Ambiente

AMBIENTE

Primo buon proposito del 2019 per chi frequenta il Kenya

Come spendere bene 3 minuti al giorno del vostro tempo sulla costa

02-01-2019 di Freddie del Curatolo

Tutto quello che noi di malindikenya.net possiamo fare è cercare di darvi il buon esempio.
Per chi frequenta questo luogo da anni o anche per chi si è approcciato recentemente per una vacanza, ecco un proposito da adottare come punto fisso dall'inizio del 2019 in poi.
Sinceramente non è un grande sforzo, bastano 3 minuti del vostro tempo keniano, vacanziero o di business se ci lavorate o avete investito: con la minima spesa di 5 scellini kenioti (meno di 5 centesimi di euro).
Si tratta di portare con voi, ogni volta, ma dico OGNI VOLTA che andate in spiaggia, una di quelle borse colorate di poliestere non inquinante che vendono ovunque da quando sono stati banditi in tutto il Paese i sacchetti di plastica. Durante la classica passeggiata lungo il bagnasciuga (che fa sempre bene al fisico e che davvero fanno quasi tutti) o anche semplicemente alzandovi dal lettino prendisole e girando nell'arco di venti metri, troverete sicuramente, ovunque andrete, bottiglie di plastica, ciabatte ed altri rifiuti.
Raccoglieteli fino a riempire la borsa che poi potrete lasciare o nella struttura che vi accoglie, o al massimo a casa dove sicuramente passerà l'azienda della Contea a raccogliere la spazzatura. L'ideale, avendo voglia e tempo, sarebbe recarvi nei punti di raccolta per il riciclo, in attesa del centro di Malindi, ce n'è uno a Watamu,  nel quartiere Dabaso.
Noi lo facciamo ogni volta che ci rechiamo in spiaggia e vi posso assicurare che bastano davvero tre minuti per riempirla di schifezze.
Nel primo giorno dell'anno, sullo spiaggione di Malindi, abbiamo raccolto una decina di bottigliette d'acqua, una tanichetta, un contenitore per olio del motore, due ciabattine, un sandalo, tre confezioni di yogurt ed altre bottigliette varie.
Questo non ci ha affatto reso la camminata meno piacevole, né ha creato qualsivoglia problema.
Il nostro è un piccolo gesto che se venisse replicato da molti (immaginiamo ad esempio i nostri lettori keniani che, essendo quasi la metà dei 4500 che ci leggono ogni giorno, sono un buon numero, anche se non tutti basati sulla costa), compresi gli albergatori e i ristoratori che hanno le loro attività sul mare (alcuni già lo fanno, ma spesso senza continuità) potrebbe davvero distinguerci come destinazione, oltre a dare l'esempio alla popolazione locale e un piccolo contributo alla salvaguardia locale.
Sicuramente molto più utile e meno disfattista che stare a lamentarsi sui social network, magari utilizzando la solita vecchia scusa che "dovrebbero farlo loro" perché "se non ci tengono i keniani che sono a casa loro".
E chissenefrega, vi dico io, iniziamo a farlo noi perché ci crediamo e come tutte le cose che si iniziano a fare perché si deve, poi vanno in automatico.
Davvero, ve lo assicuro, non vi porta via tanto tempo ed è molto più di un gesto simbolico.
Aspetto le vostre foto da raccoglitori! 
Potete inviarle a info@malindikenya.net o sulla pagina FB www.malindikenya.net

TAGS: ambiente kenyaspiaggia kenyaplastica kenyariciclo kenya

Riciclo della plastica, incontro pubblico al Museo di Malindi.
Mercoledì 24 Agosto alle 16, Sam Ngumba Ngaruiya, titolare e fondatore della società “Regeneration Environmental Services” terrà un incontro pubblico presso il Centro culturale del museo di Malindi “Plastica e più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya fa sul serio.
Dopo aver annunciato il bando totale dei sacchetti di plastica per il prossimo 28 agosto, ora ha pubblicato le multe e le pene per chi non rispetterà la legge.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una barca interamente costruita con plastica riciclata, particolarmente con i flip flop, ovvero la gomma delle infradito che a migliaia invadono le coste, anche dell'Oceano Indiano e del Kenya.
Questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da settembre 2017 niente più sacchetti di plastica in Kenya.
Una splendida notizia per la tutela dell'ambiente.
Il Paese africano in continua crescita, deve fare i conti con l'inquinamento non solo dell'aria a Nairobi e Mombasa, ma anche con quello...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultimo World Cleaning Day in Kenya ha rivelato numeri crescenti e preoccupanti di plastica sulle spiagge della costa.
Gli operatori...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la nostra "prima buona intenzione del 2019" lanciata online, con la raccolta quotidiana della plastica sulle spiagge di Malindi (LEGGI QUI L'INIZIATIVA) sono tanti i ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Proseguono con successo i fine settimana all'insegna della creatività locale, del talento e della commistione tra arte e buona cucina al Baby Marrow di Malindi, in Vasco Da Gama Road.
L'appuntamento di questo sabato era con l'artigiano Francis Chibule di...

LEGGI TUTTO

Kenya, dopo aver vietato la fabbricazione, l'importazione e l'utilizzo di sacchetti di polietilene dallo scorso 28 agosto, il Governo sta pensando anche di vietare le bottiglie di plastica.
L'annuncio è stato dato da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il supermercato Nakumatt di Malindi, all'interno del centro commerciale Oasis Mall in Lamu Road, è da ieri il punto di raccolta istituito dalla NEMA per i sacchetti di plastica ed ogni altra borsa o prodotto leggero di polietilene.
Chiunque abbia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una casa di 70 metri quadri costruita con 10 mila bottiglie e un po' di cemento a Malindi. Il progetto, mutuato da idee simili realizzate in Nigeria e Bolivia, è opera dell'italiano Oliviero Franceschi La Bottle House di Malindi sorge...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Prendere due piccioni con una fava. Ci sarà senz'altro anche un modo di dire simile in kiswahili per dire che a volte non solo si riescono a risolvere i problemi, ma magari se ne risolvono due nello stesso tempo, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra una settimana, lunedì 28 agosto, il Kenya dovrebbe annunciare l'entrata in vigore del bando ai sacchetti di plastica.
La svolta ambientalista del Paese è stata decisa sei mesi fa, il 28 febbraio 2017, e dovrebbe essere operativa appunto dal prossimo lunedì. LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal riciclo della plastica abbiamo visto scaturire oggetti utili, simpatici, inediti.
Ma che ripulendo la riserva del Maasai Mara dall’incuria del genere umano si potessero ricavare gioielli di rara bellezza e allo stesso tempo aiutare ragazze con grossi problemi sociali,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A due settimane dall'entrata in vigore in Kenya del bando ai sacchetti di plastica ed al polietilene, come già annunciato dalla NEMA, sono iniziati i controlli nelle case private. Anche a Malindi da ieri sono state segnalate "visite" di agenti dell'organizzazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO