Ultime notizie

NEWS

La Corte di Malindi blocca i lavori della strada per Mtangani

Progetto cambiato senza avvertire, Giudice accoglie richiesta della società civile

26-09-2020 di redazione

I lavori di asfaltatura della strada di Malindi che da Lamu Road, all’altezza della banca Absa (ex Barclays) porta alle prigioni di Mtangani sono stati provvisoriamente bloccati dall’Alta Corte di Malindi.
Il Giudice Reuben Nyakundi ha accolto le motivazioni della società civile malindina, composta da Progress Welfare Association of Malindi, Camera di Commercio, Associazione albergatori KAHC e dal Malindi Resident Development Group, che ha denunciato il fatto che i termini e le modalità del progetto da 67 milioni di scellini, finanziato dalla Banca Mondiale non siano stati rispettati.
Il progetto inizialmente approvato, infatti, prevedeva di pavimentare la strada con i “cabro” come il resto delle strade interne attigue di Malindi. Successivamente sarebbe stato modificato nell’asfaltatura a bitume. La modifica, secondo quanto appuntato dai firmatari della petizione, è stata apportata dalla Contea di Kilifi attraverso il Ministero dei Terreni e il Comune di Malindi e trasmessa alla ditta appaltatrice dei lavori, senza consultare né i membri del board del Municipio, né tantomeno convocando una riunione pubblica, al limite anche telematica, con i residenti di Malindi o i loro rappresentanti.
I cittadini responsabili per tanto hanno deciso di farsi rappresentare dagli avvocati Tukero Ole Kina e Conrad Otiang e di far sentire le proprie ragioni davanti al Giudice, che ha ritenuto di certificare come “urgente” la richiesta. Gli avvocati hanno chiesto un'ordinanza per la sospensione del progetto fino a quando la questione non sarà ascoltata e determinata.
Il progetto fa parte di quelli finanziati dalla Banca Mondiale per l'ammodernamento della città nell'ambito del Programma di sostegno urbano del Kenya, ma in questo caso a differenza delle strade del lungomare e Casuarina e del rinnovamento del fronte mare dal porto a Vasco Da Gama, la cittadinanza è stata tenuta all’oscuro.
Secondo gli avvocati, nel caso della strada di Mtangani non si è agito in conformità della legge.
Al Giudice di Malindi ora spetterà il compito di capire il perché di questo passaggio da una tipologia di strada all’altra, così come di confermare se ci sono state o meno irregolarità nella gara d’appalto. La sua sentenza potrebbe costituire un precedente per far sì che la Municipalità di Malindi, ricostituita da meno di un anno proprio per poter usufruire dei fondi della Banca Mondiale, sia sempre messa al corrente dei lavori per migliorare la cittadina, fermo restando che la Contea possa avere un ruolo di supervisore.
Dal canto loro le associazioni hanno confermato di volere una strada duratura e condivisa da tutti e chiedono che ogni processo possa essere visionato e attenzionato dal pubblico come la legge prevede.

TAGS: strade malindiprogetti malindibanca mondiale malindipwam

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

In un fruttuoso e collaborativo incontro tenutosi ieri in Comune a Malindi, tornata ad essere una municipalità autonoma, è ...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno dei motivi per cui la nuova pubblica amministrazione della Contea di Kilifi non ha ancora iniziato un vero e proprio piano urbano di ristrutturazione di Malindi, è scritto nei nuovi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nonostante la crisi politica e l'attesa delle elezioni.bis, il Governo non si ferma e prosegue i suoi progetti di riqualificazione delle strade della costa.
Il Viceministro dei Trasporti e delle Infrastrutture John Mosonik ha presenziato lunedì scorso ai

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Visita nelle Contee di Mombasa e Kilifi da parte del Presidente Uhuru Kenyatta per annunciare nuove...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi promuove il turismo “green” e lo fa in concomitanza con la sua attività di pulizia mensile che in...

LEGGI L'ARTICOLO

Prepariamoci a un bel po' di "C'era una volta a Malindi".
Questa mattina le ruspe della Kenya National Highway Authority, come da tempo avevano programmato, sono arrivate nella zona malindina di Kibokoni e Kwandomo per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi, come annunciato da malindikenya.net la scorsa settimana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi tornerà a Malindi e Watamu a novembre o per Natale sicuramente troverà molte ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Lavori in corso a Malindi.
Sono quelli già annunciati nei giorni scorsi sul nostro portale, e...

GUARDA LA FOTO GALLERY

I cittadini responsabili di Malindi tornano ad occuparsi del loro territorio.
Gli esercizi...

LEGGI L'ARTICOLO

Finalmente dalla Banca Africana dello Sviluppo (AfDB) è arrivato l'ok: I lavori per la costruzione dell'autostrada transnazionale tra il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una categoria alla volta, per sensibilizzare e fornire gli strumenti utili alla prevenzione. Questi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo keniano è salito a 4 miliardi e 200 milioni di scellini di finanziamenti per le strade della costa del Kenya.
Annunciando i...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi cerca di rifarsi il trucco per accogliere il turismo locale e prepararsi a quando il periodo...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Mary's School, costituita a Piove di Sacco (PD) il 25 settembre 2008, è un'associazione Onlus nata dalla volontà di un gruppo di amici che hanno deciso di vivere la loro esperienza africana da un altro punto di vista, al fine...

LEGGI TUTTO

Niente parco eolico a Ngomeni, la zona a nord di Malindi ben nota agli italiani per la base San Marco.
La mega centrale da 600 megawatt che attraverso il vento avrebbe dato energia rinnovabile a tutta la costa, non sarà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO