Editoriali

EDITORIALE

Kenya last minute per Pasqua, c'è chi ci pensa

Avvertenze per gli italiani che non ce la fanno più

25-03-2021 di Freddie del Curatolo

Meglio restare chiusi in casa almeno fino al lunedì dell’Angelo, o dover stare chiusi in casa per i quattordici giorni successivi, ma dopo essersi fatti due settimane di spiagge, savana, aragoste e sorrisi?
Meglio rischiare di essere contagiati, pur facendo attenzione, in un supermercato contingentato a Torino e rischiare di finire sotto ossigeno, o di prendere il Covid-19 con una carica virale bassissima al mercato di Malindi, scegliendo manghi dolcissimi e saporitissima verdura?
Meglio grattugiare una tastiera di computer o rovinarsi gli occhi su uno smartphone tutto il giorno chattando e sprizzando frustrazione sui social, o rischiare il coccige su un tuk-tuk e ridere davanti ad una birra tusker con vista sull’oceano indiano?
Il buon senso direbbe di fare il tampone, prendere il primo aereo e venire in Kenya per Pasqua, per approfittare dell’ultimo caldo e degli ultimi “fuochi” di una stagione fin troppo tranquilla, ma di quella tranquillità che se non fosse per l’economia, la crisi, la fame della gente povera e tutto il resto, sarebbe anche piacevolissima.
Ma non è così semplice, specie se si vuole essere nella legalità e rispettare la collettività.
Eppure sono in tanti gli italiani che ci stanno pensando e che last minute prenotano il volo per Mombasa e Nairobi.
“Mi assicuri che non ci sarà lockdown?” mi chiedono.
Non mi sembra proprio il periodo per assicurare nulla, se non il proprio didietro. Dalle ultime notizie però se i dati di Nairobi (che sono più di quelli di mezzo Kenya) dovessero peggiorare, il Governo potrebbe pensare a limitare i movimenti dalla capitale verso le regioni costiere e le mete di vacanza.
Di lockdown nazionale non se n’è mai nemmeno accennato, così come di altre restrizioni che non siano la conferma del coprifuoco fino al 12 maggio.
Ricordiamo però che dall’Italia non è ancora permesso venire in Kenya per turismo, quindi lo si può fare solo se si è residenti o se si possiede una proprietà per poter effettuare un cambio temporaneo di domicilio. Può andare bene anche una casa in affitto, oltre alle visite a parenti (no, il fidanzatino africano o la cosiddetta “studentessa” non valgono).
Tutto questo, come non ci stancheremo mai di ripetere, al netto del fatto che i controlli aeroportuali non siano infallibili. Ciò però non dovrebbe autorizzare a fare i furbi, anche se è un divieto che appare assurdo continuare a tenere vivo.
Idem il discorso per il ritorno: il tampone per il Governo del Kenya è obbligatorio, con 72 ore di validità e non di più. Se a qualcuno può andare bene, esattamente come quando si entrava allo stadio con l’accendino o al cinema con una telecamera, questo non significa che si possa fare e soprattutto che una volta richiesto, se non si è in grado di produrlo, si rimanga a terra. E’ già successo, ma spesso chi resta a terra non lo dice, mentre i virtuosi social che si vantano di essere passati senza tampone e invitano gli altri ad imitarli, abbondano come la plastica in mare.
Allo stesso modo, in Italia è obbligatorio fare la quarantena di 14 giorni.
L’autodichiarazione che compilerete dovrebbe essere inviata all’ASL che potrà contattarvi e controllarvi. Spesso questo non avviene, ma nel caso ci sia un controllo potreste essere accusati di tentato contagio e, peggio, se doveste risultare positivi durante il periodo di supposta quarantena ed averla infranto, rischiate pesanti denuncie penali.
Insomma...venga chi può e chi sa.
Per tutti gli altri, il Kenya sarà qui ad attendere.

TAGS: pasqua kenyaturismo kenyaavvertenze kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

I servizi segreti della Gran Bretagna vengono considerati i più attendibili del mondo, specialmente in Africa, continente di cui conoscono molto bene dinamiche e risvolti. Dopo anni di avvertenze e di timori, da questo mese finalmente tutta la costa del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Durante le prossime feste natalizie e di fine anno, a Watamu e sulla costa del Kenya arriveranno circa 5 mila italiani, secondo le stime di tour operators, siti di prenotazioni online e compagnie di volo.
Ecco dieci regole che conviene seguire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pasqua tra relax e piacere a Mayungu. Il Malaika Beach Villas per la sera di sabato 15 aprile organizza una serata speciale con spettacolo di danza giriama con cena a buffet gratuito per gli ospiti del resort e a pagamento per...

LEGGI TUTTO

La stagione che è già andata oltre le più rosee aspettative, per il turismo in Kenya, sarà buona almeno fino alla settimana di Pasqua.
Queste sono le previsioni confutate guardando le prenotazioni alberghiere e soprattutto quelle dei tanti bed&breakfast, alloggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo stop ai viaggi da Nairobi verso la costa ha convinto uno dei locali di Malindi che ultimamente...

LEGGI L'ARTICOLO

Ormai il Kenya con l’inizio del nuovo anno è entrato in una nuova era, per quanto riguarda gli ingressi...

LEGGI L'ARTICOLO

Dalla possibilità e dalla speranza di avere un volo in più a settimana dall'Italia al Kenya, in pochi giorni si è passati a non avere per tre settimane, compresa quella di Pasqua, nemmeno quello preesistente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Situazione paradossale per il turismo a Malindi e dintorni.
A Pasqua vogliono tutti farsi una settimana di vacanza sul mare nelle località turistiche che hanno ripreso a "tirare", ma non ci sono abbastanza voli da Nairobi.
Questo sta già capitando...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pasqua alta ma positiva per l'afflusso turistico sulla costa, grazie soprattutto ai viaggiatori keniani che...

LEGGI L'ARTICOLO

I turisti internazionali che avevano già prenotato le loro vacanze per Pasqua o nel mese di aprile, devono poter...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya si prepara ad essere una delle mete più ambite tra le destinazioni a lungo raggio per la prossima stagione invernale, che all'Equatore coincide con l'estate.
La ritrovata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pasqua è Pasqua in tutto il mondo.
Anche sulla costa del Kenya e a Malindi, cittadina dalle mille culture (proprio in questi giorni va in scena...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Festeggiare la domenica di Pasqua in riva all'Oceano Indiano, nella pace di Mayungu di fronte agli...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche per questa nuova stagione, che parte dopo la prima metà del 2018 e si spera possa arrivare in pompa magna fino a Pasqua 2019, i turisti stranieri potranno ancora entrare in Kenya con il visto turistico cartaceo compilato e richiesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le vacanze di Pasqua quest’anno arrivano abbastanza presto, nella prima settimana di aprile.
Per il...

LEGGI L'EDITORIALE

La Pasqua di Malindi è tutta una festa, oltre al classico Malindi Multicultural Festival, l'Ocean Beach Resort propone il...

LEGGI L'ARTICOLO