Ambiente

NATURA

"Il Parco di Nakuru è ancora uno spettacolo"

I nostri lettori rispondono al "de profundis" del Ministro Balala

28-04-2019 di redazione

Due giorni fa abbiamo pubblicato uno sfogo importante arrivato direttamente dal Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala.
Secondo il principale attore del turismo nel Paese, il Parco Nazionale del lago Nakuru sarebbe "praticamente morto".
Dopo un game drive effettuato con il suo staff all'interno della riserva naturale, il Ministro si è lasciato andare a considerazioni sulla mancanza di fauna, sull'inquinamento delle acque del lago che avrebbero fatto scappare i fenicotteri, sull'esigenza di trasferire animali selvatici e infine sulla richiesta di aiuti che verrà concretizzata nelle prossime settimane al Governo, considerando anche le responsabilità della Contea di Nakuru.
Sulle pagine social del nostro portale, lette e frequentate da molti esperti di safari, tra cui guide certificate e semplici appassionati, sono piovute decine di critiche alle parole di Balala, definite nella migliore delle ipotesi esagerate. Ma c'è anche chi si chiede quale interesse ci sia per esprimere un giudizio così "tranchànt" su uno dei paradisi naturali del Paese. 
"Io ci sono stata due settimane prima del ministro e ho visto parecchi animali - racconta Marina Mauro, proprietaria di un b&b e ristorante a Watamu - bufali, rinoceronti, giraffe, antilopi, non abbiamo visto leoni, ma solo perché non siamo stati fortunati, perché nella stessa mattina eranno stati avvistati. Nel lago fenicotteri, cigni, anatre. Forse il game drive fatto dal ministro non è stato molto fortunato o io avevo una guida migliore. Purtroppo è vero avevo riscontrato soprattutto in prossimità del lago moltissime piante morte e cadute. Comunque una fortissima emozione entrare a Nakuru! Magari un po' di "manutenzione" potrebbe essere utile al ripristino di questa meraviglia, a meno che non ci siano altri interessi nascosti".
Anche Camilla Frasca Caccia, esperta guida e titolare di Bush Company Safari, è sorpresa dall'uscita del Ministro del Turismo.
"Sinceramente non so che idea farmi, ma dichiarare prima un parco come Nakuru morto e dopo richiedere una analisi al kws mi lascia perplessa - appunta Camilla - prendiamo atto di eventuali difficoltà ma dichiarare un riposa in pace mi sembra un tantino esagerato. Indubbiamente l’inquinamento esiste ed è un problema, ma le variazioni di livello con il conseguente spostamento dei fenicotteri fanno parte della storia del parco.Sarebbe interessante sentire l’opinione di esperti di ecosistemi ed ambientalisti, più che di un ministro. Un commento del genere dovrebbe scaturire dalla valutazione di un serio rapporto fatto da organi competenti ed enti appositi, e non da quanti big five sono stati avvistati durante un solo game drive..Penso che una azione concreta e magari silenziosa farebbe di più rispetto al danno di una dichiarazione “forte” come questa fatta dal ministro, seguita ovviamente dagli allarmismi mediatici che porteranno alle inevitabili e quanto meno inopportune perdite per il parco..".
Importante anche la considerazione del noto fotografo naturalista Paolo Torchio:  "Il lago Nakuru é un ecosistema delicato e difficile da mantenere, proprio per le dimensioni ridotte, oltre che per la devastante antropizzazione ai suoi confini - spiega Torchio - va gestito con cura e da esperti. I soldi teoricamente non mancherebbero se venissero investiti adeguatamente anche solo i proventi dagli ingressi. Non dimentichiamo che é ancora la gallina delle uova d'oro per il KWS e record di incassi tra i parchi. Era famoso per i fenicotteri, ma con il misterioso innalzamento dell'acqua é venuta a mancare l'alga che era l'elemento base della loro alimentazione. Non se ne sono andati per l'inquinamento. Insomma se si chiude un ecosistema allora va gestito con coraggio ed intelligenza. Non ha senso chiudere baracca e mettere la testa sotto la sabbia...".
Pareri contrari a quello di Balala arrivano anche da molti altri lettori, come Marco Odino, Katia Fontanella e Luciano Coluzzi che dichiarano di essere stati recentemente a Nakuru e di avere trovato il parco in buono stato e comunque emozionante.
Speriamo di avere delucidazioni su questa uscita molto criticata di Balala, specialmente in un periodo in cui tanti connazionali stanno organizzando le loro vacanze safari in Kenya e avevano intenzione di includere anche il Parco del lago Nakuru nel loro viaggio.

TAGS: parco nakurulago nakurusafari kenyaministro balala

Il Parco Nazionale del lago Nakuru è praticamente morto, fauna e flora versano in condizioni terminali.
A ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Situato tra i laghi Naivasha e Nakuru, per quanto piccolo, il lago Elmenteita (conosciuto anche come...

LEGGI L'ARTICOLO

Da anni non si vedeva una migrazione del genere, nelle ultime due settimane sono diverse migliaia i fenicotteri volati e atterrati sul bacino del Lago Bogoria, nella rift valley del Kenya. Uno spettacolo incredibile che visto dall'alto è sicuramente tra le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono 64 i parchi e le riserve nazionali del Kenya, che è il Paese del mondo con la più ampia varietà di specie animali in libertà.
Anche la vegetazione varia da parco a parco e con essa il microclima e...

LEGGI TUTTO

Il dramma della morte dei rinoceronti trasportati dai Parchi Nazionali di Nairobi e Naivasha allo Tsavo Est, aggiunge una vittima al suo triste conto.
Morto l'undicesimo dei 14 esemplari...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"La priorità per i turisti che frequentano il Kenya è la sicurezza, senza ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel dialetto dei Luo significa “il villaggio affondato”, il “Simi Nyaima” è un piccolo meraviglioso lago vulcanico nella zona di Karachuonyo, nel Kenya occidentale, non lontano dal...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il parco del Lago Jipe, al confine tra Kenya e Tanzania, ma raggiungibile anche dalla strada oggi asfaltata che porta da Voi a Taveta, è...

LEGGI L'ARTICOLO

Saranno gli americani a costruire interamente l’autostrada Mombasa-Nakuru, che a Nairobi si trasformerà in una...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha cambiato i suoi piani, decidendo di passare da Malindi ieri e non la prossima settimana, per lanciare ufficialmente l’asfaltatura della strada che porta al Parco Nazionale dello Tsavo Est.

LEGGI TUTTO

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha cambiato i suoi piani, decidendo di passare da Malindi ieri e non la prossima settimana, per lanciare ufficialmente l’asfaltatura della strada che porta al Parco Nazionale dello Tsavo Est.
 

 

leggi tutto

Lo ha annunciato il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala: il Governo keniano vuole veder atterrare voli delle compagnie aeree low cost sulla costa, per incrementare il turismo particolarmente delle spiagge e dei safari nei parchi vicini.
La richiesta...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra i progetti di infrastrutture per la Costa del Kenya presentati con la nuova finanziaria c'è anche quello per la costruzione della linea ferroviaria Mombasa-Malindi-Lamu.
Il progetto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La voglia sfrenata di questo Paese di tecnologicizzarsi e allo stesso tempo di limitare il grande cancro della corruzione, rischia spesso di causare contrattempi a chi ci lavora e chi lo promuove.
Oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nella "vision 2030" del Governo keniano c'è anche il progetto del trasporto marittimo sulla costa e sul Lago Vittoria.
Lo ha annunciato nei giorni scorsi il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO