Ultime notizie

CONSIGLI

Trasferirsi sulla costa del Kenya

Consigli per chi vuole viverci e lavorare

30-09-2022 di redazione

Malindi, Watamu e la costa del Kenya sono paradisi ben diversi dal nostro Paese d'origine. 
Alcuni aspetti fanno preferire questi luoghi a quelli che vorremmo lasciare: il clima, l'ospitalità della gente, la natura ancora preponderante sul cemento e sulla civilizzazione, le possibilità di investimento, la pressione fiscale, il costo della manodopera.
Potremmo continuare così, elencando tutti gli aspetti positivi che ben conosciamo, essendo noi di Malindikenya.net in Kenya dal 1989 e lavorando qui nel campo dell'informazione dal 2008.
Invece il nostro compito non è convincere le persone per chi sa quale interesse personale o "di casta", ma aprire gli occhi su una scelta di vita o di lavoro che, come ogni evento di quest'importanza, deve essere ponderato e valutato per bene prima di prendere una decisione definitiva. 

Innanzitutto oggi per aprire qualsivoglia attività e lavorare in maniera regolare in questo Paese, bisogna disporre di un capitale da trasferire in una banca locale. 
Il capitale deve ammontare a un minimo di € 80.000 e può essere anche utilizzato per l'acquisto di un immobile o un'attività (ad esempio rilevare un bar o un ristorante, ma anche un Bed and Breakfast che fungerà anche da casa privata). 
In questo caso, però, la transazione dovrà avvenire sul conto di una compagnia fondata in Kenya.
I tempi per l'apertura di una compagnia in Kenya non sono brevissimi, specialmente per ottenere il PIN (la partita iva) della società e quello personale, indispensabili per fare ogni operazione, da aprire una bolletta della luce o dell'acqua, ai rogiti e all'acquisto di un'automobile. La compagnia può anche non avere un socio keniota e deve avere due direttori con quote societarie. Non occorre che entrambi i direttori risiedano in Kenya.
Con la compagnia e il capitale, si può ottenere il permesso di lavoro, che è anche permesso di soggiorno e vale due anni. 
Il cosiddetto permesso G da investitore, costa circa 2 mila euro.
Il permesso di lavoro da dipendente, invece, costa 4 mila euro, sempre per due anni. Per ottenerlo, ci vogliono alcuni requisiti, soprattutto la garanzia di insegnare ai locali un mestiere e di non lavorare in prima persona, ma di fungere da "manager" o consulente, coordinatore o insegnante.
Vi sono anche "Special Pass" stagionali. Il loro costo è di 230 euro al mese circa, più una quota fissa supplementare per le pratiche. Solitamente lo special pass non può durare più di 3 mesi. Farsi allettare da opportunità non proprio lecite o da sotterfugi che vengono venduti come prassi a nostro avviso è da evitare nella maniera più assoluta.

Dal punto di vista dell'inserimento nella comunità della costa keniota, si sa che Malindi è ormai definita una "colonia" italiana, ma al fine di comprendere meglio la vita, le leggi e i costumi di questa zona, sarebbe importante avere almeno un'infarinatura di lingua inglese. Sforzatevi, se non conoscete la lingua inglese, di riprendere in mano un libro, studiare almeno per arrivare a comprendere le basi e farvi capire.
Molti italiani sono giunti a Malindi e Watamu convinti di poter conferire direttamente in italiano con la gente del posto, se non addirittura in dialetto. Con conseguenti fraintendimenti che a volte possono far sorridere, a volte portare a malintesi che creano problemi. Spesso i referenti che conoscono la vostra lingua (spesso, non sempre, intendiamoci) sono anche quelli che lo fanno proprio per poter approfittare, anche solo in maniera bonaria, di voi.

Altro aspetto da non sottovalutare, il rispetto di chi ci ospita. Nonostante i kenioti siano un popolo generoso, disponibile e ospitale e la base popolare (il cosiddetto "terziario") versi in condizioni economiche al limite della soglia di sopravvivenza, non significa potersene approfittare. Lo stipendio minimo deciso dal Governo per un dipendente a servizio, ad esempio, è di circa 90 euro e sarebbe d'uopo metterlo in regola, per poterlo fare accedere al (sia pur modesto) servizio sanitario locale.
La costa ha un'importante componente islamica, a Malindi e Watamu molto moderata ed abituata a lavorare con il turismo. Tuttavia il rispetto di alcuni costumi locali (come ad esempio per le donne non mostrare il seno in spiaggia e non girare per la città in bikini e per le coppie non lasciarsi andare a vistose effusioni in pubblico) è sicuramente una buona abitudine da osservare.

Le forze dell'ordine da queste parti potrebbero cercare di approfittare di occasioni particolari per chiedere mance o per risolvere contenziosi in maniera "amichevole". 
Si raccomanda, sempre essendo calmi e gentili, di non accettare nessun tentativo di accomodamento. Innanzitutto la legge keniota punisce il corrotto tanto quanto il corruttore, e spesso i vertici delle istituzioni locali sono disponibili a capire la situazione, ove non ci siano palesi contravvenzioni da parte del turista o del residente straniero.

TAGS: vivere in Kenyalavoropermessilinguaitaliani

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Cliccando il link qui sotto, entrate nella sezione del portale degli italiani in kenya dedicata alla...

ENTRA QUI

Il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha preannunciato una maxi operazione del Governo per verificare chi lavora regolarmente nel Paese, ed eventualmente espellere quelli che non hanno intenzione o non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In tredici anni di attività del Portale degli Italiani in Kenya e nella relativamente breve vita delle...

LEGGI L'ARTICOLO

Aggiornamenti di malindikenya.net sulle operazioni di verifica dei permessi di lavoro e di residenza in Kenya per gli stranieri, da parte dell'Ufficio Centrale dell'Immigrazione di Nairobi.
Grazie a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I sessanta giorni per regolarizzare la propria posizione da lavoratore straniero in Kenya sono scattati da ieri.
Il Ministro degli Interni Fred Matiang'i ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Novità per i permessi di lavoro nel settore del Turismo in Kenya.
Il Governo keniano ha approvato una regolamentazione secondo la quale viene istituito un "comitato di garanzia" per verificare e dare la propria approvazione alle richieste di permessi di...

LEGGI TUTTO

La lingua kiswahili, originaria dell'omonima costa che va dal nord del Mozambico fino al Corno d'Africa e successivamente adottata anche dal resto dell'Est Africa, particolarmente dai popoli che si affacciano sui grandi laghi africani, si conferma come la più parlata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarebbero già 3.434 i lavoratori stranieri illegali in Kenya, tra quelli che non si sono presentati entro lo scorso 21 luglio negli uffici dell'Immigration di Nairobi. Erano stati

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E terminato sabato scorso, 21 luglio, come da programmi, il periodo di due mesi di verifica dei permessi di lavoro per gli stranieri in Kenya (Work Permit).
La verifica, avvenuta esclusivamente negli appositi uffici di Nyayo House a Nairobi, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di sospendere da subito le applicazioni per permessi di lavoro da dipendenti a cittadini stranieri.
La dichiarazione del Ministro degli Interni Fred Matiang'i a Citizen TV non lascerebbe dubbi: ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuovi stickers adesivi per i veicoli che trasportano turisti, per differenziarli dai classici "PSV" che riguardano tutti i servizi pubblici.
L'introduzione della nuova categoria "Tourism Service Vehicle" è stata introdotta ieri dal Ministro del Turismo Najib Balala come iniziativa per...

Torna la voglia di trasferirsi a Malindi.
Arriva la bassa stagione e le caselle mail di malindikenya.net traboccano di richieste di consigli, dritte, spiegazioni....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già quasi duecento gli stranieri fermati sulla costa keniana con permessi scaduti o irregolari, o con documenti falsi di attesa di work permit ed altri documenti non regolari. Dopo quasi due mesi dall'inizio dei controlli successivo alle registrazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la voglia di pensare ad un trasferimento definitivo in Kenya.
Prima la pandemia, poi...

LEGGI L'ARTICOLO

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i ...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

La filosofia come collante per un interscambio culturale tra Italia e Kenya. Questo l’interessante...

LEGGI L'ARTICOLO