovo sogno.
Se le riforme dell'elettricità e dell'istruzione sono sostenute per combattere l'ignoranza, i nostri sforzi per combattere le malattie sono nel programma di assistenza sanitaria universale.  Le nostre riforme sanitarie vanno ben oltre le aspettative dei nostri padri fondatori.
Non solo abbiamo inviato sofisticati macchinari agli ospedali di tutte le contee per localizzare le cure.  Abbiamo anche reso questo trattamento quasi gratuito attraverso l'NHIF.  E lo abbiamo fatto perché la cattiva salute ha un modo di indignare le persone.
Ma con le cure vicine e i costi ridotti, un paziente non deve vendere la sua proprietà in cerca di buona salute.  Se questo era il sogno dei nostri Padri Fondatori, allora stiamo per realizzarlo.  La pandemia di coronavirus ha messo in evidenza l'urgenza di questo sforzo.

Il mio terzo esempio riguarda la terra.  Una motivazione critica per intraprendere la guerra di liberazione contro il dominio coloniale era la terra.  Riacquistare la nostra terra dai padroni coloniali e rivendicarla personalmente è stata una motivazione per la lotta.  Ecco perché l'"atto di proprietà" è diventato un emblema sacro per la maggioranza dei keniani.  È un segno guadagnato da una sorta di lotta. Dopo 50 anni di indipendenza, entro il 2013, quando ho assunto la presidenza della nostra nazione, sono stati emessi 6 milioni di atti di proprietà. Questo è stato un motivo della nostra fede nella lotta. Ma in soli sette anni, sotto la mia amministrazione sono stati emessi altri 4,5 milioni di atti di proprietà.  Questo è stato fatto per mantenere viva la promessa dei nostri Padri Fondatori.  Questi sono tra i tanti altri programmi e progetti che mirano a realizzare il sogno dei nostri padri fondatori.
Compagni kenioti,
Come ho già detto, Mzee Jomo Kenyatta ci ha insegnato che non dobbiamo concentrarci su ciò che è stato fatto, ma su ciò che resta da fare.
Ma nel darvi i tre esempi dei miei successi, non vi stavo dicendo cosa abbiamo fatto.  Vi stavo dicendo perché l'abbiamo fatto.  L'abbiamo fatto per finire il lavoro dei nostri Padri Fondatori, in modo da poter ri-immaginare il sogno del Kenya.
Ora passerò alle due cose che restano da fare per ri-immaginare il Kenya. La prima cosa risale a TJ Mboya e alle riflessioni che espone nel suo libro "Freedom and After" e nella sua raccolta di discorsi pubblicata sotto il titolo: "La sfida della nazione".
Cinquant'anni fa, Mboya ha messo in guardia i keniani contro la rigidità costituzionale.  Come ho già detto, ci ha detto che una costituzione non è un fine in sé, ma un mezzo per un fine più grande.
È un documento vivo.  E se alcuni elementi della costituzione sopravvivono ai loro scopi storici, diventano un cancro.  Devono essere rimossi o infetteranno gli elementi buoni della legge madre.
E questo è il motivo per cui abbiamo rimosso la sezione 2(a) che era stata aggiunta alla costituzione per l'indipendenza all'inizio degli anni Ottanta. Abbiamo rimosso questa sezione nel 1991 per creare un sistema multipartitico.  Questa sezione era sopravvissuta ai suoi scopi storici e si stava trasformando in un cancro politico.
Poi, dopo le violenze del 2008, abbiamo inserito nella costituzione il National Accord and Reconciliation Act (NARA), per espandere il braccio esecutivo del governo.  Questo è avvenuto per necessità storica. E nel 2010 abbiamo formulato e adottato una nuova costituzione, che sostituisce la costituzione per l'indipendenza.
Sono veramente grato all'Onnipotente per aver ricevuto il mandato dal popolo keniota non solo di guidarne l'attuazione, ma anche di servire come primo presidente in base a questa costituzione.
A dieci anni di distanza, sto già percependo un momento costituzionale.  Non un momento per sostituire la costituzione del 2010, ma un momento per migliorarla.  Un momento che rimedierà a ciò che abbiamo sbagliato nel 2010.  Ma fondamentalmente, il momento costituzionale che percepisco è un momento che porrà fine ai cicli di violenza insensati che abbiamo vissuto in ogni elezione dal 1992.  E che approfondirà le nostre credenziali democratiche e porterà a una società molto più inclusiva, che credo fosse l'intenzione degli ideatori della costituzione del 2010.
Compagni kenioti,
Non possiamo ripensare la nostra nazione senza cambiare la nostra architettura politica.  E non possiamo cambiare questa architettura senza reingegnerizzare la nostra costituzione.
Se abbiamo fatto grandi cose nel campo dei mattoni e della malta, le cose più grandi che restano da fare hanno a che fare con il nostro sistema di governance.  E non dobbiamo avere paura di cambiare questo sistema, se non serve ai nostri scopi attuali.

La seconda cosa che resta da fare è la trasformazione della nostra cultura civica. La cultura è al centro della ri-immaginazione di un sogno nazionale.  E quando i redattori del capitolo 6 della nostra Costituzione hanno messo la penna sulla carta, quello che volevano era mettere ordine in questa cultura.  Ma è difficile controllare una cultura politica.  Ancora di più se la cultura è come quella descritta da Cannon Donaldson dell'abbazia di Westminster.
Nel suo sermone del 20 marzo 1925, Donaldson parlava di una cultura che prospera in "...Politica senza principio; Ricchezza senza lavoro; Piacere senza coscienza; Conoscenza senza morale; Scienza senza umanità e Culto senza sacrificio".
E parte di questo sermone parla alla nostra realtà di keniani.  Se vogliamo premere il pulsante di reimpostazione e ri-immaginare i nostri sogni come nazione, dobbiamo trasformare la nostra cultura civica in una cultura tendente al dovere, al duro lavoro e all'integrità.
Miei concittadini,
Abbiamo bisogno di leader politici totalmente impegnati nella promozione non di se stessi, ma di ciò che trasformerà la vita del nostro popolo in linea con ciò che i nostri padri fondatori desideravano.  Infatti, come ha detto Martin Luther King, Jr: "Abbiamo bisogno di leader politici non innamorati del denaro, ma innamorati della giustizia.  Non innamorati della pubblicità, ma innamorati dell'umanità".
 Infine, farò delle osservazioni sulla nostra risposta nazionale alla pandemia di coronavirus. Come governo premuroso e reattivo, e per ammortizzare tutti i nuclei familiari kenioti contro gli shock economici innescati dalla pandemia del Coronavirus, continuiamo ad attuare progressivamente misure mirate per sostenere i mezzi di sussistenza.
Abbiamo ridotto le tasse per migliorare l'accessibilità economica di tutti i prodotti riducendo l'IVA dal 16% al 14%, e abbiamo aumentato i guadagni e il potere d'acquisto di tutti i dipendenti riducendo il PAYE, e abbiamo anche incentivato le aziende a trattenere il personale e le operazioni riducendo l'imposta sulle società.
Sabato scorso, ho annunciato il Programma di stimolo economico a 8 punti, che prevede l'invio di 53,7 miliardi di dollari alle famiglie keniote. Come parte di questo programma, il turismo è un'area chiave di risposta.
Il settore del turismo ha subito alcuni dei più gravi shock - a causa della limitazione dei movimenti, dell'interruzione dei voli internazionali e dell'introduzione di protocolli di distanziamento sociale.
Per rilanciare questo importante settore e per proteggere i suoi attori da pesanti perdite finanziarie, la mia amministrazione intende riorientare il nostro intervento offrendo un primo sostegno finanziario di 2 miliardi di Ksh. agli hotel e alle strutture collegate, per garantire che il loro personale mantenga i complimenti. 
Compagni kenioti,
Non dobbiamo essere convinti come popolo del perché dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per conquistare questo nemico invisibile - la malattia del coronavirus.   Ma per farlo, e riguadagnare il terreno che abbiamo perso, dobbiamo unirci come Nazione.  Ognuno di noi è chiamato a diventare uno Shujaa contro questa malattia.
Le misure di contenimento e i protocolli emanati dal Governo, pur essendo assolutamente necessari, hanno limitato le nostre libertà e il nostro stile di vita.
Comprendo l'ansia che pesa sulla mente di genitori e figli - in particolare quelli che si preparano agli esami nazionali.  Condivido il cuore pesante di tutti i fedeli che non possono più riunirsi e partecipare al culto dell'Onnipotente.
A questo proposito, e consapevole della tendenza emergente delle infezioni, vi dico quanto segue:

