Storie

AMBIENTE

Joyce, l'angelo di Watamu che protegge le mangrovie

La storia della donna premiata miglior conservazionista dell'anno

01-05-2019 di redazione

Piantare le mangrovie, curarle e proteggerle tradizionalmente è un lavoro prettamente maschile.
Nel Mida Creek le donne si devono occupare d'altro: difficilmente le si vede sulle instabili piroghe ricavate dai tronchi dei bambakofi, non sono loro a districarsi negli stretti viottoli fangosi e nei canali che formano, per recuperare il benefico miele che le api vi producono e soprattutto per catturare i granchi e le ostriche che si nutrono del mondo vegetale prodotto dall'ecosistema delle mangrovie.
Joyce Marimba, 51 anni, fa eccezione.
"Vengo da una famiglia di conservazionisti - racconta durante la premiazione come donna conservazionista dell'anno, avvenuta a Malindi - mio marito lo è da vent'anni ed insieme siamo tra gli organizzatori del Dabaso Crab Shack, il bar ristorante costruito in mezzo alle mangrovie a Dabaso, nato dalla farm di granchi e dalla protezione dell'ambiente. Ma nonostante questo non mi aspettavo di ricevere un attestato del genere".
Joyce ha ricevuto il premio all'Ocean Beach Resort dall'associazione nazionale Kenya Women in Tourism (KAWT) alla presenza del Ministro del Turismo della Contea di Kilifi Nahida Athman.
Joyce nella vita non ha avuto la possibilità di studiare e non è riuscita nemmeno a terminare la scuola dell'obbligo, fermandosi al sesto anno.
Da allora ha iniziato a muoversi nel suo territorio con l'idea di proteggerlo e sfruttarne positivamente le qualità.
Le mangrovie non sono importanti solo perché ospitano granchi, pesci e molluschi, ma soprattutto perché la loro presenza è indispensabile per proteggere le coste vulnerabili dall'erosione del suolo. 
Joyce si è affiancata all'opera del marito nonostante non sia stata baciata dal destino, madre di sette figli, si è dovuta occupare particolarmente di uno di loro con bisogni speciali. Nonostante sia assorbita dagli impegni familiari, non solo partecipa attivamente alla gestione del Dabaso Crab Shack, ma ha portato con se altre 15 donne che ora costituiscono un terzo della comunità. Alcune di loro sono giovani e fanno ben sperare per il ricambio generazionale di un'attività fondamentale per l'ambiente a Watamu.
"Utilizzerò questo riconoscimento per creare ancor più consapevolezza tra le donne e i giovani della comunità - ha detto Joyce - e incoraggiarli ad unirsi al lavoro di conservazione".

TAGS: mangrovie watamudabaso crab shackdonne turismoconservazionista kenya

Domenica 20 Settembre, Karibuni Onlus e tre Rotaract Club (Malindi, Watamu e Mombasa) hanno partecipato alla riforestazione della foresta di mangrovie di Mida Creek (Kenya). Il progetto è stato finanziato dal Rotaract Club di Cantù, grazie alla super attiva presidente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

All'indomani di un positivo meeting con le comunità di Watamu e dintorni, in cui ha spiegato i benefici che Palm Exotjca, l'edificio di...

LEGGI L'ARTICOLO

Si aggravano le condizioni della scrittrice e conservazionista italiana ma cittadina keniana Kuki Gallmann. 
Dieci giorni dopo l'attentato subito all'interno del suo ranch di Laikipia, nella Rift Valley del Kenya, la settantatreenne ambientalista autrice del best seller "Sognavo l'Africa" è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LISTA ATTIVITA' DI KILIFI, WATAMU E MALINDI CHE SI PROMUOVONO SU INTERNET (sui siti Booking.com, Airbnb o altri, o ancora con siti propri o pagine social)...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Steven Spielberg ha scelto Watamu per girare il suo prossimo film, un kolossal hollywoodiano che racconterà il sogno africano di un’ambientalista, tra mille avventure e disavventure.
La notizia è rimbalzata ieri sui più importanti siti di cinema americani ed ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra le tante opere e infrastrutture che il Ministero del Turismo ha chiesto al Governo di ultimare, per migliorare la ricettività e i servizi delle località della costa keniota, c'è anche la strada asfaltata costiera che collegherebbe Malindi a Watamu.
In...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sette ore di intervento chirurgico, perfettamente riuscito, per Kuki Gallman a Nairobi.
La figlia Sveva e i più stretti collaboratori hanno confermato le condizioni serie della scrittrice italo-keniota nata a Treviso 73 anni fa.
La conservazionista è ricoverata in terapia intensiva e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due giorni tra Malindi e Watamu per "Donnavventura".
Non potevano mancare le località costiere più amate dagli italiani nell'itinerario del programma televisivo di Rete 4 che per l'edizione di quest'anno ha deciso di fare tappa in Kenya e che successivamente...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE FOTO

Le donne di Malindi non ammainano la loro bandiera e ogni anno fanno sentire forte la loro voce e battono i piedi sulla terra d'Africa liberando la loro ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un omaggio di bellezza alle donne da parte del Kilili Baharini Resort & SPA di Malindi.
In ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kilili Baharini Resort & SPA raddoppia l'omaggio di bellezza alle donne.
In ...

LEGGI L'ARTICOLO

E' un gruppo di donne italiane, capeggiato da Rita Valentini, ad organizzare a Malindi ogni anno il "Flash Mob" contro la violenza sulle donne, che si tiene in contemporanea nelle piazze di tutto il mondo.
Si tratta di una coreografia...

LEGGI TUTTO

Il Ministro del Turismo Najib Balala ha annunciato una nuova iniziativa per rilanciare il turismo, particolarmente sulla costa keniana, dove a suo dire molte strutture alberghiere sono ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'uomo che "ce l'ha più lungo" viene tradito più volentieri dalla propria compagna.
Questo emerge da una ricerca condotta in Kenya e pubblicata dalla rivista americana Public Labour Of Science. 
I sondaggi non sempre rispecchiano la realtà, ma da questa...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Le hanno sparato nel cuore della notte allo stomaco, ancora non si sa se per intimidazione o con l'intento di ucciderla.
La scrittrice e conservazionista di origine veneta Kuki Gallman, proprietaria di un ranch a Laikipia, nella Rift Valley del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO