Solidarietà

EMERGENZA

Sasa Rafiki raccoglie fondi per cabine disinfettanti

Aiuto concreto alla Contea oltre a produrre mascherine

23-04-2020 di redazione

Cabine disinfettanti da posizionare all'ingresso degli ospedali e delle cliniche della Contea, ma eventualmente anche in altri luoghi pubblici.
L'Associazione Umanitaria "Sasa Rafiki-ODV" ha ha deciso di mobilitarsi in questo momento di emergenza internazionale per aiutare la popolazione e sta collaborando con il responsabile della sanità della contea di Kilifi, il Dottor Sultan.
Dopo aver raggiunto il primo traguardo nella distribuzione di dispositivi sanitari (in particolare 1500 mascherine donate alla popolazione di Watamu e Mida Creek) ha intenzione di sviluppare un’ulteriore iniziativa per coinvolgere, oltre alla popolazione, anche gli ospedali e i medici della contea di Kilifi. Acquisterà delle disinfection tent (cabine-tende sanitarie disinfettanti), tute protettive complete, machine sprayer disinfectant (nebulizzatori per disinfettare le strade) e visiere protettive mediche.
Il progetto completo dell’associazione consiste nell’acquisto, nella produzione e nella distribuzione di mascherine, guanti, contenitori d’acqua, sapone e disinfettanti agli abitanti del territorio.
Questi dispositivi sono necessari, se non essenziali, alla prevenzione di base per proteggersi dal COVID-19. Da oggi in Kenya non coprire bocca e naso con anche solo un pezzo di stoffa doppio sarà considerato un crimine. Tale comportamento è punibile con una sanzione di 20.000 scellini (pari a circa 200 euro) o con una pena fino a sei mesi. È utile ricordare che la popolazione dell’Africa è molto povera e non ha di che mangiare, quindi, data la drammatica situazione, possiamo comprendere quanto sia difficile, se non impossibile, per loro sostenere la spesa dei dispositivi.
Le mascherine sono prodotte nel laboratorio di sartoria dell’associazione al Mida Creek e da Jua Kali designer, un laboratorio di sartoria che si trova a Watamu, da cui Sasa Rafiki acquista i materiali.
Le mascherine hanno un costo unitario di 65 scellini, tra tessuto e lavorazione, sono lavabili e perciò riutilizzabili.
Sono composte da due strati di cotone in linea con le nuove disposizioni del Ministero della Salute del Kenya.
Oltre alla distribuzione gratuita di tutti i dispositivi sanitari sopra citati, Sasa Rafiki si occuperà personalmente di una corretta sensibilizzazione ed educazione a proteggersi, tenendo conto che questo è un fattore strettamente correlato, data la poca consapevolezza che ancora si ha in queste zone.
I dispositivi sanitari verranno dunque distribuiti inizialmente a tutti gli abitanti delle tre comunità di Kisiwani, Kirepwe e Mida Creeck, ai venditori e ai ragazzi boda-boda (guidatori di moto-taxi) di Watamu, che si interfacciano più spesso con un numero elevato di persone.
Per queste importanti iniziative sarà necessario il sostegno finanziario da parte di tutti coloro che amano l’Africa e sentono la necessità di unirsi alla causa per cui quest’associazione sta lottando. Un ringraziamento speciale va a Roberta Rigobon, Ivo Antonini, Freddie del Curatolo e tutto lo staff di Sasa Rafiki per il sostegno costante.
Chiunque volesse contribuire può fare una donazione, inviando anche un minimo contributo.
Qualsiasi aiuto sarà essenziale per aiutare la popolazione a proteggersi:

- Raccolta fondi: https://www.gofundme.com/f/sasa-rafiki-in-kenya-per-combattere-il-covid19?utm_source=customer&utm_medium=copy_link&utm_campaign=m_pd+share-sheet

- Dal Kenya al numero Mpesa: +254 728421500
- Dall’Italia a: Sasa Rafiki – ODV. IBAN IT56X03268032030EM001085314 Causale: "donazione Covid-19"

- Instagram: @sasa_rafiki_odv

- Facebook: Sasa Rafiki – ODV 

TAGS: emergenza kenyaassociazioni kenyadisinfettanti kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La più importante ed organizzata realtà solidale italiana della costa del Kenya, Karibuni Onlus, ha...

LEGGI L'ARTICOLO

La generosità della comunità italiana e la collaborazione tra malindikenya.net, PWAM e Croce Rossa...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

In seguito alla conferma del primo caso di Coronavirus in Kenya, il Governo del Paese africano ha...

LEGGI L'ARTICOLO

In quattordici contee del Kenya è già scattata la prevenzione per l’emergenza Coronavirus e le regole saranno...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi sempre più unita per la prevenzione della pandemia mondiale Covid-19, arrivata ormai da ...

LEGGI L'ARTICOLO

I ristoranti del Kenya potranno riaprire nei prossimi giorni, ma le regole da seguire inizialmente non sono...

LEGGI L'ARTICOLO

Kenya, 2 aprile 2020: è finito il tempo delle parole, inizia l’emergenza che si chiama epidemia. Lo ha ...

LEGGI L'ARTICOLO

Aumentano i casi in Kenya, soprattutto nella percentuale di tamponi eseguiti.
E’ ...

LEGGI L'ARTICOLO

Record di guarigioni dal virus in Kenya nelle ultime 24 ore. Sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La solidarietà italiana per l’isola “solitaria” del Mida Creek non si ferma.
Dopo la splendida scuola creata Marafiki Onlus oggi ha anche un piccolo ospedale, grazie all’associazione “Pediatria per l’emergenza”.

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Quasi ogni giorno un incendio, grande o piccolo, devasta un pezzo di Parco...

LEGGI L'ARTICOLO

I cittadini responsabili di Malindi, riuniti sotto l’egida della Progress Welfare Association of Malindi, hanno...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA VIDEO E FOTO

Tempi durissimi per le famiglie dell'entroterra malindino, così come in tante altre zone del Kenya, rese aride dalla prolungata siccità e flagellate dall'aumento dei prezzi del cibo di sussistenza.
Sabato scorso dalla fattoria della NGO italiana Karibuni di Langobaya è partita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Grazie alla spinta di Roberto Marini e di Philemon Mawala, imprenditori e manager malindini scelti ufficialmente dal Ministero del Turismo per lavorare al ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una categoria alla volta, per sensibilizzare e fornire gli strumenti utili alla prevenzione. Questi ...

LEGGI L'ARTICOLO