Editoriali

EDITORIALE

Ebbene sì, stanno tornando in Kenya

Perché ora si ha meno paura di venire qui

21-01-2021 di Freddie del Curatolo

Stanno tornando in Kenya.
C'è sicuramente un motivo, anzi forse ce n'è più di uno.
Intanto sono tutti confortati dai dati che dopo dieci mesi costituiscono ormai una certezza di come sia andata in Kenya, almeno nel primo anno di epidemia globale. 
Confrontiamoli, questi dati ufficiali che parlano di 2000 morti di Covid-19 e vediamo che i paragoni con il resto del Mondo sono improponibili, ma anche quelli con altri Paesi del Continente Nero, ad esempio il Sudafrica, parlando di un ventesimo dei decessi causati dal virus.
Chi vive in Kenya da sempre o da tanti anni come me, non ha avuto un solo conoscente perito per la malattia e anche tra la povera gente che si frequenta per via di opere sociali o del mestiere che ci porta a vagare tra ospedali, centri di assistenza, scuole ed altri luoghi pubblici, nell’entroterra e via dicendo, non abbiamo notizia di gente ammalata gravemente essendo positiva.
A Malindi ci siamo preoccupati durante i primi mesi della pandemia, che guardacaso coincidevano con la stagione delle piogge e il fresco luglio: due anziani diabetici di origine araba deceduti e due medici storici indiani (uno anziano, uno over 60) positivi ma non gravi. Poi un beach boy conosciuto che ancora non si sa bene cosa abbia avuto, un poliziotto panciuto e un professore di scuole superiori a Kilifi.
Gli italiani residenti si sono un po' contagiati durante una festa qualche mese fa, ma la carica virale di tutti era così bassa che nessuno ha avuto problemi.
Il virus c'è, ma se si vede, si vede qualcosa di non pericoloso.
Questo, attenzione, non significa che non si debba abbassare la guardia perché è già stato confermato che il virus è mutevole e infingardo, ma la semplice constatazione che qui è arrivato in forma leggera e che anche gli anziani (perchè, nonostante la vita media come si propaganda sia molto più bassa, di anziani ce ne sono molti...la vita media è più bassa perché muoiono purtroppo tanti bambini, e fanno statistica) stanno bene. Nei villaggi non se ne piangono più del solito, eppure fuori dalle città nessuno si sogna di portare la mascherina e l’acqua per lavarsi le mani...è già tanto se c’è per lavarsi. Punto.
Queste cose iniziano a vedersi e i turisti iniziano a tornare.
Ormai sapete come fanno: se hanno casa di proprietà o in affitto possono, e anche se non soggiornano in hotel, possono eleggere il Kenya a domicilio temporaneo. Ma queste sono cose che capitano solo agli italiani...tutti gli altri sarebbero "sconsigliati" ma partono ugualmente. Dov'è la differenza?
E non pensiate che siano persone frivole, negazionisti di giornata, festaioli impenitenti.
Soprattutto, cosa vi fa lanciare loro anatemi del genere "untore che va a uccidere la povera gente in Africa"?
In questi giorni abbiamo visto invece persone che, proprio perché si sentono responsabili ed in grado di gestire autonomamente la loro sicurezza, ne hanno semplicemente le scatole piene di restrizioni che loro ritengono esagerate, o di connazionali che sono al limite dell'esaurimento nervoso.
Così tornano i viaggiatori zaino in spalla, tornano gli appassionati di safari, tornano i proprietari delle ville di Malindi, Watamu e Mambrui. Tornano gli uomini d’affari a Nairobi e Mombasa.
Tornano gli innamorati, più ingenui che turisti sessuali, torna chi sogna una vita diversa.
Iniziano a pensare di venire in Kenya quelli che non tornerebbero, ma ci verrebbero per la prima volta.
E non è solo il Covid-19 leggero, ma la pesantezza del Vecchio Continente a convincerli.
Noi siamo da mesi seduti sulla “rive gauche” del fiume Sabaki e aspettiamo tutti: i santoni del “te l’avevo detto” e quelli del “sarà un’ecatombe”.
E quando saranno in tanti qui, potremo continuare a raccomandarci con loro: non è finita, ma qui si può ricominciare a sperare.

TAGS: turisti kenyaviaggi kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dopo gli accordi firmati la scorsa primavera in relazione al volo Roma-Nairobi con coincidenze dirette per...

LEGGI L'ARTICOLO

Nuovi stickers adesivi per i veicoli che trasportano turisti, per differenziarli dai classici "PSV" che riguardano tutti i servizi pubblici.
L'introduzione della nuova categoria "Tourism Service Vehicle" è stata introdotta ieri dal Ministro del Turismo Najib Balala come iniziativa per...

Il Kenya è stato votato tra le venti mete del mondo dove i turisti vorrebbero recarsi quando...

LEGGI L'ARTICOLO

Una serata che ha fatto innamorare del Kenya decine di persone. 
Sabato sera a Riccione, nella cornice esclusiva del Bagno 71 e del suo "chiringuito", è andata in scena la "Serata Kenya " organizzata dal nostro portale, patrocinata dal Ministero...

LEGGI TUTTO

Ancora troppe incertezze sul futuro dei viaggi organizzati per il Kenya dall’Italia...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna la voglia di Kenya e per le vacanze di fine anno sarà boom anche per il turismo italiano, così come per quello proveniente da altre nazioni europee. Uno dei termometri delle calde feste che ci attendono è il fatto...

LEGGI TUTTO

Il TT code (codice di sicurezza dei viaggiatori) è un sistema implementato dall’Unione ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il 2015 e il 2016 saranno gli anni decisivi per il turismo in Kenya. 
Di questo sono convinti un po' tutti i tour operator europei che hanno a che fare con il Paese africano e che hanno investito nella gestione...

LEGGI TUTTO

Dopo due anni di crisi del settore turistico, dovuta soprattutto alle paure e alle campagne mediatiche conseguenti all'attentato terroristico all'Università di Garissa dell'aprile 2015, il Kenya torna ad essere considerata una delle mete top per il turismo mondiale.
 

LEGGI TUTTO

Maasai Mara “fully booked” in questi giorni per la grande migrazione degli gnu.
Sembra di ...

LEGGI L'ARTICOLO

A dieci giorni dalla decisione della compagnia di bandiera Kenya Airways, che aveva annunciato la ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio improvviso propagatosi velocemente a causa del fortissimo vento di oggi, ha ridotto in cenere il resort malindino "Dorado Cottages", a Casuarina.
L'incendio sembrerebbe partito da

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Ho girato un bel po’ di mondo, ma le pillole di vita e felicità che l’Africa riesce a regalare a chi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Non c’è niente di sicuro sotto il cielo del Kenya, e non potrebbe essere altrimenti in un...

LEGGI L'ARTICOLO

C'è uno spiraglio di luce per vedere il ritorno dei turisti italiani in Kenya, la prossima...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Centro Americano per il Controllo e la prevenzione delle malattie CDC ha segnalato anche ...

LEGGI L'ARTICOLO