Editoriali

EDITORIALE

Malindi e Watamu, sempre più diverse ma complementari

Alta stagione alle porte, si riparte tra speranze e richieste

31-10-2022 di Freddie del Curatolo

Una nuova alta stagione turistica è alle porte in Kenya e migliaia di turisti stranieri si apprestano a sbarcare nel paese africano, specialmente per assaporare climi caldi e godere di spiagge e oceano indiano. Ma anche approfittare di una destinazione come nessun altra al mondo in grado di offrire nel giro di poche ore l’attrazione di un paradiso di relax tra palme e barriera corallina e la sconfinata savana popolata dagli animali selvaggi, con il Re Leone in testa, ma anche elefanti, giraffe, rinoceronti e via dicendo.
Secondo l’ormai ex Ministro del Turismo keniano Najib Balala, che dopo 12 anni è stato “pensionato” dal nuovo governo, entro la fine dell’anno torneremo a quota 1 milione di turisti, come era avvenuto negli ultimi anni pre-pandemia quando c’era stata una decisa ripresa dopo le scorie delle elezioni del 2017 e la sua coda di proteste e violenze che, per quanto si siano sviluppate solo in certi quartieri della capitale Nairobi e di Kisumu, sul lago Vittoria, città ben lontane dalle zone frequentate dai turisti, aveva creato difficoltà. Quest’anno, nonostante le “gufate” di certa stampa e le preoccupazioni (anche motivate) degli addetti ai lavori, le elezioni sono passate tranquillamente così come il Covid-19 non spaventa più di tante altre malattie. Viaggiare è più agevole anche se i prezzi dei voli sono meno abbordabili di un tempo.
Ma chi ama l’Africa e sogna una vacanza speciale, non fa attenzione a 100 o 200 euro in più. Perché se non può permettersela, non pensa neanche al Kenya.
Ecco allora che per i nostri connazionali tornano fatalmente di attualità le due destinazioni di mare (e a un’ora dalla savana) più conosciute e frequentate negli anni: Malindi e Watamu.
O forse dovremmo invertire l’ordine, volendo partire dalla più ambita e presente nei cataloghi delle agenzie viaggi o nelle pubblicità online. E dire che un tempo Malindi era regina e Watamu conosciuta da un turismo di nicchia o di tour operator che si affacciavano per la prima volta in Africa. A quel tempo, e si parla degli anni Ottanta e primi Novanta, Watamu era un satellite di Malindi, che attraeva dagli 80 mila ai 100 mila turisti all’anno. Bei tempi, non solo per il Kenya ma per il turismo internazionale in generale.
Oggi le due mete sono quantomai diverse, ma insieme possono diventare complementari ed aiutarsi a vicenda: Watamu è la “perla dell’oceano indiano” e sta crescendo in qualità e clientela da ogni parte del mondo, grazie alle sue favolose baie e spiagge e ad una serie di “facilities” pensate anche per le nuove generazioni: locali, ristoranti, ritrovi, sport acquatici, alloggi immersi nell’ecosistema e tanto altro.
Malindi ha i servizi, il commercio, più locali notturni e beach party ed una comunità italiana insediata da anni che significa anche rinomati ristoranti e cucina del nostro paese e possibilità di conoscere la realtà della costa keniana attraverso chi ci vive da tanti anni. Malindi però rischia di perdere il tram con i nostri tempi, anche se mantiene il fascino decadente della sua storia millenaria e anche dei fasti non troppo antichi del turismo d’elite di cui si è tanto parlato e non solo da quando è arrivato Briatore.
Se queste due destinazioni, mai tanto diverse come ai giorni nostri si unissero nella promozione e la loro imprenditoria turistica iniziasse da subito a farsi sentire con la nuova ministra del Turismo nominata dal presidente Ruto per l’apertura dei voli internazionali all’aeroporto di Malindi, potremmo avviarci verso una o più stagioni positive, facendo tesoro di quel che è stato per questi luoghi speciali e immaginando con ottimismo quel che sarà.

TAGS: turismowatamudestinazionialta stagione

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dati confortanti per il turismo in Kenya, quelli relativi al 2018 trasmessi dal Ministero del Turismo nazionale.
Nell'anno appena trascorso l'afflusso dei viaggiatori stranieri ha fatto segnalare un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il settore turistico della Contea di Kilifi si chiama a rapporto per preparare al meglio l’alta stagione e fare gruppo.
E’ il...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è un deciso ottimismo tra gli operatori del settore alberghiero della costa keniana in vista della...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya si prepara ad essere una delle mete più ambite tra le destinazioni a lungo raggio per la prossima stagione invernale, che all'Equatore coincide con l'estate.
La ritrovata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il probabile prolungamento dello stato di emergenza in Italia con la quasi certezza che dopo il 15...

LEGGI L'ARTICOLO

Entra nel vivo la stagione del Paparemo Beach di Watamu.
Lo splendido locale sull'Oceano Indiano nella baia delle sette isole (detta anche baia dell'amore) abbina alle giornate di mare con i lettini sulla spiaggia, l'elegante ristorante e il chiringuito bar,...

LEGGI TUTTO

La stagione turistica del Kenya ha subito da questo mese suo malgrado un brusco stop e ora il Kenya inizia a...

LEGGI L'ARTICOLO

Feste di Natale 2019 da tutto esaurito sulla costa keniana, il comparto turistico sorride almeno per quanto riguarda ...

LEGGI L'ARTICOLO

La notizia della trattativa tra il Ministero del Turismo italiano e il Governo per ottenere...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo la scorpacciata di turisti tra Natale e Capodanno e gli ultimi botti fino al prossimo weekend, le prenotazioni ...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli italiani non sono più presenti come negli anni passati e soprattutto hanno ridotto la loro...

LEGGI L'ARTICOLO

Tanti problemi e tanti ostacoli per Watamu, a cavallo tra il 2021 e il 2022, ma la destinazione turistica...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Il Governo keniano è salito a 4 miliardi e 200 milioni di scellini di finanziamenti per le strade della costa del Kenya.
Annunciando i...

LEGGI L'ARTICOLO

"Presto prenderemo importanti misure per non permettere più che i beach boys...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pasqua alta ma positiva per l'afflusso turistico sulla costa, grazie soprattutto ai viaggiatori keniani che...

LEGGI L'ARTICOLO

Il problema dei beach-boys che tampinano i turisti sulle spiagge del Kenya potrebbe finalmente essere risolto in vista della prossima stagione.
E' uno dei punti toccati dal Ministro del Turismo Najib Balala a margine ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO