Storie

INVENZIONI

Beth, la keniana che trasforma l'aria in acqua potabile

Una scoperta troppo semplice, sarà ignorata anche questa?

19-06-2024 di Freddie del Curatolo

Uno dei motivi per cui l’Africa è il continente che può salvare il mondo, è che quasi tutti i suoi abitanti hanno da sempre a che fare con la sopravvivenza e ciò che fanno e che creano va in questa direzione.
Spesso dal bisogno immediato, dall’esigenza primaria se non addirittura dalla questione di vita o di morte, scaturiscono le invenzioni migliori.
Da questi presupposti e dall’intelligenza intuitiva di una ragazza keniana, parte questa storia. Beth Koigi, studentessa universitaria (di quelle vere…) di Nairobi, a 21 ha intrapreso una ricerca, studiando come produrre un efficace ed economico filtro per l’acqua marrone e contaminata di casa sua. Dopo aver progettato il filtro ed essersi resa conto della sua efficacia, si è fatta finanziare la sua costruzione per distribuirne più di 5000 agli studenti del college.
Beth avrebbe potuto cullarsi sugli allori dell’invenzione: brevettare e vendere per anni il filtro alla portata delle tasche dei kenioti.
No. Ha deciso di guardare oltre, ponendosi una domanda: “Ma se finissimo l’acqua? Anche quella marrone? I filtri servirebbero a ben poco. Come farà la gente povera ad accedere ad un bene vitale?”.
La ricercatrice è partita da una considerazione semplice che nell’ambiente del Kenya è ancora più lampante: in natura tutto si trasforma, niente viene perduto.
Quindi dove va a finire l’acqua che evapora quando fa molto caldo?
Lo sappiamo tutti, finisce nell’aria. C’è più acqua lì che nei laghi e nei fiumi!


Così in cinque anni, partendo da materiali idrofili e disidratanti, silice, carbone attivo ed infine pannelli solari, Beth Koigi ha creato il primo sistema di acqua potabile che trasforma (o meglio, riconverte) l’aria in acqua da bere!
Lo ha chiamato “Majik”, giocando sulla parola “Maji” che in swahili significa proprio “acqua”, ma la sua non è assolutamente una magia. Per Beth, la K finale infatti sta per “Kuvana”, ovvero coltivare in swahili. Già, coltivare l’aria per raccogliere l’acqua. Ci voleva un africano, per arrivarci…
Ora Beth ha trovato due partner donne per implementare il progetto e renderlo accessibile a tutti, che è il suo vero sogno, lontano anni luce da chi da sempre finge di risolvere per sempre il problema della fame e della sete nel mondo.
La scienziata americana Anastasia Kashenko e l’economista inglese Clare Sewell.
Con loro ha perfezionato l’impianto ad osmosi inversa, il processo del carbone attivo per rendere potabile l’acqua e l’aggiunta di minerali essenziali per mantenerla e renderla piacevole.
Dopo aver vinto numerosi premi per le innovazioni, il sistema “Majik Water” è stato testato con successo presso il centro NASA in California con lo stesso livello di umidità del Kenya (53%).


L’obbiettivo di Beth e delle sue socie è avere in mano una soluzione concreta all’accesso di acqua potabile non solo in Africa: una “macchina da casa” potrebbe produrre 500 litri al giorno, mentre un’apparecchiatura complessa potrebbe arrivare a 200 mila litri d’acqua prodotti al giorno, ovvero un intero villaggio o caseggiato potrebbe gestire il proprio fabbisogno. Questo vale anche per alcune città africane ed asiatiche che iniziano, in certe stagioni dell’anno, a fare i conti con il razionamento. Personalmente, lo abbiamo sperimentato a Città del Capo, in Sudafrica.
Secondo i dati dell’UNICEF, nel 2024, due miliardi di persone nel mondo non hanno ancora accesso all’acqua potabile. In Kenya quasi il 40% della popolazione. L’invenzione di Beth è stata citata anche nel documentario “Brave Blue World” con Matt Damon, approdato su Netflix.
Ora vediamo come reagiranno i gestori del potere internazionali, per i quali anche l’ambiente, come la povertà e le guerre, sono più che altro occasioni, ed affari.

TAGS: acquascopertainvenzionepotabile

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il primo impianto solare che rende potabile l'acqua dell'Oceano Indiano è stato installato a...

LEGGI L'ARTICOLO

Un progetto da parecchi milioni di euro, è quello presentato da due aziende, una svizzera ed una spagnola, per risolvere il problema endemico della mancanza d'acqua a Mombasa e sulla costa del Kenya.
Si tratta di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La siccità sta flagellando il nord del Kenya in netto anticipo rispetto alla stagione arida e...

LEGGI L'ARTICOLO

Trecento partecipanti e quasi quattromila euro raccolti per portare l’acqua in una...

LEGGI L'ARTICOLO

L’obiettivo del meeting chiamato dal direttore della Camera di Commercio Majid Swaleh in collaborazione con la

LEGGI L'ARTICOLO

Una delle tante piaghe del Kenya è quella delle continue interruzioni dell’energia elettrica (black-out). 
Le altre, tra le molte, sono la mancanza d’acqua potabile nelle case, che porta i politici, in cerca di voti, a promettere: “Se mi eleggete prometto...

LEGGI TUTTO

Nel tranquillo villaggio di Kakoneni, nel mezzo della grande vallata del Galana, la...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella settimana mondiale dell’ambiente, che viene celebrata anche dalle giornate internazionali di incontri...

LEGGI L'ARTICOLO

Il metodo è quello artigianale per produrre delle normalissime candele: un fornello a gas, classiche...

LEGGI L'ARTICOLO

Un team internazionale di ricercatori della Stony Brook University insieme all'Istituto Max Planck per la Conoscenza della storia umana hanno fatto una straordinaria scoperta a Lothangam North, nei pressi delle sponde Sud-occidentali del grande Lago Turkana, in Kenya.
Gli archeologi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I tre parchi nazionali del Lago Turkana sono stati dichiarati dall'UNESCO "Patrimonio mondiale in pericolo".
Lo ha deciso ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mentre il servizio meteorologico del Kenya ha annunciato da ieri i cinque giorni più torridi dell’anno nel Paese, la siccità prosegue il suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Quando si parla del Kenya come culla dell’umanità non ci si discosta di molto dalla realtà: se è...

LEGGI L'ARTICOLO

Chiusura con il botto, giovedì sera, per la radio dal vivo di Freddie al Baby Marrow.
"Good Night Malindi" ha chiuso le trasmissioni dopo cinque puntate da "tutto esaurito" e sempre con nuovi testi, canzoni e trovate.
Anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La scoperta è stata fatta due anni fa sulle rive del Lago Vittoria in Kenya e da allora gli studiosi dell'Università di Archeologia dell'Ohio hanno portato avanti una ricerca che ha permesso di accertare senza alcun dubbio che il primo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO