Ultime notizie

NEWS

Pochi fondi: chiude il sito dei britannici in Kenya

Britsinkenya.com da 5 anni dava le notizie ai connazionali

25-10-2019 di redazione

Giornalisti per passione, con voglia di raccontare e l’esigenza di farlo liberamente.
Oggi è sempre più difficile, anche se si decide di farlo lontano dall’Europa ed offrendo un servizio importante, utile e senza eguali e che può rappresentare allo stesso tempo un plusvalore per il proprio Paese e i connazionali che vi risiedono.
Non stiamo parlando di noi e di malindikenya.net, ma di un collega inglese di stanza a Nairobi, Andrew Watt, che ha deciso di chiudere dopo quasi cinque anni il suo sito puntuale e professionale per i cittadini britannici in Kenya e interessati a quel che accade qui.
Britsinkenya.com, questo il nome del sito che ormai non è più online, ha chiuso i battenti qualche giorno fa con una nota dolorosa quanto sbrigativa nella quale Watt, ex giornalista del gruppo editoriale londinese che fa capo al Mirror, spiegava che dopo aver lanciato un appello all’inizio dell’anno per incentivare i 40 mila connazionali, inglesi scozzesi e irlandesi che vivono in Kenya a sostenere il suo lavoro, che era allo stesso tempo informazione e servizio, ma anche curiosità e attenzione al sociale. In dieci mesi sono arrivate poche decine di euro e il sito che per decisione dell’ideatore ed unico redattore non ha pubblicità dirette, non può più sostenersi da solo.
“Il lavoro mi porta via un paio d’ore al giorno” ammette Watt nell’ultimo editoriale di britsinkenya.com, ma aggiunge che deve anche occuparsi d’altro per campare e che nonostante la fiducia e i clic dei tanti lettori, il gioco non vale più la candela.
Conoscendo queste tematiche, possiamo dirvi che il Kenya è un Paese in via di sviluppo dove tutto oggi costa di più e dove per fare le cose come si deve, come facciamo noi e faceva il collega britannico, c’è bisogno di guadagnare, altrimenti se ne vanno solo soldi in permessi di lavoro, licenze e tasse. Prima o poi arriverà anche a voi lettori un appello del genere da malindikenya.net, preparatevi. Dopo 11 anni in cui non vi è stato mai chiesto nulla per questo servizio di informazione, sarebbe anche normale.

TAGS: sito kenyainformazione kenyabritannici kenya

Domenica mattina appare su malindikenya.net un articolo che ne annuncia la chiusura: "niente è per sempre", con la foto del direttore Freddie del Curatolo che saluta tutti. L'articolo viene rimosso alle 9 ma già decine di lettori inviano mail e...

Un portale rinnovato per essere più funzionale per i suoi lettori, che da otto anni sono sempre tantissimi, quotidianamente.
Da oggi Malindikenya.net ha una grafica più semplice, uniforme e al passo con i tempi.
 

LEGGI QUI IL SEGUITO

C'erano cittadini di trentatre differenti nazionalità a bordo del volo Ethiopian Airlines diretto da...

LEGGI L'ARTICOLO

Checco Zalone a Watamu per scegliere le location per girare il suo nuovo film. La notizia è riportata dal sito watamukenya.net. 

LEGGI TUTTA LA NOTIZIA

Il Kenya Tourist Board e il Kenya Wildlife Service lavoreranno a braccetto da qui all'immediato post-elezioni per promuovere il turismo nei luoghi incontaminati del Kenya e nelle località più ambite dal turismo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il chutney è una tipica salsa agrodolce inglese che viene fatta con la frutta o con i pomodori verdi. E' ottima come salsa per insaporire cibi di carne e di pesce.
I britannici la portarono in Kenya durante il colonialismo e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Ore di tensione, tristezza e preoccupazione per la sorte della volontaria italiana Silvia Romano, scomparsa ormai da un giorno e mezzo e forse ancora in mano a un manipolo di banditi nell'entroterra costiero. 
Basterebbero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono luoghi che per chi conosce il Kenya sono piacevoli abitudini. Residenze, giardini, stanze con...

LEGGI L'ARTICOLO

La National Transport Security Authority del Kenya (NTSA) ha negato con una nota ufficiale apparsa sul quotidiano nazionale Standard, di aver inviato messaggi che avvertivano i possessori di patenti keniane di registrarle assolutamente online entro il 31 dicembre, pena il...

LEGGI TUTTO

La costa del Kenya è ritenuta più sicura di alcuni mesi fa. L'Intelligence Britannica, una delle istituzioni investigative ritenute tra le più attendibili a livello mondiale, ha consigliato il Governo del suo Paese di ritirare il "Travel Advisory" che sconsigliava...

LEGGI TUTTO

Falso allarme per l'obbligatorietà del visto online per entrare in Kenya. 
Per questa estate, e forse anche oltre, nessun problema all'aeroporto di Mombasa per chi si presenterà senza il visto online "E-visa". 
Sul sito dell'Ufficio Immigrazione del Kenya era apparsa...

LEGGI TUTTO

Ci sono anche due spiagge della costa keniana nella classifica delle 21 più affascinanti del mondo, redatta dal sito dedicato "beach-inspector.com".
Gli esperti del sito hanno girato per tre anni in 1500 lidi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oltre cinquecento mila euro, questi i fondi chiesti dal Museo Nazionale del Kenya per salvare il pilastro di Vasco Da Gama, simbolo della città di Malindi sull'omonima punta, dalla possibile...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Utilizzare in Kenya un "drone" non è più fuorilegge.
Lo ha annunciato ufficialmente la Kenya Civil Aviation Authority con...

LEGGI L'ARTICOLO E IL REGOLAMENTO