Reportage

REPORTAGE

Malindi-Nairobi On The Road: seconda puntata

Vi raccontiamo il Kenya di oggi, tra "Corona" e cambiamenti

24-09-2020 di Freddie del Curatolo

Il viaggio è avventura e spesso si programma tutto nei minimi particolari per il recondito piacere di farsi scompaginare le carte dal destino, sperando sia solo uno spiritello dispettoso e non un Grande Bastardo.
Qui però non si tratta né della Paris-Dakar né di risalire il corso del fiume Okawango in piroga. Nairobi e Maasai Mara in automobile è un’escursione alla portata di molti.
Le uniche cose che il nostro modus vivendi non sopporta sono il traffico persistente della Mombasa- Nairobi e i serpentoni di camion in fila e di pullman che li sorpassano fregandosene bellamente di chi gli viene incontro. Così ci siamo fatti spiegare da un amico che vive a Kajiado, tra l’Amboseli e il Maasai Mara, un percorso alternativo che da qualche mese è tutto asfaltato e dove di elefanti di lamiera non c’è neanche l’ombra.
Usciamo dall’Hunters dopo una colazione rigenerante ma rifiutando cortesemente uova strapazzate e salsiccia, salutiamo il ritratto del cacciatore (di nome e di fatto) e due aironi affettuosi che si librano in volo indicandoci l’uscita e da Kiboko ci dirigiamo verso la cittadina di Emali.
Da lì la Highway diventerebbe un mezzo incubo, perché si va verso le salite di Sultan Hamud dove i tir ingranano la seconda e vanno a 20 all’ora, senza corsie preferenziali, formando code interminabili e impossibili da superare, a meno che non si voglia accedere alla corsia preferenziale per l’aldilà.
Quindi, poco prima dell’ingresso in Emali, prendiamo lo svincolo della strada che porta ad Oloitokitok, al confine con la Tanzania che qui dista un centinaio di chilometri, e ai piedi del Kilimanjaro. Ma non è lì che ci dirigeremo.
Dopo 22 chilometri svoltiamo a destra nella nuova strada asfaltata che collega il niente con la città di Kajiado. E’ una provinciale stretta ma tranquilla, percorsa più o meno solo da asini.
Sembra di stare in Barbagia, d’altronde ho sempre pensato che i maasai siano i sardi d’Africa...o viceversa. Mano a mano che ci si addentra, però, si assapora anche una povertà sempre più problematica e meno dignitosa.
Spariscono le capanne di fango, complice anche il cambiamento climatico, e appaiono baracche di lamiera. Le case in muratura sono poche e spesso sono uffici governativi o negozi pitturati di verde Safaricom. La pastorizia regna sovrana, gli asini battono le motociclette cinesi 3-1.
Ci fermiamo a Selengei, ai piedi dell’unico boschetto verde che abbiamo incontrato in 40 chilometri.
I bambini che sulla costa ti vengono incontro urlando “peremende” (e “Ciao”, ovviamente) qui sono più timidi e restii, anche perché quasi tutti fin dall’età di cinque anni hanno un bastone in mano per governare vacche e capre.
Spariscono frutta e parecchia verdura dalle scarne bancarelle, dove languono cipolle, pomodori e cavoli verdi.
Attraversare il Kenya significa imbattersi anche in situazioni come queste: non solo Natura selvaggia e “visioni di anime contadine”, non solo riminiscenze storiche e trampolini verso la modernità, ma anche ineluttabile miseria e dignitosa rassegnazione.
Ci sembra perfino stupido constatare che nessuno porta la mascherina e che l'unica percezione delle regole Covid-19 è nelle taniche con rubinetto, ma spesso senza sapone liquido, piazzate fuori dai negozi. Anzi, è proprio da quello che una baracca fatiscente adibita a ristorante o barbiere si distingue da una "casa" privata.
E' così fino a quando non si arriva alla periferia di Nairobi, dove le diseguaglianze rendono più evidenti i contrasti. Con tutto che, dopo aver incontrato la grande strada che collega Athi River al confine con la Tanzania di Namanga ed aver svoltato a Isinya, ci imbattiamo in sobborghi abbastanza tranquilli come Kiserian, prima di scollinare verso Ngong e sfilare di fianco alla sua verde foresta.
Delle colline di Karen Blixen oggi rimane solo quel colore: abitazioni di ogni tipo, dai palazzi di sei piani a capannoni con tetti di lamiera, tempestano l’orizzonte flessuoso. Traffico, commercio e, toh, qualcuno porta la mascherina.
Di distanze sociali manco a parlarne. Ci sono già quelle economiche con cui fare i conti.
Quando vidi per la prima volta le colline di Ngong, trent’anni fa, c’era ancora il profumo di caffè delle antiche farm e si arrivava a Karen in pochi minuti attraversando la meraviglia. Oggi di quelle sensazioni sono rimaste solo le stradine interne del quartiere residenziale, che portano proprio alla casa museo della scrittrice e alle ville di politici locali, professionisti e bianchi ben radicati.
Tempo di scaricare le nostre cose a casa di chi ci ospita e di andare a promuovere l’italianità di Nairobi. Come leggerete in altri articoli di oggi.
A domani!  

