Ultime notizie

CELEBRAZIONI

I Mijikenda festeggiano la loro eroina Mekatilili

Niente feste tradizionali e celebrazioni pubbliche per le restrizioni

14-08-2021 di Freddie del Curatolo

La costa del Kenya ha un’eroina popolare e si tratta di una figura importantissima nella storia del Paese, perché oltre che una donna coraggiosa e carismatica, è stata una delle prime “pasionarie” a ribellarsi alla colonizzazione britannica e alle dure condizioni di lavoro e guadagno nei campi, nei primi anni del Novecento.
Mekatilili Wa Menza, morta nell’agosto del 1924 dopo una vita al servizio della sua gente, viene celebrata da sempre intorno a ferragosto, con importanti manifestazioni e feste tradizionali che, sia l’anno scorso che quest’anno, non sono state organizzate a causa delle restrizioni della pandemia.
Questo chiaramente non ci evita di ricordarla e di ricordare le celebrazioni del passato a cui noi stessi abbiamo partecipato (leggi qui uno dei nostri reportage sulla grande festa di Bungale del 2011 https://www.malindikenya.net/articoli/notizie/reportage/nel-cuore-dei-mijikenda.html)
Mekatilili era una donna Mijikenda nata alla fine dell’Ottocento nell’entroterra di Kilifi. I Mijikenda sono l’etnia che racchiude le nove tribù che abitano dalle regioni a nord di Malindi fino al confine con la Tanzania. I giriama e le altre otto tribù che compongono l'etnia Mijikenda (Chonyi, Kauma, Kambe, Ribe, Rabai, Jibana,Digo,Duruma) la ricordano come la prima "guerriera" a combattere l'autorità britannica e a dare il la con la sua verve combattiva ai moti indipendentisti di tutto il Kenya.
Fu a capo di un manipolo di rappresentanti dei contadini di Malindi e dintorni che si ribellarono contro le tasse imposte dall’allora impero, arrivando a schiaffeggiare in pubblico un ufficiale britannico. Per questo e per aver progettato un attentato contro un automezzo di coloni, fu rinchiusa per ben due volte nel campo di detenzione (una sorta di campo di concentramento) a Kisii, in terra Maasai. Entrambe le volte riuscì ad evadere e mentre la prima fu catturata, la seconda dopo quasi 1000 chilometri percorsi a piedi, la vide tornare trionfante dal suo popolo, accolta come una regina. Alla fine, dopo la prima guerra Mondiale, i Governatori costieri dell’Impero Britannico scesero a patti con lei e con i contadini locali e concessero loro trattamenti migliori.
Mekatilili è considerata anche una delle eroine nazionali, ufficialmente riconosciuta dal Presidente Kenyatta nel novero dei simboli dell’indipendenza del Paese e la sua statua d'ebano è esposta a Malindi in un tempietto nella piazza Uhuru Garden. Il personale rancore con i sudditi della Regina che governavano il Kenya nacque quando due suoi fratelli furono prelevati da soldati britannici nell’entroterra di Kilifi.
Mekatilili è sepolta a Bungale, villaggio dell'entroterra non lontano da Marafa, località famosa per le sue Hell’s Kitchen.
L’associazione culturale MADCA come sempre organizzerà preghiere interraziali e una cerimonia privata di pacificazione.
Alcuni esponenti della salvaguardia delle tradizioni Mijikenda si sposteranno in un altro luogo sacro per la loro etnia, ovvero a VItengeni, villaggio dell'entroterra di Kilifi che sorge sotto una delle colline di riferimento per il culto animista costiero, Mwangea Hill.

TAGS: celebrazioni kenyaeroi kenyamekatililitradizioni kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Come ogni anno in questo periodo l'etnia Mijikenda della costa keniana ed in particolare i giriama di...

LEGGI L'ARTICOLO

S'intitola "Giriama Warriors" la mostra che Gian Paolo Tomasi inaugura venerdì prossimo, 15 dicembre, alle 18 presso la nuova galleria d'arte "Artistaste" di Nairobi, attigua al ristorante italiano "La Salumeria".
La mostra, già presentata in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Originariamente era il "Kenyatta Day", il giorno che ricordava la data di nascita di Jomo, primo Presidente del Kenya indipendente, 20 ottobre 1889.
Dal 2010, dopo la stesura della nuova costituzione, la festa nazionale è stata dedicata anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ una settimana speciale per gli islamici della costa keniana che nel loro essere moderati...

LEGGI L'ARTICOLO

Il 20 ottobre in Kenya si festeggia la giornata degli eroi nazionali, ovvero il "Mashujaa day".
Originariamente...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha appena rimosso il coprifuoco nazionale...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi a Malindi si celebra l'eroina popolare della cultura Mijikenda Mekatili Wa Menza.
Si tratta della più importante celebrazione tradizionale della popolazione della costa keniana. L'etnia Mijikenda rappresenta infatti le nove tribù che abitano da nord di Malindi fino al confine con la Tanzania.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La scuola calcio di Malindikenya.net prosegue la sua avventura, grazie all'aiuto dei primi italiani che si stanno appassionando al percorso dei nostri ragazzini della periferia di Malindi.
Durante il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 20 ottobre è da sempre una data particolare in Kenya.
Da 63...

LEGGI L'ARTICOLO

 

Sono qui di nuovo a raccontarvi di un popolo, di una cultura, della lotta pacata e dignitosa, ma disperata di un'etnia per conservare le proprie tradizioni e proteggere i saggi anziani. 
Qualcuno, spinto dall’emotività scatenata dalla gravissima situazione del Corno...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

“Il 20 ottobre è una delle date che qualsiasi keniano non può ignorare perché ha molti significati nella ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una due giorni per celebrare la cultura e le tradizioni della costa keniana.
Il "Coastal Cultural Festival" si terrà all'Ocean Beach Resort da venerdì 21 a sabato 22 dicembre, tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La cucina Habesha dell’Etiopia è un vero e proprio viaggio sensoriale, che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Per la nostra sezione "Libri sul Kenya" presentiamo "Un chicco di grano", uno dei celebrati romanzi del più grande scrittore keniano, Ngugi Wa Thiong'o, più volte candidato al Nobel per la Letteratura.

LEGGI LA RECENSIONE

Seguendo le indicazioni di una sentenza dell'Alta Corte di Nairobi, del novembre del 2017, il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha deciso di dichiarare la giornata del 10 ottobre "festa nazionale".
In realtà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Osteria Beach è il ristorante con servizio spiaggia e lettini del marchio "Osteria".
Aperto nel

LEGGI TUTTA LA SCHEDA