Mal d'Africa

UN MERCOLEDI' DA KENIOTI

Ancora mail e post di chi ha il Kenya nel cuore

Prosegue la nostra rubrica dei lettori

15-06-2022 di redazione

Prosegue con grande partecipazione dei nostri lettori, via mail o sui canali social, la rubrica dedicata al “mal d’Africa”, ovvero a quella ridda di sentimenti evocati dall’andare e venire dal Kenya (nel nostro caso, ma è applicabile a molti altri paesi, almeno quelli che possono vantare oltre alla savana altri scenari fantastici che sicuramente aiutano ad innamorarsene) e dal desiderio a volte avverato di risiederci.
C’è chi lo sogna per una vita ma non ha mai la possibilità o il coraggio di fare “il grande salto”, chi considera il Kenya il “paradiso terrestre” ma non ci vivrebbe e lavorerebbe mai, chi lo utilizza come cura e chi invece ne è rimasto scottato ma comunque non riesce a farne a meno, fisicamente o con il pensiero.
Scrive Franco Cozzi: “Il mio mal d'Africa ? La paura ..quando torno in italia..di non riuscire più a tornare in Kenya. Sembra banale ma non è così ..sogno il roundabout di Malindi...il campo giochi di Karima...il porto di Mombasa...tutta roba semplice Sogno di sedermi fuori da scuola,nascosto, a prendere mio nipote acquisito che non sa del mio arrivo e che mi salterà al collo vedendomi...cerco le facce degli amici da anni per le strade di Malindi o Watamu o per le strade di Eldoret. Non mi manca la savana...mi mancano i Keniani e i loro sorrisi.”
Dall’altra parte, gli fa eco Patrizia, a cui gli esseri umani del continente nero sono la cosa che manca meno: “io amo l'Africa in generale e soprattutto il Kenya che è quanto più si avvicina al mio concetto di paradiso terrestre – spiega la lettrice - ma non ci vivrei mai in pianta stabile. Bellissime lunghe vacanze, questo è il mio sogno-progetto. Il territorio, la natura, il paesaggio insomma, evocano nel mio immaginario il "paradiso terrestre" poi però sono arrivati Adamo ed Eva (gli esseri umani) ed hanno incasinato tutto. Questo per dire che non è così semplice stabilirsi in pianta stabile, avere un'attività, un lavoro”.
Altri invece, come Giusy e Fabio, non fanno differenza tra vita quotidiana, incontri e bellezza dei luoghi: “Il Kenya ti avvolge fin dall’arrivo – dice Giusy - lo senti nell’aria, nell’odore intenso misto tra fiori, polvere rossa, friggitorie e frutta matura, ma anche spazzatura e sudore. E’ l’odore della vita, di quella vita di cui molto spesso ci dimentichiamo in Italia”.
Per Fabio c’è anche qualcosa di più: “Ringrazierò sempre il Kenya per come mi ha fatto tornare a vivere, attraverso lo sguardo di una ragazza e la sua voglia di prendermi e portarmi a vedere la vita e i luoghi reali che si nascondono dietro le tendine della normale vacanza. A quanti può accadere? Non mi sono innamorato di lei, non sono uno da “lei è diversa da tutte le altre” e non so quanto durerà. Ma è bellissimo tornare sapendo che lei, per cui probabilmente non sono l’unico, è lì ad aspettarmi e mi accompagnerà volentieri in una nuova esperienza, una nuova emozione”.

TAGS: mal d'africalettorimailnostalgia

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Domenica mattina appare su malindikenya.net un articolo che ne annuncia la chiusura: "niente è per sempre", con la foto del direttore Freddie del Curatolo che saluta tutti. L'articolo viene rimosso alle 9 ma già decine di lettori inviano mail e...

Una sola cosa allora volevo: tornare in Africa. 
Non l’avevo ancora lasciata, ma ogni volta che mi svegliavo,
di notte, tendevo l’orecchio, pervaso di nostalgia.

MAL D'AFRICA

Io lo chiamerei "ardore"

"...non è un male, è un dono"

di Dario Scaccabarozzi

Mal d’Africa , termine usato a sproposito. 
Non c’è nessun Male accostabile all’Africa , non credete ?
Si ripetono queste tre parole per definire quel sentimento che si prova quando , lasciato il continente , è struggente la nostalgia di...

LEGGI TUTTO

Il Mal d'Africa è vertigine, è corrosione,
e allo stesso tempo è nostalgia. 
E' desiderio di tornare alla nostra infanzia,
alla stessa innocenza e allo stesso orrore,
quando tutto era ancora possibile
e ogni giorno sarebbe potuto essere quello buono...

Cliccando il link sottostante, accedi alla pagina dedicata a tutte le persone che hanno avuto a che fare con...

ENTRA QUI

Proseguono le mail dei nostri lettori con il “mal d’Africa”, che raggruppiamo e pubblichiamo ogni...

LEGGI L'ARTICOLO

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

Chi viaggia spesso lo sa, ormai un attentato purtroppo può capitare ovunque. Per quanto riguarda Istanbul, "hub" tra i più importanti del mondo con le sue mille coincidenze, c'era anche l'aggravante di alcune scelte politico-strategiche del presidentissimo Erdogan che non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mal d’Africa secondo l’enciclopedia online: “Nel linguaggio comune, mal d'Africa si riferisce alla sensazione di nostalgia di chi ha visitato l'Africa e desidera tornarci “.
Mal d’Africa secondo me…
Torniamo indietro al 29 giugno 2013… Esattamente un anno fa mi stavo preparando al viaggio.
Come...

LEGGI TUTTO

Noi di Malindikenya.net seguitiamo a ricevere testimonianze di lettori (e sono ormai 15 anni che...

LEGGI L'ARTICOLO

MALINDIKENYA.NET HA BISOGNO DI UN PICCOLO SFORZO DA PARTE DI TUTTI I SUOI LETTORI AFFEZIONATI PER POTER CONTINUARE AD OFFRIRE IL SERVIZIO PER GLI ITALIANI CHE HANNO A CUORE IL KENYA, LO VIVONO O LO FREQUENTANO.

ENTRA QUI PER SAPERNE DI PIU'

E continuano a chiamarlo "mal d'Africa". Io non capisco e chiedo: "ma cosa c'è di male, perchè quella parola negativa"?
Mi rispondono che in realtà si usa "mal" per definire un sentimento che ti fa stare male quando sei lontano...

LEGGI TUTTO

Un corso di kiswahili online organizzato dalla prestigiosa pubblicazione periodica “Rivista Africa” che ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo il successo di presenze (e con grande gioia anche di vendita di libri...) della presentazione milanese...

LEGGI L'ARTICOLO

Dall’inizio di agosto, quando abbiamo aperto la campagna di richieste di sostegno al lavoro del ...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Ambasciata d'Italia in Kenya invitia i connazionali residenti in Kenya e iscritti all'AIRE che non ...

LEGGI L'ARTICOLO