Che il Ministero dell'Educazione acceleri e finalizzi le consultazioni in corso con le parti interessate che forniranno un calendario adeguato per la graduale ripresa dell'educazione nel Paese.  Le linee guida dovrebbero includere anche protocolli da seguire da parte di tutte le istituzioni scolastiche per garantire la sicurezza dei nostri figli.
Consapevole del fatto che il Kenya è una nazione timorata di Dio, ordino al Ministero degli Interni e al Ministero della Salute di continuare e accelerare il loro impegno con i leader religiosi; con l'obiettivo di sviluppare protocolli che saranno adottati per guidare un modo di culto più partecipativo, garantendo la sicurezza dei fedeli. 
Compagni kenioti,
Permettetemi, a nome di una Nazione eternamente grata, di riconoscere ed elogiare i nostri operatori sanitari per aver dato il massimo a sostegno della nostra risposta a questa pandemia.
Riconosco anche i nostri ricercatori e innovatori, compreso il team di studenti universitari che ha progettato e costruito un ventilatore personalizzato.
Il Paese è anche in debito con le migliaia di keniani che hanno fornito i pasti ai nostri uomini e alle nostre donne in posti di blocco in uniforme, e con i nostri artisti che hanno sensibilizzato al virus attraverso la loro musica e le loro opere d'arte.
Riconosciamo ed elogiamo anche tutti coloro che hanno generosamente e disinteressatamente sostenuto il Coronavirus Response Emergency Fund; dal contributo di Ksh. 500 da parte dell'undicenne Zawadi Mutua, al contributo personale di Ksh. 300 milioni del Dr. James Mwangi e della famiglia.
Plaudiamo a tutti i kenioti che hanno donato al Fondo generi alimentari, vestiti, articoli sanitari e altri articoli di sostegno; che sono stati incanalati verso i kenioti bisognosi e vulnerabili colpiti da questa crisi.
Per riconoscere e onorare i kenioti che hanno dimostrato un servizio esemplare, sacrificio, patriottismo, eroismo ed elevato senso civico nell'aiutare a guidare il Kenya attraverso l'attuale pandemia; e a nome di una Nazione eternamente grata, in questo primo giorno di giugno 2020 ho emesso un Ordine Esecutivo che istituisce un nuovo Premio Nazionale (Premio Uzalendo) e una Commenda di Stato - L'ORDINE PRESIDENZIALE DI SERVIZIO.
I nomi dei destinatari inaugurali di questo alto onore nazionale sono stati pubblicati in un numero speciale della Gazzetta del Kenya a loro dedicato.
Compagni kenioti,
Vorrei concludere il mio discorso di oggi ribadendo la chiamata dei nostri Padri Fondatori.
Essi hanno attraversato il fuoco eppure hanno fondato una nazione che oggi chiamiamo Kenya; le loro voci ci chiamano in questo momento di oscura incertezza.
E ci dicono: "...di essere migliori nel nostro momento più buio".  Ci dicono che hanno combattuto la guerra di liberazione per oltre quarant'anni e che è arrivata.
E se vediamo il nostro attuale momento CORONA attraverso la lente di questa assicurazione storica: "...anche questo passerà!"
Dio vi benedica. Dio benedica il Kenya.

TAGS: indipendenza kenyadiscorso kenyattatraduzione kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Proprio il giorno prima della Festa della Repubblica in Italia, quest'anno arrivata in un clima quantomai confuso e desolante, ogni anno in Kenya si festeggia il Madaraka Day.
Cinquantasei anni fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Proprio il giorno prima della Festa della Repubblica in Italia, quest'anno arrivata in un clima....

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi in Kenya è festa nazionale. Si celebra infatti il "Jamhuri Day".
E' il giorno della Repubblica, ovvero la data in cui entrò ufficialmente in vigore l'Indipendenza del Kenya, il 12 dicembre 1963, con Jomo Kenyatta primo presidente.   
Jamhuri è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi in Kenya è festa nazionale, si celebra il cosiddetto Jamhuri Day.
Viene commemorato infatti il giorno della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya ha scelto la priorità per diventare una Nazione modello, o almeno cercare di imboccare la strada giusta.
Bisogna combattere e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cinquantaquattro anni fa, il 1 giugno del 1963, il Governo Ombra keniano, con Jomo Kenyatta Presidente, forgiò il primo stralcio della Costituzione del Kenya, che poi sarebbe entrata in vigore il 12 dicembre dello stesso anno.
Per questo oggi in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Altri trenta giorni di coprifuoco in Kenya dalle 21 alle 4 del mattini, con la sola variante che i ...

LEGGI L'ARTICOLO

Esattamente cinquant’anni fa, il 5 luglio 1969, il Kenya perdeva in...

LEGGI L'ARTICOLO

Almeno per ora, non ci sarà nessuna cerimonia di investitura di Raila Odinga quale "Presidente del Popolo del Kenya".
Lo "swearing-in" del candidato dell'Opposizione e del suo Vice Kalonzo Musyoka, annunciato una prima...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oltre sette mesi di crisi politica con due elezioni, ricorsi, minacce, giuramenti, manifestazioni ed ogni altra varietà di incidenti diplomatici e non.
Ora, con una conferenza stampa tanto improvvisa quanto sorprendente, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Ci vuole una svolta seria per evitare l'ingente numero di morti sulle nostre strade per incidente".
A parlare così, di fronte alla Nazione, è stato ieri il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il coprifuoco nazionale, almeno in alcune Contee del Kenya, potrebbe terminare presto. Lo...

LEGGI L'ARTICOLO

Seguendo le indicazioni di una sentenza dell'Alta Corte di Nairobi, del novembre del 2017, il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha deciso di dichiarare la giornata del 10 ottobre "festa nazionale".
In realtà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla fine il buon senso ha prevalso.
Probabilmente davanti al caos del giorno successivo alla proclamazione del nuovo Presidente e alle dichiarazioni animose della sua fazione, Raila Odinga ha preferito non scaldare ulteriormente gli animi di quella parte di nazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In molti si attendevano che il Presidente Kenyatta, nel discorso di ieri reso subito dopo il...

LEGGI L'ARTICOLO

Domenica mattina appare su malindikenya.net un articolo che ne annuncia la chiusura: "niente è per sempre", con la foto del direttore Freddie del Curatolo che saluta tutti. L'articolo viene rimosso alle 9 ma già decine di lettori inviano mail e...