Info sanitarie

SANITA'

Coronavirus: ecco come il Kenya ha attivato i controlli

Aiuti internazionali, task force e test: il punto della situazione

17-02-2020 di redazione

Dopo che i primi due casi sospetti di Coronavirus in Kenya sono stati isolati a Mombasa e Nairobi e che le strutture private hanno garantito le analisi che sono state spedite in Sudafrica per la diagnosi, il Kenya ha velocizzato il processo di adeguamento ai controlli internazionali per diagnosticare subito il virus che sta mietendo vittime in tutto il mondo e qualche giorno fa ha segnalato il primo caso letale nel Nord Africa, in Egitto. Non a caso il Paese africano fa parte dei cinque che hanno formato una task force per contrastare la diffusione del virus.
Prima mossa: sono stati richiesti direttamente i test da effettuare nel Paese, per non dover attendere un minimo di 48 ore per gli esiti (Sudafrica e Senegal sono le uniche nazioni ad avere centri specializzati di diagnosi per infezioni importanti, ma poco a poco altri dieci Paesi africani si sono aggiunti e hanno gli strumenti necessari) e più attrezzature per disinfettare aeroporti e luoghi pubblici.
In più il Kenya beneficerà da questo mese di parte dei fondi messi a disposizione per l’Africa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovvero 675 milioni di dollari per proteggere gli stati con sistemi sanitari pubblici non adeguati.
Con il Kenya saranno aiutati Angola, Algeria, Costa d’Avorio, Repubblica democratica del Congo, Etiopia, Ghana, Mauritius, Nigeria, Sudafrica, Tanzania, Uganda e Zambia. Tutti Paesi che, tra l’altro, hanno avuto fino a poco tempo fa stretti contatti con la Cina.
«Il rischio e la probabilità di avere un’epidemia in Africa sono molto, molto alti», ha dichiarato Ambrose Talisuna, responsabile del team dell’Organizzazione mondiale della sanità che si occupa delle emergenze nel continente.
Per questo motivo, da qualche settimana, i sistemi sanitari africani si stanno preparando alla nuova minaccia proveniente dalla Cina (dove ha già fatto quasi 2000 morti). Pazienti sospettati di aver contratto il coronavirus sono stati messi in quarantena anche in Etiopia Costa d’Avorio e Botswana.
Nel frattempo l’Africa Center for Disease Control and Prevention (Africa CDC) di concerto con l’OMS ha creato appunto una Task Force apposita per il Continente Nero, formata da Senegal, Kenya, Marocco, Nigeria e Sudafrica, viste non solo come nazioni più preparate ed equipaggiate rispetto ad altre ma come aree geografiche di sorveglianza. La Task Force sta già lavorando alacremente ai punti d’ingresso di ogni Paese (per il Kenya quelli internazionali sono solo 2, Nairobi e Mombasa) per migliorare gli screening e prevenire infezioni ed eventuali contagi, oltre che organizzare i sistemi sanitari locali in modo che sappiamo come gestire le persone con nCoV in forma grave.
«Sappiamo che questi sistemi sanitari sono fragili e sono già alle prese con numerose epidemie. Per noi, è fondamentale rilevare il coronavirus il prima possibile in modo tale che si possa prevenire la diffusione all’interno delle comunità», ha affermato Michel Yao, responsabile del programma Oms per le operazioni di emergenza in Africa.
Agli operatori sanitari è stato insegnato come comportarsi di fronte a persone con infezione sospetta o confermata. Sono stati inoltre istituiti team di gestione dell’incidenza nel Paese.
C’è da dire che “grazie” all’esperienza del virus Ebola, il Kenya come altri Paesi limitrofi e non lontani dal Congo, sono preparati con infrastrutture di isolamento, si tratta solo di agire in maniera specifica per questo nuovo terribile virus.

TAGS: coronavirus kenyasalute kenyasanità kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha firmato una direttiva per contrastare il Coronavirus nel suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Pochi tamponi nelle ultime 24 ore ma la percentuale dei positivi in Kenya rimane la stessa, con 95 ...

LEGGI L'ARTICOLO

Con una decisione improvvisa di questo pomeriggio,il Governo keniota ha sospeso da questo momento i...

LEGGI L'ARTICOLO

I due cittadini cinesi che da alcuni giorni erano stati messi in isolamento in quanto considerati casi sospetti da ...

LEGGI L'ARTICOLO

La conferma del primo caso di Coronavirus in territorio keniano è stata data poche ore fa,...

LEGGI L'ARTICOLO

Dati incoraggianti quelli di Lunedì 22 giugno,  sono “solo” 59 i positivi su 2.354 test effettuati nelle...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Malaika Beach Villas e relativo ristorante con lettini sulla spiaggia di Mayungu hanno deciso da...

LEGGI L'ARTICOLO

Diminuiscono i tamponi, diminuiscono i casi.
Con i dati...

LEGGI L'ARTICOLO

Una giornata di transizione, con non moltissimi tamponi fatti e solo 12 nuovi casi di positività al virus Covid-19 ...

LEGGI L'ARTICOLO

La compagnia di bandiera keniana Kenya Airways ha annunciato ieri di avere temporaneamente sospeso i...

LEGGI L'ARTICOLO

Una conferenza stampa eccezionale, all’Aeroporto Internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi, per annunciare...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ruaraka Uhai Neema Hospital, gestito dalla ONG World Friends, e’ stato riconosciuto come...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo le proteste delle associazioni di categoria, il Governo keniano ha fatto una mezza marcia indietro...

LEGGI L'ARTICOLO

In seguito alla conferma del primo caso di Coronavirus in Kenya, il Governo del Paese africano ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Bar Bar lo storico locale malindino da sempre ritrovo degli italiani ma da tempo punto di riferimento internazionale e moderno della cittadina, riapre al...

LEGGI L'ARTICOLO

Per adesso gli italiani che devono entrare in Kenya non saranno sottoposti a nessuna restrizione, se non ...

LEGGI L'ARTICOLO