Editoriali

EDITORIALE

Strade e impiego, l'idea di Kenyatta per ripartire

Nel programma post pandemia un punto interessante

25-05-2020 di Freddie del Curatolo

Nel programma economico di Governo per affrontare il dopo pandemia, che significa “chissà quando ma speriamo presto”, il Presidente Uhuru Kenyatta ha messo al primo posto una sinergia tra servizi sociali ed infrastrutture che, se veramente applicata, potrebbe essere l’inizio di una nuova era per il Kenya. Negli ultimi anni il Paese ha fatto passi da gigante e chi ricorda bene da dove arriva gran parte della classe dirigente di oggi e come si è formato l’estabilishment che regge le sorti della Nazione, non può negarlo.
L’ancestrale battaglia contro il tribalismo, “un ostacolo al futuro del Kenya” come lo definisce il grande poeta mijikenda Kazungu Wa Hawerisa e quella più dura e difficile da vincere contro la corruzione, adesso attendono un welfare intelligente che punti sulla crescita sostenibile del Paese, partendo dalle classi disagiate, fornendo loro strumenti, non assistenza (che pure ha sempre latitato) o sogni estemporanei (specie in periodo pre-elettorale).
Ecco la disposizione di Kenyatta: dare lavoro a mezzo milione di giovani disoccupati, impiegandoli nella riparazione delle strade del Paese dopo la stagione delle piogge.
E non crediate sia normale manutenzione ordinaria: in tutto il Paese a luglio si deve fare i conti con ponti crollati, voragini nelle strade asfaltate, frane in quelle in murram. Con tombini saltati, buche profonde, marciapiedi divelti, muri di contenimento sbriciolati.
Per tantissimi giovani keniani non avere un lavoro retribuito è uno dei mali endemici della loro Nazione, ma per molti di loro diventa anche un alibi per inventarsi la vita alla giornata e rifiutarsi di crescere, ignorando chi come loro è partito dalla povertà assoluta ma con forza di volontà e con l’innato talento per imparare i mestieri che questo popolo possiede, hanno svoltato la loro esistenza. Perché in Kenya ancora oggi, laddove il mondo occidentale non te ne da quasi più la speranza, si può ancora crescere. Allora ben venga questa decisione del Governo, nella speranza che non sia solo un proclama per tenere buoni i cittadini e le lobby che iniziano a scalpitare e a chiedere la riapertura del sistema Kenya.
Nelle località turistiche ad esempio, per parlare di quello che interessa gran parte degli italiani che hanno a che fare con questo Paese, ci sarebbe bisogno come il pane di un restyling delle strade, sia quelle di immediata competenza dello Stato, ovvero la Mombasa e la Lamu Road, sia di quelle che sono vincolate da autorità regionali (Kenya Urban Rural Authority) come Casuarina Road, che quelle la cui manutenzione spetta alla Contea di Kilifi.
Tutto questo in attesa che riaprano confini di Contea, che finisca di piovere, che i soldi della Banca Mondiale per il lungomare siano ancora lì e che si torni a pensare che dopo il Covid-19 bisognerà sudare un po’ di più per convincere i turisti a fare ritorno da queste parti, quindi bisogna mettersi d’impegno. E il modello Kenyatta non deve diventare un palliativo dell’emergenza, ma potrebbe essere la regola di un futuro in cui le amministrazioni riescono a prendere due cornacchie con un pezzetto di ugali, come si direbbe qui.

TAGS: strade kenyadisoccupazione kenyainfrastrutture kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

E' stato inaugurato nei giorni scorsi il cantiere "italiano" di Konza City, la cittadella tecnologica keniana vicino a Nairobi, che nella "vision 2030" dell'attuale Governo dovrebbe diventare la nuova "Silicon Savannah" dell'Est Africa.
Konza City sarà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La "Silicon Valley" keniana Konza City sarà costruita da un'azienda italiana.
L'Impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro di Vicenza ha vinto l'appalto da 40 miliardi di scellini (quasi 350 milioni di euro) per edificare la città tecnologica pensata dall'ex Presidente Kibaki e voluta dall'attuale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Visita nelle Contee di Mombasa e Kilifi da parte del Presidente Uhuru Kenyatta per annunciare nuove...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya si lancia sul digitale per risolvere il problema della disoccupazione giovanile...

LEGGI L'ARTICOLO

Non solo strade: a Malindi ieri è stato inaugurato anche l'edificio che ospita il nuovo "mercato vecchio" nel ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Nonostante la crisi politica e l'attesa delle elezioni.bis, il Governo non si ferma e prosegue i suoi progetti di riqualificazione delle strade della costa.
Il Viceministro dei Trasporti e delle Infrastrutture John Mosonik ha presenziato lunedì scorso ai

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli imprenditori del settore turistico della Contea di Kilifi hanno richiesto ed ottenuto, grazie alla disponibilità del Ministro del Turismo della Contea, Nahida...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una legge che privilegia l'occupazione locale e gli indigeni della costa.
E' quella passata nel parlamento della Contea di Kilifi nei giorni scorsi.
Una regolamentazione che dal prossimo anno obbligherà le aziende della Contea...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo keniano è salito a 4 miliardi e 200 milioni di scellini di finanziamenti per le strade della costa del Kenya.
Annunciando i...

LEGGI L'ARTICOLO

Prendere due piccioni con una fava. Ci sarà senz'altro anche un modo di dire simile in kiswahili per dire che a volte non solo si riescono a risolvere i problemi, ma magari se ne risolvono due nello stesso tempo, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sei mesi di campagna elettorale e tre di post elezioni hanno rallentato i piani del Kenya per quanto riguarda la crescita economica, ma non sembrano essere in grado (per fortuna) di fermare lo sviluppo del Paese in termini di infrastrutture...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un’iniezione di fiducia e predisposizione da parte delle istitituzioni del Governo keniano nei ...

LEGGI L'ARTICOLO

dddUn importante incontro a Nairobi tra il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala e i due governatori delle Contee di Kilifi e Mombasa, Amason Kingi e Hassan Joho. I due politici della costa sono stati convocati per un meeting a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Saranno gli americani a costruire interamente l’autostrada Mombasa-Nakuru, che a Nairobi si trasformerà in una...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche la Francia ha deciso di finanziare infrastrutture in Kenya.
Durante la...

LEGGI L'ARTICOLO

Da un'approfondita e quotidiana lettura della situazione politica attuale in Kenya, emerge sicuramente un quadro confuso e di difficile interpretazione di quel che potrebbe accadere il 26 ottobre, giorno delle nuove elezioni presidenziali. Ma anche immediatamente prima e subito dopo.