 

FOTO GALLERY
TAGS: kajiado kenyaviaggio kenyastrade kenyangong kenyakaren kenyareportage kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

LIBRI KENYA

La mia Africa - Karen Blixen

Feltrinelli

di redazione

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Sono almeno sette i ragazzi tra gli otto e i quindici anni estratti senza vita dopo il crollo di un’aula scolastica di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono state da poco pubblicate le tariffe della tratta Mombasa-Nairobi della nuova ferrovia SGR che verrà inaugurata domani, mercoledì 31 maggio, dal Presidente Kenyatta. La prima classe costerà Kshs. 3000 (circa 27 euro) e la classe economica Kshs. 950 (circa...

Quest'anno sarà il Kenya il punto di partenza della fortunata trasmissione di Rete 4 "Donnavventura", il reality-reportage di viaggio a cui partecipano giovani e belle ragazze che coltivano il sogno di essere reporter di viaggio e d'avventura.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il ritmo e le melodie del viaggio e l’impossibilità di volgere lo sguardo altrove, quando non è solo l’etica professionale a chiamarsi in aiuto al prossimo.
C’è tanto amore, tanta poesia e molta Africa, in “Anatomia del viaggio”, atipico “diario di bordo”...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Saranno gli americani a costruire interamente l’autostrada Mombasa-Nakuru, che a Nairobi si trasformerà in una...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno dei simboli della Malindi turistica e dell'incontro quotidiano è pronto a riaprire i battenti ...

LEGGI L'ARTICOLO

In quattordici contee del Kenya è già scattata la prevenzione per l’emergenza Coronavirus e le regole saranno...

LEGGI L'ARTICOLO

Un libro biografico racconta la vita avventurosa tra Kenya e Italia di Lyduska De Nordis, morta a...

LEGGI L'ARTICOLO

Nessun incidente grave durante la mattina di elezioni in Kenya.
L'indole pacifica della stragrande maggioranza dei keniani sta...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Mi sono resa conto che non sono l'unica ad essere stata punta dalla micidiale zanzara che trasmette il mal d'Africa.
Sono nata in Tanzania da genitori italiani, nel 1971 anno in cui è stato costruito il Kilimajaro International Airport. 
Ho...

Girare la Capitale con la propria vettura è un’arma a doppio taglio: da una parte ci si ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA I VIDEO

Due giorni tra Malindi e Watamu per "Donnavventura".
Non potevano mancare le località costiere più amate dagli italiani nell'itinerario del programma televisivo di Rete 4 che per l'edizione di quest'anno ha deciso di fare tappa in Kenya e che successivamente...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE FOTO

Il primo dei reportage allestiti dalla rivista di moda e costume Diva & Donna aveva riguardato le rovine di Gede, che avevano fatto da scenografia alla presentazione di una linea estiva molto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO