Ultime notizie

SANITA'

Medici in sciopero da tre mesi in Kenya, ecco perché

La situazione è grave, ma sindacati e Governo sono fermi sulle loro posizioni

03-03-2017 di redazione

Tre mesi di sciopero. I medici keniani non mollano ma anche il Governo non cede di un millimetro, e ovviamente chi ci rimette sono i pazienti kenioti che non hanno la possibilità di affidarsi alla sanità privata. Il governo non ha mai voluto intavolare una trattativa con i dottori e anzi, ha dichiarato illegale lo sciopero. Questo ha portato all’arresto e alla detenzione di alcuni medici iscritti al sindacato di categoria.
I circa cinquemila medici che partecipano all’agitazione sindacale sono determinati.
Dal loro punto di vista, il governo sta abusando della magistratura per costringerli a tornare al lavoro, invece di affrontare i problemi all’origine.
Dicono che torneranno al lavoro solo se verrà raggiunto un accordo sul contratto collettivo firmato nel 2013, che parla, tra l’altro, di un orario di lavoro equo, di ambienti di lavoro e apparecchiature migliori, di formazione, ricerca e stipendi.
L’arresto e la breve detenzione di alcuni leader sindacali ha spinto anche i medici del settore privato a unirsi ai colleghi del pubblico interrompendo per 48 ore l’erogazione dei servizi negli ospedali e nelle cliniche private.
I keniani hanno subito gravi conseguenze per lo sciopero in corso.
Milioni di persone non hanno potuto farsi curare negli ospedali pubblici.
Secondo i dati raccolti a livello nazionale, le visite ambulatoriali nel dicembre del 2016 sono state circa la metà della media dei sei mesi precedenti (4,6 milioni contro 8,3 milioni). Inoltre il numero mensile di ricoveri si è ridotto a meno di un terzo rispetto ai sei mesi precedenti (6.300 contro una media di 20mila).
Milioni di malati non sono quindi riusciti a farsi curare nelle strutture pubbliche.
La conseguenza più grave è che molte persone sono morte o sono rimaste disabili perché non hanno ricevuto le attenzioni necessarie. Molti si sono rivolti agli ospedali privati, a rischio di contrarre grossi debiti.
Lo sciopero ha significato dei ritardi anche per la formazione dei tirocinanti. Le lezioni nelle facoltà di medicina sono sospese finché gli ospedali non ricominceranno a funzionare. Molti dei medici che avevano previsto di laurearsi quest’anno non riusciranno a farlo, e questo peggiorerà una situazione già critica perché nel paese non ci sono abbastanza dottori (attualmente in Kenya ci sono 17 medici ogni centomila abitanti, contro i cento raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità).
La decisione, il 13 febbraio, di incarcerare sette leader del sindacato dei medici non ha fatto altro che alimentare la tensione.
Nella settimana precedente la condanna, si sperava che lo sciopero potesse risolversi in modo consensuale grazie all’operato di una commissione istituita dal tribunale del lavoro con il compito di negoziare con i leader del sindacato.
Ma questa speranza è svanita al momento della sentenza. I medici sono stati condannati e poi lasciati in libertà condizionata. 
I mediatori del sindacato dei medici hanno fino al 2 marzo per raggiungere un accordo con il Ministero della Sanità.
I dottori si sono comunque trincerati nelle loro posizioni. Per la maggior parte di loro si tratta di una battaglia personale, poiché hanno sperimentato in prima persona le condizioni deprimenti del sistema sanitario keniano.
La nuova Costituzione in Kenya, attiva dal 2010, ha sancito il diritto di ogni lavoratore a iscriversi a un sindacato.
Un anno dopo i medici hanno registrato il Sindacato dei medici, dei farmacisti e dei dentisti del Kenya per ottenere migliori condizioni di lavoro, e un sistema sanitario di livello superiore.
Il primo sciopero del sindacato è stato nel dicembre del 2011.
È durato una settimana, al termine della quale è stato raddoppiato il salario minimo dei medici.
Il governo si era impegnato anche ad affrontare le questioni rimaste in sospeso nel giro di pochi mesi, tra cui il miglioramento delle cure, delle strutture e delle attrezzature negli ospedali pubblici, e la redazione di un nuovo contratto collettivo di lavoro..
 L’accordo – che prevedeva anche aumenti di stipendio dell’ordine del 180 per cento – doveva essere attuato tra luglio del 2013 e giugno del 2015, ma non è mai entrato in vigore.
Nel periodo successivo, il sindacato e il governo sono stati coinvolti in colloqui ininterrotti, i tentativi di mediazione sono falliti ed entrambe le parti si sono rivolte ai tribunali. Alla fine il sindacato ha perso la pazienza e a novembre del 2016 ha intimato che se l’accordo non fosse stato attuato entro 21 giorni i suoi iscritti avrebbero cominciato uno sciopero.
Ora i medici sono determinati ad andare avanti.
Pensano che le loro richieste siano importanti non solo per il loro benessere, ma anche per il futuro della sanità in Kenya.

(fonte: articolo su "The Conversation")

TAGS: Sciopero KenyaSanità Kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un improvviso sciopero dei dipendenti dell'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi, annunciato poche ore prima di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo cento lunghissimi giorni, soprattutto per i pazienti di tutto il Kenya, i medici hanno deciso di far rientrare la loro protesta e di tornare negli ospedali.
Lo sciopero nato per affermare i propri diritti, sanciti da un contratto di...

LEGGI TUTTO

Operazioni di sdoganamento a rischio da questa settimana al porto di Mombasa.
Venerdì è stato indetto uno sciopero ad oltranza dei 1350 operatori doganali, per il rinnovo delle loro licenze da parte della Kenya Revenue Authority.
Lo scrive il quotidiano nazionale...

LEGGI TUTTO

Finalmente dopo cinque mesi di agitazioni sindacali, è terminato lo sciopero nazionale degli infermieri e infermiere in Kenya.
Complice lo stallo politico delle elezioni e la sua ben nota...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Siamo già al lavoro per venire incontro alle istanze della comunità locale che gestisce le ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dati incoraggianti quelli di Lunedì 22 giugno,  sono “solo” 59 i positivi su 2.354 test effettuati nelle...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella conferenza stampa di ieri 30 giugno ad Afya House, il segretario amministrativo della Sanita ...

LEGGI L'ARTICOLO

Trovato l'accordo tra autorità aeroportuali di Mombasa e Qatar Airways. Una buona notizia per chi ha intenzione di venire sulla costa del Kenya volando con compagnie di linea, prenotando posti sicuri anche mesi prima e trovando l'offerta giusta. 

LEGGI TUTTO

Pochi tamponi nelle ultime 24 ore ma la percentuale dei positivi in Kenya rimane la stessa, con 95 ...

LEGGI L'ARTICOLO

Calano significativamente in Kenya i pazienti affetti dal virus HIV, secondo i dati trasmessi dal Ministero della Salute.
Importantissime soprattutto le percentuali ufficiali riguardanti la trasmissione "naturale" dell'AIDS tra madre e figlio.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mentre in tutto il Kenya continua a dilagare lo sciopero dei medici che sta mettendo in crisi il già provato apparato sanitario pubblico, a Malindi e dintorni ci sono sempre italiani dal grande cuore che si mettono a disposizione per...

LEGGI TUTTO

Il Ruaraka Uhai Neema Hospital, gestito dalla ONG World Friends, e’ stato riconosciuto come...

LEGGI L'ARTICOLO

I trasporti pubblici (o per meglio dire, "di massa") in Kenya rischiano di perdere uno dei loro storici simboli: il matatu.
I pulmini collettivi, nati negli anni Ottanta per garantire i piccoli spostamenti che i mastodontici bus non coprivano e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Altri ventuno keniani sono stati trovati positivi al virus Covid-19 nelle ultime 24 ore nel Paese...

LEGGI L'ARTICOLO

L’anno che stiamo per salutare ha costituito un ennesimo scalino nella crescita di consapevolezza del popolo keniano.
Se il Paese africano è una Repubblica da poco più di mezzo secolo, si può dire che sia una democrazia appena maggiorenne e...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE