Ultime notizie

CRONACA KENYA

Dai rapimenti di 7 anni fa al confine con la Somalia una speranza in più per Silvia

Tre donne, entrambe liberate e trattate bene, ma dopo una lunghissima attesa

26-11-2018 di Freddie del Curatolo

Gli ultimi rapimenti in Kenya, al confine con la Somalia (perché come non ci stancheremo mai di ripetere, checché ancora qualche giornale ne scriva a migliaia di chilometri di distanza, sulla costa keniana fino a venti chilometri dal confine non c'è n'è mai stato uno) sono avvenuti sette anni fa, in un caldo autunno in cui Al Shabaab conduceva le sue efferate azioni sia via terra che via mare, con la pirateria.
Le due vicende che vi raccontiamo ci autorizzano a un po' di speranza, nel caso che la banda di rapitori abbia venduto la ragazza a qualche organizzazione islamica che sia solita chiedere un riscatto.
Il 10 settembre del 2011 la coppia di cittadini britannici David e Judith Tebbut, persone agiate con la vocazione sociale, decisero di concedersi una breve vacanza in un esclusivo resort dell'arcipelago di Lamu nell'isola di Kiwayu, la più isolata e vicina al confine somalo.
Nella sera furono vittime di un assalto da parte di una barca di pirati somali, con i quali sulla spiaggia David Tabbott ingaggiò una collutazione nella quale rimase ucciso. I pirati presero la moglie, 57 anni, e la rapirono.
La banda vendette la donna, dopo averla obbligato ad indossare le vesti islamiche, ad un gruppo legato alla gioventù estremista islamica somala, che dopo due settimane emise un comunicato, chiedendo un riscatto che superava il milione di dollari.
Partirono le trattative, coadiuvate ma non appoggiate economicamente dal Governo britannico.
Dopo ben 193 giorni, Judith venne liberata grazie ad una colletta di amici e familiari, che raggiunsero la ragguardevole cifra di 820.000 sterline, che oggi corrisponderebbero a 930 mila euro circa.
Judith raccontò alla stampa di non essere stata trattata male, ma di aver passato un periodo psicologicamente duro, in seguito anche allo sconforto per la morte del marito, che le venne comunicata due settimane dopo il rapimento, ma di avere sempre pregato e creduto nella sua liberazione. Durante i giorni di prigionia la donna fu trasportata in diversi rifugi, nella foresta dell'entroterra somalo.
Un mese più tardi, nel campo profughi di Dadaab, dove poche organizzazioni di volontari si avventurano a loro rischio e pericolo, una coppia di cooperanti spagnole fu rapita e portata oltre confine. Nel loro caso le trattative condotte dalla ONG Medics sans frontieres per cui lavoravano, durò ben 21 mesi. Anche in quel caso le donne dissero di non aver subito violenze.

TAGS: rapimenti kenyastorie kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi conosce e frequenta quotidianamente o anche sporadicamente il nostro portale, che da dodici anni...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il venerdì del Tamu Beach è dedicato alla musica Mijikenda, con la più importante band locale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avremmo potuto aggiornarvi ogni ora, nelle ultime 24 ore.
Le notizie si susseguono, di informazioni ne arrivano anche troppe e le testimonianze attendibili sono sempre poche, ma aiutano a comporre un quadro della situazione.
Questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Va in scena questa sera la quarta puntata di "Good Night Malindi" al Baby Marrow di Vasco Da Gama Road.
Nell'Art&Food Restaurant la radio dal vivo di Freddie terrà compagnia ai commensali raccontando storie di esilio dall'Italia in Kenya e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'anno scorso, esattamente il 9 agosto, Malindi e Watamu erano così vive e...

LEGGI L'ARTICOLO

La vocazione sociale della scuola di chitarra Pro Guitar Academy di Malindi è sempre più evidente.
Oltre ad organizzare seminari e concerti (il prossimo, in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

La storia dei matrimoni tra turiste italiane e i cosiddetti "beach boy" (ora preferiscono essere chiamati "beach operator") continua a dare spunti di divertissement e ironia, ma si tratta spesso di storie vere che vengono vissute sulla pelle delle persone...

LEGGI TUTTO

Unire le tradizioni musicali etniche della costa keniana con le nuove tendenze e un tocco di...

LEGGI L'ARTICOLO