Mal d'Africa

MAL D'AFRICA

Il mio mal d'Africa è dedicato a...

Chi non comprende dovrebbe solamente tacere

01-03-2019 di Leon Mufasa

Il mio mal d'Africa è dedicato a chi in Africa non ci è mai stato.
A chi non è rimasto folgorato a 14 anni e da allora quasi ogni anno organizza una vacanza in Kenya, Tanzania, Botswana, Zambia, Etiopia, Ruanda.
Ci vorrebbe un intero libro, con allegato il mio album di fotografie per spiegarvi quello che a parole si fa fatica.
Ci vorrebbero le parole delle comunità povere dei sobborghi di Nairobi o di Morogoro, che abbiamo visitato e che da tempo aiutiamo a crescere, anche a distanza grazie ad alcuni africani che ce l'hanno fatta e ora vogliono essere d'esempio per altri.
Il mio mal d'Africa è per tutti quelli che hanno i giudizi facili, la risposta pronta, la critica perfetta.
Io dico solo che abbiamo perso di vista il vero motivo della vita, che è quello di stare bene con sé stessi e quanto più possibile con gli altri.
Senza preoccuparci che gli altri siano bianchi, neri, sani, malati, di destra o di sinistra.
L'Africa insegna che l'unica differenza agghiacciante è quella tra chi è troppo ricco e chi è troppo povero, tra chi non può accedere a cure sanitarie e chi si può permettere cliniche private miliardarie.
Nel mezzo siamo tutti noi e dovremmo avere solidarietà per chi è meno fortunato di noi.
L'Africa insegna queste cose solo se ti immergi in essa completamente, se ne esplori i luoghi dove la Natura è padrona.
Perché andando negli slum, nelle città, trovi le ingiustizie che la civiltà ha portato e anche meno felicità.
La gente rincorre le stesse cose che hanno reso la nostra società triste ed infelice, ma nessuno glielo spiega.
Allora vorrei spiegarvi che il mal d'Africa è essenzialmente capire queste cose ed andarle a cercare dove ancora c'è amore per la vita, dove la felicità non costa nulla e dove alla fine della giornata, prima di addormentarti, pensi semplicemente che sei stato bene e che non speri di meglio che un'altra giornata come questa.
Non è certo l'unico modo per essere felice, ma io ho trovato questo e ne sono immensamente soddisfatto.
Da un senso alla mia vita e mi aiuta ad essere migliore anche quando devo sopportare di vivere in un mondo che ha perso il senso.
Chi non lo comprende, dovrebbe solamente tacere.

TAGS: mal d'africastorie africa

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Africa è nel cielo, nella terra e nella gente.
La gente d'africa si muove lenta ma ti smuove il cuore, ti scuote l'animo.
Comunque tu sia, ferro o argilla, l'africa ti plasma.
 

LEGGI QUI

Quella che riguarda l'Africa, e in particolare il Kenya, non è una bibliografia facile.
Oltre a fregiarsi di innumerevoli titoli, come è normale per un argomento così vasto i cui primi scritti (diari di viaggio e di commercio) si perdono nell'anno...

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

Ebano - Ryszard Kapuscinski

Feltrinelli

di redazione

Iniziamo dicendo che Ryszard Kapuscinski è il più grande giornalista che abbia mai scritto d'Africa e quello che meglio ne ha capito la civiltà, la natura, la filosofia. Ed è curioso che sia stato un polacco, quanto di più distante...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Si chiude giovedì sera, 11 gennaio, al Baby Marrow Art Restaurant di Malindi, la fortunata rassegna di racconti, canzoni, poesia e musica "Io conosco il canto dell'Africa", ideata da Freddie del Curatolo con la collaborazione artistica di Marco Bigi.
L'ultima delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dico Africa ma penso al Kenya. Dico Kenya ma penso a Watamu. 
Africa è un concetto troppo grande perché entri nel mio cuore senza devastarlo. 
Le guerre, la fame, i soprusi, le ingiustizie perpetrate dalla sua stessa gente nei confronti...

LEGGI TUTTO

Se in Italia non vivi più bene, vieni in Africa.
Se in Italia vivi bene ma è diventato un Paese di merda, vieni in Africa.
Se hai una rendita di 700 euro e non riesci nemmeno a mangiare, vieni in...

LEGGI TUTTO

L’Africa è un continente troppo grande per poterlo descrivere. 
E’ un vero e proprio oceano, un pianeta a parte, un cosmo eterogeneo e ricchissimo. 
E’ solo per semplificare, per pura comodità che lo chiamiamo Africa. 
In realtà, a parte la...

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO