Ultime notizie

NEWS

Maasai sfrattati e riserve di caccia: addio Ngorongoro?

Situazione caldissima in Tanzania, proteste e incidenti

21-06-2022 di Freddie del Curatolo

Il conflitto tra uomo e natura nell’Africa equatoriale delle savane, delle foreste e degli altipiani, è una delle problematiche più serie e sottovalutate dei nostri tempi.
Da una parte ci sono le popolazioni povere, seminomadi, dedite da sempre a pastorizia ed agricoltura, dall’altra il progresso e le sue implicazioni socio-economiche che inesorabilmente si portano dietro l’edilizia, le infrastrutture e il turismo.
Se ne parla spesso quando sono i residenti ancestrali di quelle terre e nazioni a ribellarsi, uccidendo elefanti che devastano i loro raccolti o felini che sbranano le loro mandrie.
Un po’ meno quando c’è un nuovo lussuoso lodge da costruire o un intero villaggio da spostare per far posto alla tenuta di un vip o di un politico.
Questa volta però nelle lande tanzaniane alle falde del cratere di Ngorongoro, uno dei paradisi naturalistici che rientrano nei sogni ricorrenti degli amanti di Africa e safari e patrimonio dell’UNESCO, sta succedendo qualcosa di più grande e pericoloso, specie perché potrebbe costituire un precedente.
150 mila maasai che vivono da sempre nella zona di Loliondo, all’interno di un’immensa riserva di 1500 chilometri quadrati protetta di proprietà del Governo tanzaniano, stanno venendo poco a poco sfrattati per far posto ad una riserva privata (o quantomeno data in gestione dallo stato) in cui si potrà anche cacciare gli animali (per controllarne l’equilibrio biologico, si dice ovviamente).

Alle popolazioni locali il Presidente Samia Suluhu aveva già intimato due mesi fa il trasferimento in altri territori (più affollati e meno adatti al pascolo) ma come sempre il caos è scoppiato al momento dell’arrivo delle forze dell’ordine tanzaniane.
Secondo attivisti per i diritti umani, sarebbero stati sparati gas lacrimogeni e anche proiettili veri, e gli scontri dei giorni scorsi avrebbero causato oltre 30 feriti, oltre alla morte di un agente di polizia.

Nella riserva di Loliondo potrebbero così essere cancellati completamente i villaggi di Ololosokwan, Oloirien, Kirtalo e Arash, dove vivono circa 70.000 indigeni Maasai ormai stanziali, con scuole e servizi a loro disposizione. La notizia che la riserva di caccia potrebbe essere data in usufrutto alla famiglia reale degli Emirati Arabi che da sempre frequenta Loliondo per divertirsi sulla pelle di zebre, gnu e gazzelle, è ulteriore benzina sul fuoco.
Per questo nel 2018 la Corte di Giustizia dell’Est Africa aveva emesso un’ingiunzione per fermare lo sfratto. Il 22 giugno ci sarà il pronunciamento della corte d’appello per la questione.

Intanto 700 agenti delle forze di sicurezza nazionale sono stati dislocati nell’area e hanno installato campi tendati per presidiare la zona ed hanno piantato paletti per iniziare a delimitare l’area in cui sorgerà la riserva. Sembrerebbe che gli incidenti siano iniziati quando, poco prima dell’alba, i maasai della zona hanno rimosso i paletti.

“L’esproprio, lo sfratto forzato e lo spostamento arbitrario, vietati dal diritto internazionale, causeranno danni irreparabili – è la denuncia dell’Osservatorio per i diritti umani OCHR - potrebbe mettere a repentaglio la sopravvivenza fisica e culturale dei Maasai in nome della “conservazione della natura”, del turismo safari e della caccia ai trofei, ignorando il rapporto che i Maasai hanno tradizionalmente avuto con le loro terre, i loro territori e le loro risorse e il loro ruolo di gestione nella protezione della biodiversità”.
Il Governo tanzaniano, chiaramente è di tutt’altro avviso: sostiene che la terra è fondamentale per la riproduzione e la migrazione degli gnu nel Serengeti ed una fonte indispensabile di acqua per il parco nazionale. Secondo le autorità della protezione ambientale, il sito protetto di Ngorongoro dove la fauna selvatica e i pastori Maasai seminomadi da sempre hanno convissuto senza problemi, oggi è sovrappopolato dagli esseri umani e dal loro bestiame, con conseguente degrado ambientale. Sebbene il Paese abbia storicamente permesso ai nomadi di vivere all'interno dei parchi, la loro popolazione è aumentata notevolmente negli ultimi decenni, così come il loro bestiame”.
Problemi che ultimamente affliggono anche il vicino Kenya, dove nelle settimane scorse una manifestazione di pastori maasai ha bloccato la strada principale della zona di Kajiado e la risposta della polizia è stata molto dura, lasciando a terra senza vita 4 dimostranti e ferendone un’altra quindicina.

TAGS: maasaitanzaniangorongorocacciariserve

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Kenya considera la reintroduzione della caccia agli animali selvatici in alcune riserve del Paese.
Il Ministro del Turismo Najib Balala ha formato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La classifica è stata stilata dalle più importanti associazioni per la tutela dell'ambiente del mondo: la riserva keniota del Maasai Mara è stata ritenuta una delle quindici meraviglie del mondo da salvaguardare.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Brucia la più alta montagna d’Africa, il Kilimanjaro è in fiamme da 16 ore per cause...

LEGGI L'ARTICOLO

Il più importante rally internazionale di automobili vintage quest’anno si svolge in Kenya e Tanzania e prende...

LEGGI L'ARTICOLO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Anche quest’anno in Est Africa si avvicina il tempo della grande migrazione per decine di migliaia di gnu e pure per...

LEGGI L'ARTICOLO

Sempre più vip e billionari scelgono il Kenya per le loro vacanze.
Questa...

LEGGI L'ARTICOLO

Li chiamano “Tano Bora”, i fantastici cinque.
Non sono supereroi, se non perché campioni di resilienza di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Anche quest'anno il Maasai Mara è la migliore riserva di tutto il Continente africano, e Diani Beach la migliore spiaggia.
Questo è emerso dalle premiazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni anno lo spettacolo della grande migrazione degli animali dalla Tanzania al Kenya è un'attrazione per migliaia di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una coppia di dinamici, sereni, favolosi italiani “Over 60”.
Una Fiat 124...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Finalmente dalla Banca Africana dello Sviluppo (AfDB) è arrivato l'ok: I lavori per la costruzione dell'autostrada transnazionale tra il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il turismo in Kenya è in netta ripresa e manda segnali di ottimismo per il proseguo della stagione. Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Che il ritorno sui grandi schermi del Re della Savana, questa volta in carne ed...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è sempre l’Africa del mare e della savana nell’inizio e nella fine di una delle più celebrate love story italiane. Francesco...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo quattro giorni di vacanze supplementari al Whitesands di Mombasa e in altri hotel cittadini, la truppa di 200 italiani circa che hanno dovuto rimandare il rientro in Italia via Istanbul con Turkish Airlines, per via dell'emergenza neve nella capitale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO