Mal d'Africa

MAL D'AFRICA

Kenya, una vacanza diventata viaggio

"Ti ringrazio, Kenya per avermi fatto credere che..."

29-02-2020 di Monica M.

Conoscete la differenza tra “vacanza” e “viaggio”?
Io fino a due mesi fa, no, non la conoscevo.
Ho sempre viaggiato moltissimo, sono un’amante del mondo, e uno dei miei più grandi obiettivi è quello di riuscire, nell’arco della mia vita, a visitare tutti i posti più svariati del pianeta.
Ma in Africa, e precisamente in Kenya, ho scoperto che esiste una differenza abissale tra il fare una vacanza e fare un viaggio.
La vacanza, per quanto mi riguarda, è improntata maggiormente sulla visita dei luoghi, sulla degustazioni di determinati piatti tipici del posto, sul divertimento, sulla conoscenza di persone molto blanda. Il viaggio, invece, è tutto questo ma anche altro.
Credo sia qualcosa di molto più interiore. Forse la destinazione si è prestata maggiormente a questo tipo di considerazione.
Ma tutto questo, ovviamente, l’ho scoperto lì.
Ho sempre sottovalutato il continente Africa, non lo avevo mai considerato e spesso quando qualcuno provava a propormelo, ero sempre abbastanza categorica. Nonostante fossi particolarmente incuriosita dai Safari, non mi sono mai del tutto interessata ad andarci realmente: “Magari, un giorno ci andrò, ora voglio vedere altro”. Era questa la mia risposta.
Non so se questo rifiuto fosse dovuto dai pregiudizi e dalla paura, so solo che una volta arrivata in Kenya qualcosa è cambiato dentro di me.
Appena arrivata all’aeroporto di Mombasa, di notte, è prevalsa subito l’ansia. Un gentilissimo signore keniota era lì, già pronto per accompagnarci al nostro alloggio di Watamu.
Per scelta non dormo nei Resort, preferisco le sistemazioni più semplici, ed anche in questa occasione, tramite un’agenzia di viaggi, ci siamo accordate con una ragazza italiana del posto, la quale ci ha affittato un bellissimo bungalow all’interno di un “villaggio” vicino ad una delle spiagge più belle.
Una volta caricate le valigie in macchina, partiamo alla volta di questa cittadina costiera, la più turistica del Kenya. Strade buie, persone che camminavano su ogni lato della strada, moto che sfrecciavano a destra e sinistra, camion, venditori ambulanti. A tratti ho avuto paura.
Non lo nego e non me ne vergogno. Sono anche, però, abbastanza consapevole che se quelle strade le avessi percorse in pieno giorno, non avrei avuto la stessa sensazione di ansia.
Mano a mano che passavano i giorni, quei luoghi, quelle persone, quei profumi, quei colori mi stavano pian piano entrando dentro. Non so cosa sia successo, tutto quello che avevo immaginato di trovare si era rivelato tutto un “buco nell’acqua”.
Le persone erano fantastiche, gentilissime, del tutto aperte al dialogo, all’ascolto e al volerti mostrare tutto ciò che c’è di bello lì. Ho cercato di capire la loro cultura, i loro usi, ed ero ben disposta a rispondere a tutte le loro domande.
Una delle cose che più mi ha stupito, però, è stata la loro empatia, il loro modo di farti sentire speciale anche solo per cinque minuti.
Ho avuto la sensazione di creare dei rapporti veri, ed io che sono una persona con qualche “problemino” di sensibilità, mi sono lasciata trascinare completamente. Ho ritrovato la capacità di apprezzare le piccole cose. E’ davvero disarmante rendersi conto che esistono ancora persone che non hanno acqua, luce, strade asfaltate, una casa vera, cibo. Tutte cose che fanno parte della nostra normalità di vita.
Il Kenya mi ha cambiata, sono rientrata in Italia con maggiori consapevolezze. A volte, improvvisamente, succede che la mia testa si catapulta di nuovo lì riprovando le stesse emozioni, risentendo le voci di tutti quei bambini che vedevi uscire dalle frattaglie gridando “Ciaooo!!!! Jambo!!”; quei colori mai visti prima, tramonti che durano esattamente un minuto ma che sono di una bellezza inaudita, cieli strapieni di stelle che non mi stancavo mai di fissare.
Questo paese ti spiazza, se glielo permetti ti entra dentro, ti cambia. Ti fa piangere a volte, ma ti fa anche ridere tantissimo.
Ti ringrazio, Kenya, per avermi fatto credere che qualcosa di vero ed autentico esiste ancora.
Il Mal d’Africa? Si esiste, ve lo garantisco.

 

TAGS: mal d'africakenya viaggiokenya vacanze

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il mio mal d'Africa esiste da quando ero bambina.
Sono ormai 10 anni che vado in Kenia e ogni volta che scendo dall'aereo mi viene da piangere cosi pure quando devo tornare,un pianto di felicità non so come spiegare, in...

LEGGI TUTTO

Immaginate un luogo in cui il cielo non vi sovrasta, vi attraversa...

LEGGI TUTTA LA POESIA

Immaginate un luogo in cui il cielo non vi sovrasta, vi attraversa; l’aria non si respira, si assapora, il tempo scorre, non corre ed il sistema nervoso si sistema, non s’innervosisce.
Un luogo dove la gente non t’incrocia, ti saluta,...

LEGGI TUTTO

Vacanze da padre per Flavio Briatore a Malindi.
L'imprenditore italiano è arrivato due giorni fa con il suo jet privato e in compagnia del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

MAL D'AFRICA

Io lo chiamerei "ardore"

"...non è un male, è un dono"

di Dario Scaccabarozzi

Mal d’Africa , termine usato a sproposito. 
Non c’è nessun Male accostabile all’Africa , non credete ?
Si ripetono queste tre parole per definire quel sentimento che si prova quando , lasciato il continente , è struggente la nostalgia di...

LEGGI TUTTO

Mi sono resa conto che non sono l'unica ad essere stata punta dalla micidiale zanzara che trasmette il mal d'Africa.
Sono nata in Tanzania da genitori italiani, nel 1971 anno in cui è stato costruito il Kilimajaro International Airport. 
Ho...

Viene un momento in cui bisogna guardarsi dentro e capire cosa si vuole veramente dalla vita.
A me questo momento è capitato dopo un viaggio in Africa, precisamente in Kenya.
Ho detto allo specchio che non era più il caso...

LEGGI TUTTO

Questo "muretto" è dedicato a tutte le persone che hanno avuto a che fare con il Kenya, in vacanza, per lavoro, ospiti di un amico, per volontariato o altra scelta volontaria e involontaria, e hanno conosciuto la magia di questo...

inviate una mail a info@malindikenya.net

Il mio mal d'Africa risale a tanto tempo fa.
Dicembre 1971,avevo 17 anni e ricordo perfettamente (perchè la rivivo ogni volta che torno)la sensazione di essere arrivata,di essere a casa.
 

LEGGI TUTTO

Mal d’Africa secondo l’enciclopedia online: “Nel linguaggio comune, mal d'Africa si riferisce alla sensazione di nostalgia di chi ha visitato l'Africa e desidera tornarci “.
Mal d’Africa secondo me…
Torniamo indietro al 29 giugno 2013… Esattamente un anno fa mi stavo preparando al viaggio.
Come...

LEGGI TUTTO

A volte penso che parlare di "Mal d'Africa" sia un'offesa per tutta quella gente che vive nei ...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Qualcosa che ti prende da dentro l'anima, la tua anima e la loro anima...è quella sensazione di essere a casa, perchè quella terra rossa, meravigliosa ti fa sentire a casa, ti appartiene, ti fa sentire come se fossi suo da...

LEGGI TUTTO

Il Mal d'Africa è vertigine, è corrosione,
e allo stesso tempo è nostalgia. 
E' desiderio di tornare alla nostra infanzia,
alla stessa innocenza e allo stesso orrore,
quando tutto era ancora possibile
e ogni giorno sarebbe potuto essere quello buono...

E continuano a chiamarlo "mal d'Africa". Io non capisco e chiedo: "ma cosa c'è di male, perchè quella parola negativa"?
Mi rispondono che in realtà si usa "mal" per definire un sentimento che ti fa stare male quando sei lontano...

LEGGI TUTTO

Ho compreso di avere il Mal d'Africa quando ho sentito una calma nuova dentro il mio cuore.
Un'attenzione per le persone che non hanno nulla, un sincero altruismo che non chiede di essere ricambiato.
Una passione che sento vibrare nel...