Ultime notizie

NEWS

Stop alle auto di lusso per il Governo del Kenya

I dipendenti potranno acquistare solo veicoli assemblati nel Paese

21-06-2019 di redazione

Il Ministro del Commercio e dell’Industria del Kenya, Peter Munya, ha annunciato che tutti i dipendenti del Governo non potranno più acquistare automobili di lusso d’importazione, ma dovranno richiedere veicoli assemblati in Kenya, come quelli prodotti dalla Isuzu East Africa.
Il giro di vite voluto dal Governo keniano mira non solo a ridurre le spese, ma anche a promuovere quelle case automobilistiche che hanno deciso di aprire fabbriche in Kenya ed impiegare manodopera locale nel mercato interno delle quattro ruote.
Parlando durante il lancio del nuovo impianto di assemblaggio di Isuzu East Africa, il Ministro Munya ha lanciato un plauso allo stabilimento che offrirà posti di lavoro, commesse a fornitori e creerà il valore aggiunto di entrate fiscali.  Azioni da suppportare con un'approvazione da parte del Consiglio dei Ministri che impedisce ai funzionari governativi di importare automobili per uso personale.
“D’ora in poi il Governo si procurerà solo veicoli assemblati localmente, quindi nessun dipartimento potrà comperare auto importate" è la promessa riportata dal sito Kenyans.co.ke. 
Inoltre agli assemblatori locali sono stati offerti sgravi fiscali da parte del governo che comprendono il 15% di imposta sulle società che mirano a promuovere l'assemblaggio di veicoli in Kenya.
“La nostra intenzione è quella di creare posti di lavoro espandendo il settore manifatturiero – ha aggiunto Munya - e diventare abbastanza competitivi e ambiziosi da poter realizzare prodotti di livello mondiale qui in Kenya e per l'esportazione verso i mercati del Continente”.
Il Kenya in passato ha operato diversi tentativi di costruire totalmente le proprie auto, tra cui la più famosa è la Nyayo, assemblata negli anni '90, e la più recente è la Mobius.
La maggior parte degli assemblatori locali in passato hanno dovuto affrontare la concorrenza di auto di seconda mano importate dal Regno Unito e dal Giappone. Recentemente, il governo, attraverso il Kenya Bureau of Standards (KEBS), ha vietato anche l'importazione di alcuni pezzi di ricambio per auto usate. Questo rientra nella strategia del governo di eliminare gradualmente i veicoli usati nel paese nel tentativo di aumentare la domanda di veicoli assemblati localmente.

TAGS: auto kenyalusso kenyaveicoli kenya

La casa automobilistica francese Peugeot ha iniziato l'assemblaggio in Kenya dei suoi veicoli presso la sede di Thika della Kenya Vehicle Manufacturers (KVM). Peugeot è di fatto la più recente multinazionale che produrrà veicoli nello stabilimento vicino a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stata rimandata l'applicazione della cosiddetta "Terza Licenza" per le automobili immatricolate in Kenya, la cui seconda fase avrebbe dovuto entrare in vigore da oggi. Lo ha deciso la National Transport and Safety Authority del Kenya (la loro Motorizzazione Civile)...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo Wolkswagen e Peugeot, anche la giapponese Nissan ha annunciato la sua intenzione di investire circa 20 milioni di dollari nella creazione di un impianto di assemblaggio di veicoli in Kenya.
Jim Dando, Direttore...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La savana del Kenya da oggi sarà meno popolata da veicoli non autorizzati e non professionali.
I mezzi...

LEGGI L'ARTICOLO

Come avete letto, il Ministero del Turismo e della Fauna Selvatica ha vietato l’ingresso nei nostri parchi nazionali di...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya Wildlife Service ricorda le dieci regole d'oro per un safari rispettoso della natura e dei...

LEGGI L'ARTICOLO

Nuovi stickers adesivi per i veicoli che trasportano turisti, per differenziarli dai classici "PSV" che riguardano tutti i servizi pubblici.
L'introduzione della nuova categoria "Tourism Service Vehicle" è stata introdotta ieri dal Ministro del Turismo Najib Balala come iniziativa per...

Sei mesi di campagna elettorale e tre di post elezioni hanno rallentato i piani del Kenya per quanto riguarda la crescita economica, ma non sembrano essere in grado (per fortuna) di fermare lo sviluppo del Paese in termini di infrastrutture...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'automobile station wagon con probabilmente quattro persone a bordo è finita in mare nel canale tra ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il prestigioso Woburn Residence Club, a pochi minuti dal centro di Malindi, è in vendita.
La struttura costruita diciotto anni fa e tenuta splendidamente dai proprietari, è un insieme di suite e appartamenti immersi in cinque acri di giardino tropicale,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La compagnia italiana di safari Bush Company, con il KWS, sponsorizza il rispetto delle regole nello Tsavo.
La settimana scorsa nello Tsavo la compagnia di safari dell’italiana Camilla Frasca Caccia, unica guida professionale italiana con certificazione “Silver” KPSGA, ha portato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una App stile "Uber" anche per i Tuk Tuk sulla costa keniana.
Taxify, una delle app per il "ride sharing" più utilizzate nel mondo, ha lanciato a Mombasa Taxify Tuk Tuk.
La presentazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da un’iniziativa dell’esperto Sergio Peroni, assiduo frequentatore di Malindi e soprattutto da...

LEGGI L'ARTICOLO

Se ne parla da tanti anni, ma finalmente la costruzione del ponte stradale di Likoni, che collegherà la città-isola di Mombasa alla costa sud, Diani e il confine con la Tanzania, ha una data certa.
I lavori, del

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo Nairobi, Mombasa e Kisumu, anche Malindi e Watamu possono beneficiare della app per i taxi low-cost Uber, che ha ormai preso piede anche nel Continente africano.
Dopo ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO