Visti e permessi

INFORMAZIONI

Risiedere in Kenya: regole e diritti per l'Italia

Come cambia fisco e sanità per chi si vuole trasferire

19-04-2022 di redazione

Torna la voglia di pensare ad un trasferimento definitivo in Kenya.
Prima la pandemia, poi la guerra e la generale insicurezza riguardo al futuro hanno messo non solo pensionati di fronte alla scelta di vivere una vita più tranquilla assecondando i propri desideri. Certo, non tutti se lo possono permettere, ma chi ha ad esempio una o più case di proprietà da poter affittare o una buona pensione, ci può tranquillamente pensare.
Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (valutate bene i sotterfugi utilizzati fino a qualche tempo fa, fidando di risiedere in una delle Nazioni più corrotte dell’Africa, oggi ci sono controlli telematici anche per via dell’antiterrorismo e si rischia direttamente la prigione).
Oppure può scegliere di risiedere in Kenya.
In questo caso, dopo aver ottemperato agli obblighi per diventarlo (vedi nella sezione dei permessi di soggiorno e di lavoro cliccando qui), è obbligatorio iscriversi all’AIRE, l’Associazione Italiana dei Residenti all’Estero, comunicare all’Ambasciata il nuovo recapito ed accedere allo status di “italiano residente all’estero in un Paese senza convenzioni”.
Infatti tra qualche anno potrebbero cambiare le cose, ma per adesso il Kenya non figura tra i Paesi che hanno stipulato una convenzione bilaterale contro le doppie imposizioni con l’Italia.
In questo caso l’eventuale pensione verrà tassata in Italia e, in caso contribuisca a creare reddito per il lavoro, anche in Kenya.
Residenza Fiscale
per essere considerati residenti all’estero ai fini fiscali è obbligatorio non essere stati iscritti all’anagrafe dei residenti in Italia per oltre 183 giorni all’anno e non avere avuto domicilio né dimora abituale in Italia per oltre metà anno.
L’italiano residente in Kenya inoltre perde il diritto all’assistenza sanitaria nel suo Paese d’origine (fatta eccezione per i lavoratori di diritto italiano in distacco).
Al rientro in Italia si può ottenere comunque un libretto sanitario temporaneo che può durare 90 giorni annui (cumulativi), a regola utilizzabile solamente per prestazioni ospedaliere urgenti.
Tutto questo è ottenibile con una semplice autocertificazione, presentandosi nel Comune in cui si è temporaneamente domiciliati.
In caso di malattia, è possibile anche ottenere un medico di base della mutua ed esenzioni su determinate medicine o cure.
Chi ha reddito in Italia dovrà continuare a pagare le addizionali regionali e comunali IRPEF fino a quando tali imposizioni rimarranno attive e se continua a produrre reddito in entrambi i Paesi, le detrazioni e i crediti d’imposta spettanti possono essere sottratti dai redditi prodotti all’estero che hanno subito la ritenuta d’imposta a titolo definitivo. 

TAGS: residenza kenyaitaliani tasseitaliani sanità

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il prossimo 12 giugno 2022 gli italiani voteranno cinque referendum popolari che riguardano...

LEGGI L'ARTICOLO

Aumentano le sanzioni per gli italiani che vivono all’estero, quindi anche in Kenya, e non si iscrivono...

LEGGI L'ARTICOLO

Le nuove tariffe dell’ufficio immigrazione del Kenya sono ufficialmente state applicate, per i primi...

LEGGI L'ARTICOLO

Questa mattina il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella, con un volo privato, da...

LEGGI L'ARTICOLO

Con l’incontro e le attività durate dieci giorni, dal 2 al 12 giugno scorso a Nairobi, è partito il progetto interculturale...

LEGGI L'ARTICOLO

Il prossimo 17 aprile 2016 si terrà il referendum abrogativo della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa abbiano "la durata della vita utile del...

Per essere in regola nell'ospitare a pagamento turisti nella propria casa in Kenya, o per affittarla a terzi, bisogna OBBLIGATORIAMENTE seguire questo iter:

LEGGI QUI L'ITER DA SEGUIRE

Come abbiamo già scritto in precedenza, dal 1 gennaio 2024, per chi vive all’estero (quindi anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Giro di vite sui controlli dall’Italia per chi si reca all’estero nei Paesi extraeuropei.
Durante...

LEGGI L'ARTICOLO

Il dottore degli italiani in Kenya (e non solo) da 40 anni è stato insignito dall’Ambasciatore d’Italia in...

LEGGI L'ARTICOLO

Più che positiva, divertente e di grande condivisione, la tappa italiana per raccontare gli italiani in...

LEGGI L'ARTICOLO

Si stringe la morsa dell'ufficio imposte keniano su chi affitta case, ville e appartamenti...

LEGGI L'ARTICOLO

In tredici anni di attività del Portale degli Italiani in Kenya e nella relativamente breve vita delle...

LEGGI L'ARTICOLO

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Galeotta fu la prima “residenza artistica” in Kenya. Si tratta di una possibilità che il nostro Ministero degli Esteri...

LEGGI E GUARDA IL VIDEO

Storie d'altri tempi o di tempi semplicemente diversi dai nostri. A Malindi uno dei tanti figli di un anziano padre di famiglie (e il plurale è d'obbligo, data la poligamia della tribù locale) dopo la morte del padre ha deciso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO