Ultime notizie

AMBIENTE

Watamu, per l'ambiente si spera nei giovanissimi

Moltitudine di ragazzini ieri a pulire la spiaggia

28-01-2019 di redazione

Se dobbiamo aspettare i turisti mordi e fuggi, specie quelli che hanno già ridotto l'Italia a quel che appare oggi, soprattutto per l'incapacità di unirsi e fare quadrato di fronte alle emergenze (vedi Roma, Napoli) e l'ignoranza che li tiene lontani dal preservare siti storici e culturali, vera risorsa del nostro Paese, stiamo freschi. 
Niente di più ci aspettiamo dai pensionati, o "retired" come in tono un po' militaresco li chiamano gli anglosassoni, che qui vengono a svernare e avrebbero anche tempo per dedicarsi a queste cose. Ma che vuoi, sono stanchi, hanno i loro acciacchi ed in più hanno scoperto i social dove possono finalmente lamentarsi di tutto ed esorcizzare l'avvicinarsi della fine mandando a quel paese (più che a questo) tutti quelli che non la pensano come loro, senza timore di essere schiaffeggiati o di dover abbassare lo sguardo davanti a nessuno.
Al limite, per i più coraggiosi o insoddisfatti, c'è sempre la possibilità di accapigliarsi ed urlare in piscina.
Ma nemmeno tra i locali c'è da confidare nei vecchi (perché pochi ci arrivano, alla vecchiaia...) né negli adulti che sono troppo impegnati a recuperare un pasto decente e ancora molto fatalisti. In più alcuni di loro, sulla costa, hanno scoperto da pochi anni di potersi permettere ogni tanto un vasetto di yogurt e una bottiglia d'acqua minerale...bisogna dargli tempo di capire che altri molto più stronzi di loro, che avrebbero la cultura e l'esperienza per non farlo, stanno spargendo la plastica in ogniddove.
Tralasciamo i discorsi sulle istituzioni: già sono poco reattive (eufemismo) su altre priorità, perché mai dovrebbero intervenire per quelle che non vengono considerate tali nemmeno dagli Stati Uniti d'America e da buona parte dei Paesi industrializzati?
No, la salvaguardia dell'ambiente non fa per nessuna di queste categorie.
L'unica speranza che abbiamo, almeno qui sul litorale del Kenya, è riposta nei giovanissimi che le associazioni (guardacaso, non italiane, ma inglesi, keniane e anche indo-arabe) riescono a coinvolgere nelle giornate di pulizia della spiaggia di Watamu.
Giornate, come nel caso di quella di sabato, che diventano anche feste in cui la creatività si associa all'utilità e al buon esempio.
In cui la sensibilizzazione diventa anche gioco ed in questo modo entra più facilmente nella testa e nelle abitudini dei ragazzi.
Grazie alla Watamu Marine Association, all'occasione data dalla tappa a Watamu della "Flipflopi Expedition" di Lamu, che ha proprio questo tra i suoi obbiettivi principali, c'è ancora la speranza che questo angolo di costa possa rimanere ancora un'isola felice, non solo per la natura e chi la frequenta, ma per tutte le specie marine costrette a convivere con le microplastiche e ad ingerirle.
 

TAGS: plastica kenyaambiente watamu

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avevamo presentato la splendida e originale iniziativa della Onlus "Flipflopi Expedition" (LEGGI QUI IL PRECEDENTE ARTICOLO) che illustrava la costruzione a Lamu di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya fa sul serio.
Dopo aver annunciato il bando totale dei sacchetti di plastica per il prossimo 28 agosto, ora ha pubblicato le multe e le pene per chi non rispetterà la legge.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già 17 gli hotel e resort della costa keniana ad aver messo al bando le bottiglie di plastica e le cannucce per le bibite.
La decisione è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una barca interamente costruita con plastica riciclata, particolarmente con i flip flop, ovvero la gomma delle infradito che a migliaia invadono le coste, anche dell'Oceano Indiano e del Kenya.
Questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non solo plastica e derivati, la Contea di Kilifi ha chiesto alla massima autorità governativa dell'Ambiente, la NEMA, di intervenire per...

LEGGI L'ARTICOLO

Da settembre 2017 niente più sacchetti di plastica in Kenya.
Una splendida notizia per la tutela dell'ambiente.
Il Paese africano in continua crescita, deve fare i conti con l'inquinamento non solo dell'aria a Nairobi e Mombasa, ma anche con quello...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo i sacchetti di plastica, il Kenya si prepara ad un altro passo avanti nella tutela dell'ambiente. 
Presto...

LEGGI L'ARTICOLO

La decisione è stata annunciata ieri dal Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta e successivamente ...

LEGGI L'ARTICOLO

Kenya, dopo aver vietato la fabbricazione, l'importazione e l'utilizzo di sacchetti di polietilene dallo scorso 28 agosto, il Governo sta pensando anche di vietare le bottiglie di plastica.
L'annuncio è stato dato da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Riciclo della plastica, incontro pubblico al Museo di Malindi.
Mercoledì 24 Agosto alle 16, Sam Ngumba Ngaruiya, titolare e fondatore della società “Regeneration Environmental Services” terrà un incontro pubblico presso il Centro culturale del museo di Malindi “Plastica e più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il supermercato Nakumatt di Malindi, all'interno del centro commerciale Oasis Mall in Lamu Road, è da ieri il punto di raccolta istituito dalla NEMA per i sacchetti di plastica ed ogni altra borsa o prodotto leggero di polietilene.
Chiunque abbia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Coca-Cola Kenya ha intrapreso un'iniziativa nazionale che cerca di educare gli studenti delle scuole secondarie all'importanza di...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche la vicina Tanzania ha deciso di allinearsi al Kenya e ad altri Paesi africani come il...

LEGGI L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO