Ultime notizie

ECONOMIA

Kenya meglio dell'Italia per fare business

Report della Banca Mondiale, Nairobi supera Roma

19-04-2021 di Freddie del Curatolo

Per la prima volta il Kenya è quotato meglio dell’Italia a livello internazionale sull’accessibilità e la facilità di sviluppare business nei Paesi.
Lo rivela la classifica annuale della Banca Mondiale, attraverso la sua relazione “Ease to do business”, da poco pubblicata.
Quest’anno il Kenya si attesta al 56° posto nella speciale graduatoria che calcola diversi fattori che concorrono a dare ottimismo alle aziende che vogliono investire. L’Italia si trova solo al 58°, preceduta anche dal Kosovo.
Burocrazia, tasse, reperibilità e costi di elettricità e materie prime, permessi per edificare e licenze per operare, registrazione di proprietà e beni, import-export e interessi dei prestiti sono le principali voci che determinano la graduatoria finale che quest’anno premia la Nuova Zelanda davanti a Singapore e a Hong Kong. Prima nazione europea, la Danimarca al quarto posto. Unica africana prima del Kenya, ma non subsahariana, il Marocco in posizione 53. Il Kenya quindi per la Banca Mondiale è il Paese più accessibile per aprire un business ex novo di tutta l’Africa non mediterranea. Ben staccata infatti la seconda, il Sudafrica, ottantatreesimo, seguito a ruota dallo Zambia.
Sulla buona quotazione di Nairobi, gioca il quarto posto assoluto nel mondo per la convenienza nell’ottenere prestiti. Segno che un investimento in Kenya, se portato avanti in maniera seria e professionale, viene considerato dalla Banca Mondiale e dagli istituti di credito e finanziari, un potenziale successo. Cosa che ad esempio, in Italia non accade e secondo la relazione Roma scivola addirittura alla posizione numero 119 in coabitazione con Pakistan, Repubblica Dominicana ed Equador. Una tristezza.
Dove il Kenya deve migliorare? Secondo il report della World Bank nelle procedure per ottenere permessi di lavoro e per acquisire titoli di proprietà.
La graduatoria, e questo da una parte può spiegare l’ottimismo, non prende in considerazione la corruzione. Ma c’è da dire che anno dopo anno il Governo del Kenya, soprattutto con la digitalizzazione di tutti i più importanti uffici che rilasciano documenti, sta migliorando molto.
E’ un sistema che si cerca di cambiare radicalmente, dopo decenni di abitudini e procedure “aumm aumm” e che raccoglierà, si spera, i frutti tra qualche tempo. Per adesso qualche intoppo ancora c’è.
In ogni caso, investire in Kenya per un’azienda italiana con le idee chiare e le capacità, può essere qualcosa di più di una valida alternativa a boccheggiare in casa propria.

TAGS: economia kenyakenya italiabusiness kenyabanca mondiale kenyainvestimenti kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Da un'inchiesta del World Bank Group, organismo di ricerca della Banca Mondiale, pubblicata sul sito doingbusiness.org, la Contea di Kilifi viene segnalata come una delle mete future più appetibili per il cosiddetto "Tourism Business", 

LEGGI TUTTO

Il Kenya riceverà presto un aiuto dal Fondo Monetario Internazionale per fare fronte in maniera adeguata...

LEGGI L'ARTICOLO

Kenya meta di grande interesse immobiliare per i ricconi del pianeta.
Questo emerge da un articolo inchiesta del quotidiano finanziario online americano "Business Insider".
Secondo l'inchiesta le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quindici ore di volo su un Boeing 787 da 234 persone con tre classi: First, Business ed Economy. Partenza alle 23.25 dall'aeroporto Jomo Kenyatta di Nairobi, promosso recentemente "Classe A" per avere i parametri internazionali richiesti dagli USA, e arrivo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quindici ore di volo su un Boeing 787 da 234 persone con tre classi: First, Business ed Economy. Partenza alle 23.25 dall'aeroporto Jomo Kenyatta di Nairobi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sta per arrivare un grande aiuto per la fornitura di elettricità nella zona di Malindi e in tutta la Contea di Kilifi: il...

LEGGI L'ARTICOLO

Secondo la ricerca "Africa Risk-Reward Index", pubblicata da Nkc African Economics, il Kenya e l'Etiopia sono i Paesi leader del prossimo futuro nel Continente Nero.
Il rapporto, che mette a confronto investimenti, PIL, sicurezza e molti altri fattori di supporto all'economia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Già pronti 30 milioni di euro da parte di investitori nazionali e stranieri per lanciare progetti industriali nella Contea di Kilifi.
Lo ha annunciato il Governatore Amason Kingi a margine del convegno di Kilifi sull'economia e gli investimenti nella contea...

LEGGI TUTTO

La lunga storia di Imperial Bank Kenya sembra ancora lontana dal terminare. L'Istituto di Credito in amministrazione controllata da più di un anno, non ha ancora perso la speranza di poter riaprire i battenti o comunque di rientrare nel giro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una delle storiche banche del Kenya ha chiuso la sua filiale di Malindi.
La...

LEGGI L'ARTICOLO

Cinque milioni di keniani non riescono a pagare i debiti contratti con gli istituti bancari o di credito a cui...

LEGGI L'ARTICOLO

La Contea di Nairobi aiuterà le piccole e medie imprese a crescere.
Secondo un accordo firmato dal neo Governatore di Nairobi Mike Mbuki Sonko e la Camera di Commercio e dell’Industria del Kenya (KNCCI), le imprese locali gestite al femminile...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono due milioni i nuovi poveri del Kenya dall’inizio dell’emergenza Covid-19.
E’ un rapporto...

LEGGI L'ARTICOLO

Niente parco eolico a Ngomeni, la zona a nord di Malindi ben nota agli italiani per la base San Marco.
La mega centrale da 600 megawatt che attraverso il vento avrebbe dato energia rinnovabile a tutta la costa, non sarà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I lavori del lungomare di Malindi fanno parte di un piano molto più articolato di aiuti per Malindi grazie ...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi cerca di rifarsi il trucco per accogliere il turismo locale e prepararsi a quando il periodo...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO