Editoriali

EDITORIALE

Il nuovo Kenya che non vuole gli stranieri 'poveri'

Effettivi gli aumenti di permessi e tasse varie

08-04-2024 di Freddie del Curatolo

Prima l’ingresso nel G20, con i paesi più industrializzati dell’Africa, poi il riconoscimento dell’Unione Europea attraverso la firma di un accordo che, seppur spalmato in più anni, abbatterà molte barriere commerciali, infine patti chiari con la Cina.
Il nuovo corso del Kenya e del governo del presidente William Ruto sta proponendo un nuovo approccio verso i paesi stranieri e, benché il debito pubblico sia sempre molto alto e i prestiti richiesti un po’ a tutte le istituzioni pubbliche e private del globo prima o poi torneranno come boomerang, per adesso qualcuno pensa di poter “alzare la cresta”.

E’ un po’ come quando la banca ti concede un mutuo e ti alza il plafond della carta di credito. E’ chiaro che i soldi devono servire a qualche investimento e che dovrai lavorare duro per restituirli, ma nel frattempo vuoi elevare il tuo status sociale e farti un po’ bello con amici e parenti.

Così il Kenya ora è convinto di poter alzare il livello degli stranieri che vogliono investire o vivere nel paese e lo fa “spaventandoli” subito con aumenti di servizi e costi vivi, che vanno ad aggiungersi all’inflazione e al rincaro di terreni, immobili ed attività.
E’ ufficiale, ad esempio, l’aumento dei permessi di lavoro e di soggiorno, per diventare residenti.
Per un permesso da imprenditore, si è passati da 200 mila scellini per due anni, a 500 mila. Per quello da dipendente, da 400 a 1 milione, per quello da chi vive di rendita, come i pensionati ad esempio, da 300 mila per tre anni, a 500 mila. Aumenti che vanno a sommarsi con quelli di molte tasse, sia nazionali che a livello di contea.
Per molti significa demoralizzare soprattutto chi ha già investito e vive da tanti anni nel paese, chi ha scommesso sulla sua crescita tanti anni fa e adesso, invece di essere premiato dalla scelta lungimirante, viene quasi messo da parte.
A costoro, però, lo stato (dice che) offre un’alternativa, quella di diventare keniani prendendo la cittadinanza.
Il costo non supera i 500 mila scellini, ma chissà come mai non bastano.
Sono scelte da fare, che sicuramente non privilegiano chi in Kenya ha attività stagionali, nel campo del turismo, chi ha affari anche in Italia o chi ha piccole attività che già fanno fatica a barcamenarsi nel crescente e competitivo mercato keniota.

Anche chi ha intenzione di trasferirsi e aprire un’attività non è incentivato da questi aumenti, che peraltro sembrano essere la punta di un iceberg che potrebbe rivelare una filosofia nuova che ben si adegua a quella del Piano Mattei per l’Africa varato dal governo italiano, ovvero: “No ad un nuovo colonialismo e alla logica predatoria dell’occidente, sì a multinazionali, grandi affari e cooperazione che faccia crescere le imprese locali”.
E’ sacrosanto che il Kenya voglia far crescere la propria classe imprenditoriale, e la piccola e media impresa locale, e chi meglio degli italiani possono aiutare il popolo keniano come ha sempre fatto, ma resta da capire che fastidio può dare un ristorante italiano con 50 coperti, che dà comunque lavoro a 20 dipendenti locali e li perfeziona in mestieri ben retribuiti, considerando che più ce ne sono e più lavorano i fruttivendoli, i macellai, i pescatori e i produttori caseari. Non certo solo i proprietari e gli importatori stranieri.   

TAGS: permessiriccoRutoresidenti

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Lo aveva detto in campagna elettorale riferendosi specialmente ai cinesi e a tutti gli stranieri che “hanno...

LEGGI L'ARTICOLO

Aggiornamenti di malindikenya.net sulle operazioni di verifica dei permessi di lavoro e di residenza in Kenya per gli stranieri, da parte dell'Ufficio Centrale dell'Immigrazione di Nairobi.
Grazie a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha preannunciato una maxi operazione del Governo per verificare chi lavora regolarmente nel Paese, ed eventualmente espellere quelli che non hanno intenzione o non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"L'aeroporto internazionale di Malindi si deve fare, e i lavori inizieranno sicuramente il prossimo anno".
L'importante dichiarazione questa volta non arriva né da un politicante locale, né dagli aruspici del turismo.
E' stato il Vice Presidente Ruto ad affermarlo, durante...

LEGGI TUTTO

Il nuovo presidente del Kenya William Ruto ha reso nota la lista completa dei ministri del suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Il governo keniano ha confermato che è sua intenzione applicare una serie di aumenti a tutti i...

LEGGI L'ARTICOLO

Tante novità per la nuova stagione turistica dal Kachawe Beach di Watamu, il bar...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il periodo difficile dell’economia keniana potrebbe aver raggiunto il suo culmine e iniziare ora il suo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i ...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Novità per i permessi di lavoro nel settore del Turismo in Kenya.
Il Governo keniano ha approvato una regolamentazione secondo la quale viene istituito un "comitato di garanzia" per verificare e dare la propria approvazione alle richieste di permessi di...

LEGGI TUTTO

William Ruto è il quinto presidente del Kenya. Il vicepresidente del governo Kenyatta negli ultimi dieci anni è stato...

LEGGI L'ARTICOLO

Da domani il Kenya volta ufficialmente pagina. I dieci anni di amministrazione Kenyatta sono...

LEGGI L'ARTICOLO

A settanta giorni dalle elezioni nazionali, la campagna dei pretendenti al ruolo di prossimo presidente della...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

E' stato l'appuntamento fisso per molti villeggianti e residenti di Malindi e non solo.
Il brunch della domenica nella splendida cornice di Rosada Beach, lo storico locale sulla spiaggia di Silversand a Malindi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mancano tre giorni al verdetto finale della Corte Suprema del Kenya sulle elezioni...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo la riapertura degli appuntamenti domenicali con gli speciali grand buffet, Pizza...

LEGGI L'ARTICOLO