Editoriali

EDITORIALE

Oltre il Driftwood, la Malindi che deve cambiare

Turismo residenziale, di famiglie e d'affari per il ricambio generazionale

03-05-2021 di Freddie del Curatolo

All’indomani della chiusura dello storico Driftwood Beach Club, hotel  e ritrovo non solo di residenti e turisti di origine anglosassone, ma di tutta la comunità malindina e turisti internazionali fin dal 1963, viene naturale considerare come stia cambiando Malindi e come il lungo, estenuante periodo pandemico abbia accelerato certi processi di mutamento delle dinamiche turistiche di cui già da anni si avvertivano i prodromi.
Elaborato (personalmente non ancora...) il lutto dell’oasi senza tempo di Silversand, viene il momento di esaminare con lucidità cosa sta succedendo, partendo proprio da Malindi.
Premesso che il Driftwood non è defunto ma è stato venduto e subirà un’evoluzione indispensabile di questi tempi, diventando un’area residenziale di appartamenti in vendita e forse anche in affitto, viene da pensare alla situazione in cui versano altre strutture abbandonate o in stand-by aspettando tempi migliori, che comunque è importante capire che saranno tempi molto diversi dal passato.
Malindi stessa non può (e non dovrà) essere quella di un tempo: non solo non c’è più “quella” Malindi, ma non c’è più quel tempo, e non è certo solo una questione di Kenya o di turismo.
Si dice che Malindi non sia più la “colonia italiana” che ha prosperato e fatto prosperare tanti keniani fino a una decina d’anni fa, e questo può anche non essere un male se ci fosse una visione programmatica che in Africa è sempre difficile trovare. Si dice che sia “un paese per vecchi”, parafrasando il celebre film dei fratelli Cohen. Questo può essere già più un problema, dato che anagraficamente le persone anziane sono a scadenza come i prodotti freschi e il ricambio delle generazioni geneticamente modificate di turisti non la vedono come un’attrazione turistica ma semmai come cittadina di servizi e hub aeroportuale per la nuova destinazione di vacanze, Watamu o per la futuribile Mayungu.
Eppure Malindi ha ancora molte carte da giocare, in un indispensabile rinnovamento.
Un grande saggio del turismo locale, Philip Chai, ex manager del Billionaire e direttore d’hotel fin dagli anni Settanta, scommette sul turismo residenziale e d’affari. Appartamenti, hotel “mordi e fuggi”, negozi, un centro commerciale che funzioni, buoni ristoranti (e per quelli siamo da sempre bene attrezzati). Turismo che può diventare anche una deriva per le famiglie, quindi proponendo anche “facilities” per i bambini, come parchi di divertimento ed altro.
Chi in questo momento è in grado di raccogliere la sfida del “residential tourism”? Sicuramente chi ha soldi da investire, chi conosce meglio questo paese e le sue pieghe anche nascoste, chi sa vedere oltre e capire la società, senza snobismi, nostalgie o voler imporre le proprie scelte e il proprio carattere. L’identikit porta inevitabilmente agli investitori di Nairobi, e non a caso sono loro ad aver rilevato il Driftwood. Ma c’è anche qualche imprenditore italiano intelligente che da qualche anno, anche a Malindi, ha cambiato direzione e si rivolge a quel tipo di clientela, servendo anche un assist a tutta la cittadina, pure quella istintivamente refrattaria e volutamente retrograda.
Roberto Marini con il suo Ocean Beach Resort, Antonio Colleluori con il Leopard Point e Francesca Biancacci con il Lawfords si sono messi in maniera convinta in direzione del nuovo vento che tira, così come hanno fatto diversi ristoratori italiani, adattando i loro storici menu alle esigenze dei nuovi frequentatori della cittadina. Molti di loro sono anche più felici, nonostante i tempi avari di soddisfazione e la nostalgia degli anni d’oro.
Utile sarebbe anche che passasse la legge che il Ministro del Turismo Najib Balala aveva promesso qualche anno fa: via alle demolizioni degli scheletri di hotel e palazzi fantasmi che da anni giacciono inermi e orribili alla vista, per via di ingiunzioni, dispute o fughe improvvise e alle aste per riacquistarli. Potremmo veder risorgere, con il nuovo spirito residenziale a cui Malindi dovrà adeguarsi, ruderi come il Tamani Jua, il Coconut, il Dorado, il Bush Baby. Dare lavoro a tanti keniani e far veleggiare la destinazione verso nuovi mari e nuovi attracchi, senza dover fare lo slalom tra i relitti.

TAGS: malindi turismoresidenziale kenyadestinazione kenyadriftwood malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un duo chitarra e piano per colorare di jazz il sorgere della luna piena nella splendida atmosfera del Driftwood Club di Malindi, davanti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Driftwood Club di Malindi inaugura la stagione con nuove proposte e la solita accogliente atmosfera di uno dei luoghi mitici della cittadina.
Da agosto sarà possibile per chiunque usufruire del lettino nel giardino di palme che si affaccia sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Un Capodanno anni Venti al Driftwood Club di Malindi. E’ l’atmosfera che lo storico ritrovo sulla ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Malindi Sea Fishing Club, sul lungomare di fronte al Tangeri Lounge, organizzerò da questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni primo sabato del mese (ma per questo mese, complice la Pasqua, si fa un'eccezione), torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
 

LEGGI TUTTO

L'appuntamento settimanale al Driftwood, con la grigliata di carne e di pesce a bordo piscina, nell'...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni primo sabato del mese, torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Driftwood Club è uno degli approdi sicuri ed incantevoli di Malindi, dove si respira ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Torna anche questo mese il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni primo sabato del mese, torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
A marzo l'appuntamento è slittato di una settimana per la concomitanza del festival della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grazie alla spinta di Roberto Marini e di Philemon Mawala, imprenditori e manager malindini scelti ufficialmente dal Ministero del Turismo per lavorare al ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con la seconda giornata tra Parco Marino e zona Tropical-Driftwood Club si è concluso il weekend di pulizia...

LEGGI L'ARTICOLO

Questa settimana buffet del mercoledì al Papa Remo Beach di Watamu e sempre al Papa Remo beach party al giovedì.
Giovedì sera musica dal vivo al Baby Marrow di Malindi con il pianista e cantante Marco "Sbringo" Bigi e il...

Un weekend davvero ricco quello del Driftwood Club di Malindi, storico e affascinante club fondato...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno la tre giorni di Expo del Turismo di Nairobi ospiterà espositori da tutto il...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella zona residenziale di Malindi, in posizione tranquilla e comoda al paese.
La villa con tetto in muratura si trova a 10 minuti a piedi dalla spiaggia Silversand e a 500 mt dal Parco Marino.
E’ dotata di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO