Editoriali

EDITORIALE

Prodotti italiani in Kenya, tempo di spesa intelligente

Tra rincari e salti mortali degli importatori

21-01-2022 di Freddie del Curatolo

Qualche giorno fa mi è capitato personalmente di ascoltare il dialogo, all’interno di un grande supermarket della costa keniana, tra un italiano di una certa età (presumibile turista di lungo corso) e i suoi accompagnatori locali, un ragazzo e una ragazza.
Il signore, ovviamente in un italiano fluente e spedito, affinché i suoi partner capissero meglio (!), si lamentava del fatto che un pacco di pasta da 500 grammi proveniente dal nostro Paese costasse ben 350 scellini.
“In Italia la pago un euro e cinquanta, e di marche migliori!” diceva ai ragazzi, con tono sorpreso.
I due keniani lì per lì avranno pensato che in Italia deve essere tutto più economico, ecco perché i mzungu sono più ricchi di noi. D’altronde già qualcuno ci aveva detto che lì una donna delle pulizie guadagna in una sola ora quello che noi portiamo a casa in due o tre giorni interi. Se poi da mangiare costa la metà, facile capire.
Ma non sottovalutiamo i giovani keniani, anche se sulla costa sono un po’ più ingenui e meno informati che a Nairobi: probabilmente, a differenza del soggiornante italico, conoscono le regole dell’importazione ed esportazione. Ad esempio, i keniani alla pasta preferiscono decisamente la polenta di farina di mais bianca. La consumano tutti i giorni, in famiglia o anche nelle loro trattorie, la famosa “sima” per fare l’ugali, ovvero la polenta con il suo sugo.
Un chilo di quella farina in Italia costa € 1.30, in Kenya meno della metà, ovvero Kes. 65 (circa 50 centesimi al cambio attuale). Ma il prezzo si riferisce a farina prodotta in Italia, come ad esempio quella dell’azienda Molino Peila, in provincia di Torino. Se si andasse a cercare la farina da ugali d’importazione, il prezzo salirebbe fino a € 5.90, per prodotti importati principalmente dal Venezuela. Alcuni anni fa, con mio grande stupore, in un supermercato per stranieri a Reggio Emilia, trovai una confezione di “Taifa”, la farina di mais bianca del Kenya. Costava esattamente il triplo che in Kenya.
Assolutamente naturale, dato che al prezzo di costo originale bisogna aggiungere i dazi doganali e le tasse della nazione in cui viene venduta.
Tornando al nostro pacco di pasta e al signore italiano, giovi sapere che una ditta di import-export di prodotti italiani, dopo aver acquistato i prodotti all’ingrosso nel nostro paese, deve riempire un container da 20 o 40 piedi, pagare il trasporto dai magazzini italici al porto di partenza delle navi cargo, il trasporto del container stesso e il trasporto finale dal porto di Mombasa al proprio magazzino in Kenya. Oltre ad un costo fisso per lo sdoganamento e le accise sui prodotti importati, a cui si aggiungeranno in un secondo tempo le imposte sui guadagni del venduto.
Questo iter che avviene da sempre, oltretutto, deve essere aggiornato continuamente con l’aumento delle accise e dei diritti di dogana che proprio all’inizio del 2022 hanno fatto segnare l’ennesima impennata e con l’inflazione. Il signore lamentoso probabilmente è in Kenya da poco e tornerà tra qualche mese in Italia, avrà quindi sperimentato come rispetto all’ultima volta che era qui, lo scellino sia notevolmente più debole e il potere d’acquisto dell’euro nei suoi confronti sia molto più forte.
Per chi, come me, vive qui tutto l’anno, i prezzi dei prodotti d’importazione sono aumentati in maniera ormai quasi insostenibile. Perciò se proprio la voglia di spaghetti o rigatoni mi corrode dentro, piuttosto che in un supermercato locale dove spenderei ancora di più, mi reco direttamente dall’importatore e faccio una pazzia. Poi vedo le olive taggiasche e i capperi siciliani (perché chi importa, ultimamente, importa pure cose giuste) e lascio in pegno il libretto della Toyota.
Certo, non si può vivere di solo chapati e di sole buonissime verdure.
La soluzione c’è, ed è la spesa intelligente. Intanto verificare chi sono quegli importatori italiani che continuano a fare salti mortali per garantire prodotti di qualità al minimo ricarico, con tutte le difficoltà del caso e spesso vengono trattati come usurai perché vino e olio extravergine di oliva costano il doppio che all’Esselunga.
Ma è anche piacevole imparare ad alternare, o mescolare gli irrinunciabili prodotti della Penisola con risorse locali. Ad esempio darsi da fare e andare a conoscere il pescatore che ti porterà una cernia a 3 euro al chilo (in Italia, nostrana 38 euro) e te la pulisce e sfiletta per 50 centesimi. O un polpo di 2 chili a meno di 10 euro (in Italia 80) e così via. E nelle penne rigate, mettere un ragù di pesce meno nobile, che costa ancora meno, al posto del tonno Riomare. Non vi piace il pesce? Polletto ruspante a 2.50 euro al kg, in Italia il pollo nostrano bio viaggia tra i 12 e i 16 euro.
Il Kenya è sempre più caro, specie per chi non lo sa vivere alla keniana.
E per chi non sa o non ha voglia di fare la spesa a ragion veduta.
Compreso l’acquisto di prodotti d’importazione.

TAGS: import kenyaprodotti kenyaitalia kenyacontainer kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La voglia d’Italia non è solo quella di turisti che speriamo arrivino presto, ma quella di tanti...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Sollievo per decine di importatori e centinaia di aziende di Kenya e Uganda che dipendono dal trasporto via...

LEGGI L'ARTICOLO

Querelle Italia-Kenya sui prodotti alimentari d'importazione dal nostro Paese.
Le società di import-export si sono appellate al Ministro del Commercio del Kenya per risolvere la questione del sempre più complicato processo ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da venerdì 8 giugno al Village Market di Nairobi va in scena la seconda edizione di "The Italian Week Expo", la settimana promossa dal Comites Kenya in collaborazione con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo i sindacati e gli attivisti keniani per i diritti umani, la Cina si starebbe preparando a...

LEGGI L'ARTICOLO

Il progetto è stato annunciato ieri dal Ministro dei Trasporti del Kenya James Macharia, che dopo aver firmato l'accordo con i colleghi di Sud Sudan ed Etiopia, ha appaltato a due...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero del Commercio e dell’Industria del Kenya ha deciso la chiusura di tutti i negozi che vendono ...

LEGGI L'ARTICOLO

Tra un paio d'anni si potrà viaggiare con la ferrovia veloce SGR da Mombasa fino alla più...

LEGGI L'ARTICOLO

La Russia punta l’Africa per diventare il secondo polo commerciale dopo il gigante cinese.
Questo è...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'altra settimana di aiuti firmati comunità italiana, con la NGO Karibuni e il nostro portale.
Come avevamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Migliaia di derrate alimentari a rischio deperimento, consegne in ritardo che possono fermare produzioni...

LEGGI L'ARTICOLO

Un nuovo negozio a Malindi per gli amici a quattro zampe a Malindi.
Al Vera Cruz Complex in Lamu Road (di fronte al Malindi Complex) ha aperto "Cat & Dog Food", un rivenditore autorizzato "Skinner’s", leader inglese nella produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Se la Cucina Italiana è ormai riconosciuta come un valore aggiunto dell’hospitality, della vita sociale, del ...

LEGGI L'ARTICOLO