Amici dello Tsavo

AMICI DELLO TSAVO

Buone notizie dallo Tsavo: dall'inizio dell'anno nessun elefante ucciso

La savana si ripopola di amici con la proboscide

20-08-2015 di redazione

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del Kenya più vicina a Malindi e Watamu torna a ripopolarsi. 
Molti sono gli avvenimenti positivi che hanno portato a questo risultato in assoluta controtendenza rispetto al passato: innanzitutto la lotta al bracconaggio effettuata dal Kenya Wildlife Service, il ritorno ai posti di comando del mitico fondatore Richard Leakey, poi il buon lavoro delle associazioni che salvaguardano specialmente gli elefanti, come la Tsavo Trust stessa e la David Sheldrick Foundation.
A questo si aggiunge il senso di responsabilità e l'amore per questa terra e la sua natura di molte attività di safari, i cui titolari sono divenuti in poco tempo sorta di "rangers" volontari molto utili. In più c'è da segnalare l'attività del CITES, l'organizzazione internazionale per la protezione delle specie in via di estinzione, che è sempre in prima fila nella protezione della fauna africana e condivide la lotta contro il traffico illecito di essi.
In pochi anni il Cites è riuscito a far firmare il trattato di non commercio dell'avorio a molti paesi africani e dell'Est, ultima e più importante tra tutte, la Cina.
Con la minor richiesta dell'avorio cala ovviamente il prezzo e il lavoro dei contrabbandieri.
Anche le forze dell'ordine del Kenya hanno avuto il loro peso, arrestando molti contrabbandieri nell'ultimo anno, uccidendo anche una decina di bracconieri sul campo e dando la caccia ad alcuni trafficanti internazionali d'avorio e pelli animali. Oggi sono undici mila, secondo il Kenya Wildlife Service, gli elefanti nello Tsavo.
Difficilmente si potrà tornare a vederne 35 mila come dieci anni fa, ma la speranza è di frenare l'escalation che fino all'anno passato ha ridotto a meno di un terzo i bellissimi e unici pachidermi "rossi" (perché colorati dalla terra argillosa del parco nazionale). 

TAGS: Elefanti TsavoBracconaggio KenyaContrabbando avorio

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Elefanti in Kenya: i dati del Kenya Wildlife Service che riguardano l'anno che si sta per chiudere sono confortanti per quanto riguarda il bracconaggio.
I casi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultimo sequestro, avvenuto ieri in Vietnam, di cento chili di corna di rinoceronte provenienti dal Kenya, riporta alla triste attualità il contrabbando legato alle specie protette della savana africana.
La battaglia contro i bracconieri che uccidono elefanti procede con risultati anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cambiano le abitudini degli elefanti del Kenya a causa del bracconaggio.
Secondo uno studio dell’Università olandese di Twente in collaborazione con il Kenya Wildlife Service, realizzato dall’associazione “Save the elephant”, gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La recente visita in Kenya del tycoon cinese Jack Ma, proprietario e fondatore del colosso cinese delle vendite online Alibaba, non aveva solo intenti commerciali. Quando poi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’emergenza Coronavirus, i lockdown parziali nelle contee e il coprifuoco notturno non frenano in ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una ricerca condotta tra il Sudafrica, le foreste del Mozambico ed il Parco Nazionale dello Tsavo Ovest in Kenya, rivela che gli elefanti negli ultimi due decenni stanno sviluppando un sistema per sfuggire alle terribili grinfie del bracconaggio.
L'intelligenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Probabilmente erano ben nascoste da tempo, perché dall'inizio dell'anno in Kenya non si ha...

LEGGI L'ARTICOLO

L’anno del rinoceronte. Il 2020 per la conservazione in Kenya verrà ricordato come il primo del...

LEGGI L'ARTICOLO

Per la prima volta la piattaforma online Netflix trasmetterà un film prodotto e realizzato...

LEGGI L'ARTICOLO

Elefanti in trappole. 
Sembra una cosa impossibile, ma purtroppo non lo è. 
Una delle conseguenze della campagna in corso, per negare ai bracconieri l’uso delle armi da fuoco, e stata quella di indirizzarli all’uso dei metodi tradizionali, andati in disuso...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Niente turisti, più tempo e privacy per “fare sesso”.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

La savana è la materia. 
E’ ciò di cui siamo fatti tutti e da cui tutti proveniamo. 
Non sono solo i mesozoici elefanti e le grottesche giraffe a ricordarcelo. 
Ce lo dicono le improvvise colline che sono frammenti della Rift...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY