Ultime notizie

RUBRICA

IL CANTO DEL KENYA (23-12)

Di oggi, mercoledì 23 dicembre 2020

23-12-2020 di Freddie del Curatolo

Il Canto del Kenya di oggi, mercoledì 23 dicembre 2020, in realtà è il controcanto di ieri.
Come un lamento dei nativi americani, sommesso e monotonale, è uno dei tanti rovesci della medaglia.
Si va dal volonteroso falegname di Ganze che con i suoi risparmi costruisce il suo nido d’amore, nel Transmara, dove una famiglia proprietaria di un terreno che oggi vale oltre 2 milioni di euro sta patendo la fame e vive in condizioni miserabili.
Tutta colpa del padre di famiglia, Ole Kapen, che sei anni fa decise di cedere alle richieste di una grossa compagnia con sede nella periferia di Nairobi e cedette in leasing per 33 anni i 75 acri di terreno con annessi campi e colture, incassando una cifra notevolmente inferiore al valore d’affitto di un così grande appezzamento. Ma soprattutto, pretese che l’intera cifra gli fosse versata per intero in un anno.
Chissà quali progetti aveva in mente per se, la moglie e ben tredici figli, Ole Kapen. Dopo aver preso in affitto una modesta abitazione a Kilgoris, la cittadina più vicina, secondo quanto raccontato dal sito “kenyans” in poco tempo si è mangiato quasi tutti i 30 mila euro incassati, tra bar, donne e affari improbabili. “Viaggiava in taxi, fumava sigari, andava e veniva da Nairobi sognando grandi business” racconta la moglie, con cui la relazione è naturalmente naufragata, dopo le ripetute violenze ed il rifiuto di pagare l’istruzione ai figli ancora in età scolare.
Il valore decuplicato di molti terreni è una delle cause di omicidi, cause giudiziarie e liti tra parenti in Kenya. E Ole Kapen ricorda drammaticamente uno dei tanti capitribù Navajo o Apache non più fieri come un tempo ma alcolizzati e psichicamente labili che non solo hanno svenduto le terre dei loro avi, ma anche la loro stessa dignità. Speriamo che questo canto triste possa essere d’insegnamento a tanti suoi connazionali.     

TAGS: terra kenyamiseria kenyaalcolizzati kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Kenya ti prende l'anima, se hai l'anima per farti conquistare.
Perchè anche l'animale più selvaggio, il felino più temuto, il cuore più coraggioso e più spavaldo, prima o poi si farà catturare da qualcosa o da qualcuno.
Allora meglio...

LEGGI IL RESTO

Di quale Kenya vorrà parlare il giornalista e anchorman Gad Lerner, all'interno del suo nuovo programma "Ricchi e Poveri" che esordisce domani sera, domenica 12 novembre, in seconda serata su Rai Tre?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non esiste un cielo grande come questo da nessun'altra parte al mondo.
Sta sospeso sopra di te come una specie di gigantesco ombrello, e ti toglie il fiato.
Ti senti schiacciata fra l'immensità dell'aria e della terra sotto i tuoi...

Mi sono resa conto che non sono l'unica ad essere stata punta dalla micidiale zanzara che trasmette il mal d'Africa.
Sono nata in Tanzania da genitori italiani, nel 1971 anno in cui è stato costruito il Kilimajaro International Airport. 
Ho...

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il sole
che fa capolino anche quando non vuole
sorridendo dietro nuvole basse e scure
che fa piovere sognando nuove arsure

 

LEGGI TUTTA LA POESIA

Sono venuto per la prima volta in Kenya perché il mio più caro amico ci è stato 6 volte e quando tornava mi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia è di quelle che fanno ben sperare per la ripresa del turismo italiano nella costa nord del Kenya, a Watamu, Malindi e Mambrui.
Con l'arrivo di un buon numero di villeggianti, nelle due settimane centrali di agosto, si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

Quando abbiamo deciso di scortare Gad Lerner e l'entourage della sua trasmissione "Ricchi e Poveri" in giro per Malindi, sapevamo che il rischio di imbatterci in un personaggio, e relativo  "format", che aveva già in mente cosa voler portare a casa di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Com'è distante il mondo della Costa keniana dal nord del Paese.
Lo si nota particolarmente quando, come nel caso di eventi nazionali come le elezioni, ci sono proteste, scontri e manifestazioni.
Nei quartieri poveri e periferici di Nairobi, dove purtroppo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Oltre sette mesi di crisi politica con due elezioni, ricorsi, minacce, giuramenti, manifestazioni ed ogni altra varietà di incidenti diplomatici e non.
Ora, con una conferenza stampa tanto improvvisa quanto sorprendente, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Canto del Kenya di oggi è come un coro da stadio, ma senza lo stadio e forse senza neanche il coro.
Sono urla di giubilo...

ECHI DI CHI ANCORA GIOCA Leggi la striscia quotidiana del nostro Direttore

Africa.
Terra di colori, profumi, contraddizioni, brutale, selvaggia ma così armoniosa.
La voglia di nuove esperienze mi ha portato in Kenya, a Langobaya in una fattoria nell’entroterra di Malindi.
Inizialmente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E mentre l'antico, orgoglioso, nobile paesaggio africano intorno a noi moriva,
io ero sempre più consapevole del privilegio di averlo conosciuto,
del dovere di conservarlo e della mia responsabilità
verso la terra di cui avevo ereditato la tutela.

Africa. 
Un’attrazione inspiegabile mi ha sempre fatto credere che prima o poi ci sarei stata. 
L’Africa, il continente nero. 
Il terzo mondo, la savana, la terra povera dove i bambini muoiono di fame e sete. 
Ho letto tanto, mi sono...

LEGGI TUTTO

Con un evento di Show Cooking di un noto Chef locale, Natale Giunta del ristorante Castello a Mare, il Rotary Club Palermo Est ha organizzato per questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO