Ultime notizie

LA MINACCIA

Corvi sulla costa, il governo dice ok all'eliminazione

Obbiettivo: 1 milione in meno entro la fine dell'anno

10-06-2024 di Freddie del Curatolo

Finalmente, dopo anni di insistenze da parte di associazioni di conservazione e per la protezione degli (altri) animali, il governo keniota ha deciso che è ora di eliminare i corvi cosiddetti “domestici” (Housecrows) che da tempo infestano la costa del Kenya, portando non solo fastidio sonoro e malattie, ma spaventando altre specie di uccelli, peraltro autoctone a differenza loro, e mangiandone le uova, limitandone così la riproduzione e favorendone l’estinzione.
Insomma, che la presenza di questo tipo di corvo in Kenya non avesse nemmeno un aspetto positivo e che quindi si debba ritenere legittimo eliminarli, non ha mai trovato opposizione, nemmeno da chi ama gli animali o dagli ornitologi, proprio per la loro natura devastatrice e dannosa in primis per l’equilibrio biologico.
Dopo una campagna per riattivare l’utilizzo di un apposito veleno che non danneggia l’ambiente e non uccide le altre specie avicole, che ha visto in prima fila l’associazione “A Rocha” di Watamu e la Malindi Museum Society, venerdì scorso il Kenya Wildlife Service (KWS) ha deliberato che le cornacchie sono “uccelli non autoctoni invasivi che per decenni  “hanno allontanato le specie di uccelli locali dai loro habitat naturali, ma hanno anche causato notevoli disagi ai turisti, soprattutto nel settore alberghiero costiero”.


In un incontro pubblico, il KWS ha sottolineato l'urgenza di riattivare il programma di eradicazione delle cornacchie. Più di vent’anni fa, quando le cornacchie avevano raggiunto un numero significativo di presenze sulla costa, in particolare a Malindi e Mombasa, era scattato un piano di eliminazione. Era stata data la possibilità di utilizzare veleni, ma anche di catturare i devastanti uccelli in modi “creativi”.
Chi scrive è stato testimone della caccia alla cornacchia con trappole costituite da scatole-gabbia con all’interno carne putrida, che si chiudevano dopo l’ingresso di quattro o cinque esemplari per volta ed erano collegate con i tubi di scappamento delle automobili. I giovani disoccupati di Malindi venivano pagati 20 scellini a corvo e 5 scellini a uovo e li uccidevano con fionde e cerbottane, distruggendo i loro nidi.
La popolazione del nefasto uccello si era decisamente ridotta e non si era verificato nessuno scenario da film di Alfred Hitchcock, come alcuni dalla grande e cinematografica immaginazione aveva prospettato.
Piano piano, però, le coriacee cornacchie si sono riprodotte ed hanno approfittato della crescita delle aree urbane costiere e della loro insostenibilità, ad esempio dell’aumento della produzione di immondizia e delle difficoltà a smaltirla, con la nascita di tante discariche a cielo aperto.
Ora, a distanza di anni, il problema si ripropone ed è davvero diventato insostenibile, tanto che il governo ha dichiarato che l’obbiettivo è, entro la fine del 2024, eliminarne almeno 1 milione.


Resta da capire se, come si augura A Rocha il cui responsabile Colin Jackson da tempo si batte per questo, verrà rimesso in commercio il famoso veleno “Starlicide” che, dopo aver contribuito ad eliminarne migliaia fino al 2005, era stato ritirato per oscuri motivi dal commercio.
"Starlicide ha funzionato bene in altri paesi nell'eradicazione degli uccelli invasivi – ci aveva spiegato Jackson, all’inizio della sua battaglia per riportarlo sul mercato keniota - Il veleno è progettato solo per sradicare gli uccelli invasivi e non ci sono morti secondarie dopo. Si tratta di un veleno costoso, ma noi abbiamo fatto una proposta di finanziamento per sradicare gli uccelli”.
Di certo, senza pensare di contare troppo sulle istituzioni per la fase esecutiva, gli attori del comparto turistico costiero dovrebbero essere i primi a partecipare all’importazione di Starlicide.
Come sempre, seguiremo speranzosi la vicenda.

TAGS: corvicornacchieuccelliambientevelenocosta

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

I corvi aumentano a dismisura sulla costa e i residenti tornano ad organizzarsi, come già accaduto una...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel settore turistico costiero del Kenya, è risaputo, “l’unione fa la forza” è un proverbio che non ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Il parco del Lago Jipe, al confine tra Kenya e Tanzania, ma raggiungibile anche dalla strada oggi asfaltata che porta da Voi a Taveta, è...

LEGGI L'ARTICOLO

In un periodo in cui per molti l’Africa è lontana e le letture dovrebbero essere una compagnia fondamentale...

LEGGI LA RECENSIONE

L’Africa non è più là, “dove osano le aquile”. Nel continente africano, i rapaci sono diminuiti del 90% negli...

LEGGI L'ARTICOLO

Il suo migliore amico umano muore, e lui decide di visitare la sua modesta abitazione e dormire...

LEGGI L'ARTICOLO

Fognature fallate trasportavano acque piene di rifiuti e chissà cosa altro all’interno del...

LEGGI L'ARTICOLO

Le studentesse della Coast Girls Secondary School di Mombasa hanno felicemente messo a punto un antidoto al morso dei serpenti velenosi e alla puntura degli scorpioni, utilizzando una piccola pietra nera che da tempo viene utilizzata tradizionalmente dalle tribù della...

LEGGI TUTTO

Rhinos roam free on a bright green expanse, with a bevy of pink flamingos reflected in the water of ...

LEGGI L'ARTICOLO

A causa delle forti piogge che da questa notte imperversano su Malindi e la costa keniana, i...

LEGGI L'ARTICOLO

È uno spettacolo mozzafiato. I colori rosa, rosso e bianco galleggiano meravigliosamente...

LEGGI L'ARTICOLO

Con il cambio di stagione e il vento invernale e monsonico "Kuzi", l'estuario del fiume Sabaki si riempie di volatili tropicali rari, colorati e bellissimi.
E' ormai una consuetudine, ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ uno dei beni preziosi di Malindi e dell’intera costa keniana, e sicuramente tra i più ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Con tutti i problemi che la mancanza di turismo nell’ultimo anno in Kenya, per le ben note...

LEGGI L'ARTICOLO

I cittadini responsabili di Malindi tornano ad occuparsi del loro territorio.
Gli esercizi...

LEGGI L'ARTICOLO