Arte e cultura

PERSONAGGI

Peter Elungat, a Malindi tra arte ed emozioni

Il grande pittore keniano ospite di Shala Heart

07-12-2019 di Leni Frau

Malindi è diventata la seconda casa di uno dei più promettenti e quotati artisti dell’Est Africa.
Peter Elungat, pittore poco più che quarantenne le cui opere sono esposte anche alla Gallery of African Art di Londra e in altri spazi in Europa e negli Stati Uniti, è stato coinvolto dallo Yoga & Wellness Centre di Malindi Shala Heart dell’italiana Luce Torreforte nel suo progetto sociale Tribalosophy.
“E' la mia prima volta a Malindi, e appena ho toccato il suolo ho provato una sensazione indimenticabile, quella di sentirmi a casa. Poi arrivato nella splendida casa-giardino di Luce, in questo luogo cosi tranquillo ed evocativo, mi sono sentito in paradiso”.
Elungat arriva da lontano, in tutti i sensi: è nato nel 1978 a Malamba, al confine con l’Uganda é da sempre stato attratto dall’arte.
Abbandona gli studi al secondo anno delle secondary nonostante i buoni risultati,  con la scusa di andare ad aiutare la famiglia che sta vivendo un momento di crisi economica. Il vero motivo é che tra le materie scolastiche non é prevista nessuna disciplina artistica e il bisogno di libertá, vivere e lasciarsi ispirare dal mondo esterno sono troppo forti per trattenerlo in un edificio scolastico…oltre ad una eccessiva nostalgia della figura materna: “ sono stato troppo tempo con mia mamma (anche se il tempo trascorso con la propria madre non é mai troppo) questo rapporto speciale mi ha condizionato nelle scelta dei soggetti quasi sempre femminili nelle mie opere”.
Per riuscire a mantenersi un amico fotografo gli propone di fare dei ritratti “copiati” dalle sue fotografie e cosí inizia la sua carriera di pittore. In principio i suoi quadri sono ricchi di elementi, persone, piante ma la ricerca della propria identità artistica lo ha portato a semplificare le sue opere lasciando il soggetto umano come protagonista assoluto del quadro.
Una carriera in rampa di lancio, soddisfazioni professionali e il suo nome sul taccuino di critici e mecenati dell’arte, ma l’esperienza fatta con i bambini del quartiere disagiato di Kisumundogo e disegnare per loro e con loro sui muri dello slum è stato per Elungat un punto d’arrivo.
“Avevo giá lavorato con ragazzini ma molto tempo fa – racconta l’artista a malindikenya.net - ma questa volta non si é trattato di una lezione di disegno; abbiamo lavorato insieme, condiviso il momento e l’intensità del momento stesso. Non era tanto il fatto di decorare un muro, quello é il mio mestiere e non saprei neanche quantificare il valore del mio lavoro, perché alla fine ho già ricevuto molto da questa esperienza:  ho potuto vedere l’amore, la felicità la gioia dei bambini. Hanno aperto un’altra porta nel percorso della mia vita.
Il progetto Tribalosophy, che é nato nello slum di Kisumundogo, deve essere d’esempio e in tutto il Kenya e anche nel mondo. A parte la naturale indifferenza iniziale, nel corso dei cinque giorni di lavoro molta gente del luogo si è avvicinata a noi e alcuni proprietari di case e abitazioni limitrofe al progetto hanno giá offerto i loro muri per essere decorati. Non è solo abbellimento, ma vera e propria "art therapy ”.
Quando parla dei ragazzini, l’artista ha gli occhi lucidi e ci mostra foto e video delle sue giornate felici, racconta aneddoti, ride e ancora si stupisce di come quei piccoli allievi abbiano toccato le sue corde.
“Continuo a sognarli – dice – E’ un progetto potente che ha suscitato in me commozione, ispirazione e creato un leghame con questi bambini che mi chiamano “zio” e  mi hanno salutato dicendomi “ci vediamo domani” con una sorta di cantilena, canzoncina “ tomorrow” …questo domani sará il prima possibile perché qualcosa é scattato in me. Li sognerò ancora, così come sono sicuro che sognerò Malindi, fino al mio ritorno”.
Ritorno che avverrà molto presto, perchè dopo aver inaugurato il suo nuovo spazio espositivo a Kitengela, Peter Elungat sarà tra i tanti personaggi speciali che prenderanno parte alla serata di Gala di Shala Heart, il prossimo 29 dicembre, un evento che unirà arte e benessere ad iniziative sociali e culturali.

TAGS: artisti kenyaelungatshala hearttribalosophyluce torreforte

Una serata per parlare di benessere della mente e del corpo, venerdì 25 gennaio nello spazio Shala Heart di Malindi.
Dopo i bellissimi eventi dedicati alla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Molto più di un progetto artistico, quello di Shala Heart a Malindi è un movimento che vuole creare...

LEGGI L'ARTICOLO

Più di un normale happening, molto più di una semplice inaugurazione, il vernissage della mostra completa di Gian Paolo Tomasi “I saw african woman”, il prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo l’esclusiva e piacevole serata di gala che ha aperto la stagione dello spazio malindino d’arte, benessere...

LEGGI L'ARTICOLO

Save the date, segnatevi questa data: domenica 29 dicembre 2019.
Perché...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi a partire dalle 18.30 va in scena uno degli eventi clou della stagione turistica di Malindi.
L'esclusivo...

LEGGI L'ARTICOLO

Un evento davvero speciale per Malindi e per chi vi ha assistito.
Shala Heart, il nuovo spazio malindino dell'artista Gian Paolo Tomasi e della sua compagna Luce Torreforte, impegnata nel sociale e nel campo del benessere, ha deciso di svelarsi alla...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

C’è una Malindi , ormai lo sappiamo, che ama la bellezza delle cose reali.
Una Malindi che non è italiana, non è inglese, non è indiana e non è solo africana, una Malindi di tutti coloro che apprezzano l’arte, la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un concerto suonato e raccontato, la "voce" incantevole di un violino narrante e l'accompagnamento di un piano immerso nella Natura africana.
Molto più di un evento di musica classica, quello di ieri sera nello spazio d'arte e cultura "Shala Heart"...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Ecco un estratto video della fantastica serata musicale a Malindi, Shala Heart, di mercoledì 14 novembre con il violinista Francesco D'Orazio accompagnato al piano dal Maestro Michele Visaggi.
Evento promosso dall'Ambasciata d'Italia in Kenya con l'Istituto Italiano di Cultura di...

GUARDA IL VIDEO

Fantastica la risposta di residenti e turisti per il concerto-evento promosso dall'Ambasciata d'Italia in Kenya e dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi e organizzato da Malindikenya.net con l'aiuto di imprenditori e privati di Malindi.
Per ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si è chiusa con un'elegante sfilata di moda a bordo piscina in riva all'oceano indiano, nella fantastica cornice del Kilili Baharini Resort & SPA di Casuarina, la prima mini-edizione del Malindi Talent Music Festival.
La kermesse organizzata da Malindikenya.net e sponsorizzata...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Ecco il video della canzone "Amani na elimu" (Pace ed apprendimento) di Freddie del Curatolo e Marco Bigi, eseguita dal coro di Asante Sana Children's Home di Mambrui, diretto dal Maestro Paolo Belloli, durante la serata inaugurale del Malindi Talent...

GUARDA IL VIDEO

La serata conclusiva del Malindi Talent Music Festival è affidata allo splendido scenario del Kilili Baharini Resort & SPA di Casuarina.
A partire dalle 18 ci sarà una sfilata di moda con le creazioni della boutique malindina...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lui si chiama Bryan ed è il chitarrista "adottato" grazie all'iniziativa malindina dello scorso agosto messa in atto da Maxlife e Malindikenya.net, con la partecipazione del Children Centre "Asante Sana" di Mambrui e della Pro Guitar Academy di Malindi.
Durante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Venerdì 23 e sabato 24 agosto all’Alaskan Gorund di Malindi va in scena il Coconut Festival 2019, prima...

LEGGI L'ARTICOLO