Ultime notizie

LUTTO

Addio a Luciana, la "Power Ranger" di Malindi

Combatteva da tempo con una malattia in Italia

29-12-2021 di Freddie del Curatolo

Spesso, quando una persona conosciuta in vita ci lascia dopo una lunga, aggressiva malattia, si usa scrivere che “ha lottato come un leone fino all’ultimo” o che “ha affrontato con coraggio senza mai mollare” quel tunnel da cui in pochi riescono ad uscire e rivedere la luce che permetterà loro di proseguire il cammino.
Nel caso di Luciana Franci, la “Power Ranger” come con la spavalda ironia di cui era portatrice sana si era soprannominata o “Lucianona” come solo gli amici potevano chiamarla, non c’è niente di più vero. Leonessa lo è sempre stata, negli anni ruggenti d’Africa come nella gioventù ribelle e non ci vuole grande immaginazione per crederci: per chi non l’ha frequentata c’è un libro, l’autobiografia scritta quando già aveva intrapreso l’avventura più dura e drammatica da affrontare.
Purtroppo quel libro da oggi in poi non sarà solo la testimonianza di una donna verace, passionale, istintiva e battagliera ma la sua eredità lasciata a chi l’ha incontrata tra le palme e la savana del Kenya o sulle verdi colline della sua Maremma laziale.
Luciana Franci se n’è andata a soli 55 anni, senza riuscire a tornare in quella terra che amava tanto e che aveva esplorato durante decine e decine di safari, facendo innamorare dei suoi meravigliosi angoli selvaggi moltissimi italiani che le sono rimasti affezionati.
Perché “Lucianona” non era solo un’esperta guida di safari, ma un Cicerone d’equatore ineguagliabile per parlantina e aneddotica, che sapeva alternare sapientemente professionalità e colore, battute estemporanee e sentimentalismo, vampate dialettiche sopra le righe e pillole di saggezza.
Approdata per la prima volta in Africa nel 1992 come volontaria, Luciana né è rimasta folgorata ed ha iniziato a frequentarla assiduamente.
Lavorare nel settore dei viaggi per lei, “maschiaccio” nella terra dei cinghiali, capace di cavalcare grosse moto custom e girare l’Europa, è stato un afflato naturale, così come in cuor suo sapeva che ancor più naturale sarebbe stato trasferirsi in Kenya e diventare lei stessa “il viaggio”, unendo alla passione di sempre il lavoro in una terra ricca di paesaggi e sorprese, mai scontata e tutta da vivere con i suoi paradossi, i pro e i contro.
Così simile alla sua terra d’origine, così simile a lei.
“Passione Africa”, il nome dell’agenzia di safari che in quindici anni ha organizzato le vacanze di centinaia di connazionali, ha interrotto l’attività dopo le restrizioni della pandemia, ma Luciana ad agosto, non appena il paese africano aveva riaperto le frontiere al turismo, era tornata per prepararsi a nuove stagioni di viaggi, quando un fastidioso mal di schiena dopo l’ennesima escursione a caccia di nuovi scenari da far vivere e raccontare ai suoi clienti l’aveva nuovamente bloccata.
Sulle prime sembrava uno dei tanti virus tropicali estemporanei e noi, come tanti altri italiani in Kenya, l’abbiamo fornita di tutte le conoscenze di specialisti in Kenya ed in Italia.
Dal primo ricovero ad ottobre dell’anno scorso, i soliti alti e bassi di speranze e sconforto, debolezza fisica e volontà ferrea, positività e speranza, hanno accompagnato l’uscita del libro “Che cielo che c’è”, che è riuscita anche a diffondere di persona, organizzando alcune presentazioni.
All’ultima, la più prestigiosa al Salone del Libro di Torino, non è riuscita a partecipare.
La aspettavamo qui, con la sua inconfondibile camicia da “Power Ranger”, la cintura e il baschetto, la risata solare che zittiva iene e babbuini e una nuova trovata.
Sei partita troppo presto per il tuo ultimo viaggio. Safari Njema, Luciana!

TAGS: luciana francilutto kenyaitaliani kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Una vita schietta, presa spesso di muso, allegra e poco incline al conformismo e all’omologazione, ma allo...

LEGGI LA RECENSIONE

Il safari di Luciana Franci nella “sua” Africa non si ferma. A poco più di quattro mesi dalla sua...

LEGGI L'ARTICOLO

Purtroppo questa volta non ce l’abbiamo fatta a salvare uno dei tanti meravigliosi animali che popolano la savana intorno a Malindi.
Dopo il salvataggio di elefantini caduti nelle pozze e di leoni liberati dai lacci piazzati come trappole dai bracconieri,...

LEGGI TUTTO

Il Serval è un “gattone” di savana molto simile al ghepardo, a partire dal suo splendido manto maculato.
Felino selvatico tipicamente africano, snello, di medie dimensioni, con la testa piccola, le grandi orecchie.
Testa piccola, grandi orecchie, zampe lunghe, predilige...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

“Perché amo il Kenya? Semplice, perché sono cresciuto qui”.
Per...

LEGGI IL RICORDO

La battaglia di Diani Beach, destinazione turistica costiera tra le più rinomate in Kenya, per conservare quanto più...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

LIBRI KENYA

Sognavo L'Africa - Kuki Gallman

Mondadori

di Leni Frau

Kuki Gallmann aveva “una storia da raccontare”.
Questo romanzo è la sua storia.
Italiana, di Treviso, si trasferisce nel 1972 in Kenya con il secondo marito Paolo e il figlio Emanuele.
In un grandissimo ranch a Laikipia costruirà la sua nuova...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

E' il Kenya la nazione più colpita dal lutto internazionale dopo lo schianto al suolo del Boeing 737 MAX della...

LEGGI L'ARTICOLO

Un altro triste lutto coinvolge un connazionale che ha vissuto a Malindi.
La...

LEGGI L'ARTICOLO

Un grave lutto avvolge la comunità italiana di Malindi, ci ha lasciato uno dei decani della "colonia" italiana.
Il costruttore bresciano Renato Marini. Logorato da una lunga malattia, si è spento nella sua casa dietro il Galana Center, una delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da anni nei dintorni di Malindi si consuma una delle più drammatiche ingiustizie sociali dei nostri tempi, almeno...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Come quando abbandoni l’Africa, magari dolorosamente solo perché la vita ti porta altrove, l’Africa...

LEGGI L'ARTICOLO

Un nuovo sciame infinito di locuste del deserto minacciano il Kenya, ma questa volta si sono spinte...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi è un'isola per ora felice, benché ormai nessuno può dirsi tranquillo in quasi nessun angolo di mondo, grazie a coloro che fomentano guerre di interessi mascherandole da dispute ideologiche o religiose.
Il Festival Multiculturale che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya perde il primo grande conservazionista del suo paese, il keniano di origine britannica Richard...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel 2018 il Ministero degli Interni e della Sicurezza Nazionale del Kenya ha vietato in tutto il paese le...

LEGGI L'ARTICOLO