Reportage

REPORTAGE

Il matto di Gede che vive in una bottiglia

"Difu Simo", appunti da un tour necessario in Kenya

12-08-2020 di Freddie del Curatolo

Piove sul bagnato a Gede, lontano dalle rovine visitate dai turisti (quando ce ne sono) e ai bordi della trafficata strada per Mombasa.
Altro che tamerici salmastre ed arse di dannunziana memoria, qui il vento innesca una bufera tuttaltro che romantica ed abbassa la temperatura e penetra nelle ossa con la sua umida cattiveria di stagione. Le vestigia leggere qui sono la regola. C’è chi si può permettere un maglione di acrilico infeltrito, un giaccone rattoppato o, alla peggio, due strati di magliette e una camicia di finta flanella.
Attratti non troppo misteriosamente da canzoni scritte apposta per la loro salvezza, arrivano i protagonisti del nostro carrozzone viaggiante.
I matti sono due. Il primo ha una felpa con cappuccio.
L’altro, le cui paturnie sono meno evidenti, indossa un eskimo verde da militante del partito comunista jugoslavo negli anni Settanta.
L’incappucciato mi viene incontro, incurante del temporale.
Ha imparato da qualcuno che ci si saluta con il gomito e ci prova gusto.
Un saluto, uno ancora.
Sorride e mostra pochi denti, ma in compenso tutti cariati.
Eppure c’è qualcosa di molto vivo in lui, perfino di intelligente.
Sembra un coloured americano, uscito da un film di Spike Lee o da una canzone di Gil Scott Heron, quando raccontava dell’uomo che viveva in una bottiglia.
Lui vive ovunque, anche nella bottiglia d’orzata in cui oggi galleggia il villaggione di Gede, sotto un cielo così grigio che sembra anche lui più Detroit che Swahili Coast.
Si dirige sotto il palco improvvisato del colonnato dell’emporio di fronte alla pompa di benzina dove è stato sistemato lo stage del “Difu Simo Tour” e si produce in una serie di tic e smorfie che ti aspetti prima o poi sfoci in un’azione inconsulta, in una pazzia da camicia di forza.
Invece improvvisamente si calma, si fa accendere una sigaretta e accetta l’invito della dottoressa Nancy Kiptemoi a parlare.
No, anzi, non vuole parlare.
E’ un attimo.
Prende il microfono e inizia a rappare, scandendo le parole con inflessione americana, ripetendo strofe non sue ma che gli calzano a pennello e soprattutto che ricorda a memoria e scioglie a tempo.
Vorrebbe parlarti di sè, ma non sa più chi è da un pezzo e non se lo ricorda.
Si ricorda solo le parole di quel rap e come ci si saluta da qualche mese a questa parte.
La dottoressa riprende a parlare di bipolarismo, di “kifafa” (l’epilessia) ed altre patologie che non appartengono di sicuro al regno di Satana, ma solo alle infinite combinazioni mentali del genere umano e vengono peggiorate dall’abbandono e dalla stigmatizzazione.
Alcune madri annuiscono, hanno casi di questo tipo nel loro villaggio e non sono abituate a parlarne in pubblico, così chiedono udienza privata.
Mama Margaret, la maga erbalista dei MADCA, traduce dal giriama al swahili e dallo "psichiatrese" all'ancestrale.
La pioggia insiste e rende lo spettacolo di balli e canzoni molto difficile da portare avanti: la cantante reggae Dorothy Shukrani, nome d’arte Doty Shooks, se ne frega e sotto l’acqua intona un brano che invita i genitori a portare all’ospedale i loro figli che sembrano stranini.
Non costa niente e nessuno vi dirà mai che sono posseduti dal demonio.
Riparati sotto le tettoie di lamiera dei chioschi delle bibite e di un fruttivendolo, i giovani di Gede muovono i piedi fradici e infangati e sorridono.
Chissà se il messaggio gli sta arrivando, chissà se hanno assimilato le parole della dottoressa Nancy.
Di sicuro il vecchio che chiede il microfono per metterli in guardia dal potenziale effetto dei troppi spinelli invitandoli a bere vino di palma “che non ha mai fatto male a nessuno” li ha fatti ridere.
Domani sarà un giorno di sole a Gede e come sempre sulla riva di argilla che costeggia il lungo torrente d’asfalto si affacceranno centinaia di camion tuonanti, decine di motociclette ronzanti e di tuk-tuk scorreggianti. Forse ci sarà anche qualcuno che dirà che i disabili mentali non si devono tenere in catene o denutrire come creature maledette.
E che anche da queste parti, come a Detroit, i geni spesso vivono in una bottiglia.

TAGS: difu simoreportage kenyadisabili kenyamadca

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

A Matsangoni si balla, a Matsangoni si vive a lungo.
Il villaggio...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Ancora oggi la costa del Kenya, dove la civiltà per tanti versi è calata come una mannaia su tradizioni secolari...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Andrà in onda domenica alle 17.45 su Rai Tre, nella trasmissione di viaggi "Kilimanjaro" l'avventura in ...

LEGGI L'ARTICOLO

Se c’è una categoria di persone disabili ancora più disagiate dell’essere nate in regioni problematiche...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo dei reportage allestiti dalla rivista di moda e costume Diva & Donna aveva riguardato le rovine di Gede, che avevano fatto da scenografia alla presentazione di una linea estiva molto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La savana è come il pensiero, non ha barriere e ti può donare una sensazione di onnipotente libertà.
Figurarsi poi se le ruote che la percorrono, che sollevano al cielo la polvere rossa delle sue piste battute, sono quelle di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Lo avevamo annunciato in esclusiva alcune settimane fa, quando il fotografo Andrea Varani e la top model italo-venezuelana Mariangela Bonanni erano sbarcati a...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una festa senza precedenti per Malindi e la sua gente, migliaia di persone hanno affollato sabato sera lo spazio dell'ex Sinbad di fianco al Casino, ma altre migliaia erano nelle strade e negli spiazzi attigui e sono confluiti lungo tutta...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Mi ricordo la prima volta che misi piede a Tezo.
La ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

L'incredibile storia di Robin Cavendish approda al cinema in questi giorni.
"Breathe" il titolo originale del film, che sarà nelle sale italiane da questa settimana, un colossal che ha per protagonista il giovane

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro appuntamento per l'Esilio Volontario di Freddie del Curatolo. Sabato sera sarà la volta di Marina di Carrara, dove risiede una vera "malata d'Africa", Tiziana Nicodemi titolare del Bagno Principe e del Ristorante Calasole, che già l'anno precedente aveva...

LEGGI TUTTO

Oggi a Malindi si celebra l'eroina popolare della cultura Mijikenda Mekatili Wa Menza.
Si tratta della più importante celebrazione tradizionale della popolazione della costa keniana. L'etnia Mijikenda rappresenta infatti le nove tribù che abitano da nord di Malindi fino al confine con la Tanzania.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sono mai stati in Africa, ma l'hanno sognata per tutta la vita.
Così come hanno sempre sognato la libertà, l'avventura, la sfida ad un'esistenza non facile e ad un destino che ha messo il suo carico pesante quando erano ancora...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Sponsorizzare un evento culturale in bassa stagione a Malindi era sicuramente una scommessa.
Scommessa che 
 

LEGGI L'ARTICOLO