Ambiente

NATURA

I santuari del Kenya dove si salvano i rapaci

In Africa purtroppo sono del tutto scomparsi

14-05-2024 di Leni Frau

L’Africa non è più là, “dove osano le aquile”. Nel continente africano, i rapaci sono diminuiti del 90% negli ultimi 40 anni. Tante le cause: avvoltoi e simili sono morti avvelenati dalle tante carcasse di animali infetti per malattie o perché uccisi dai bracconieri con armi chimiche, o addirittura dai mandriani per dissuadere i leoni ad avvicinarsi. Anche la deforestazione gioca un ruolo importante, così come la proliferazione di linee elettriche in tutta l'Africa, che si rivelano fatali per gli uccelli che vi si posano sopra per cacciare le prede.
Due dei pochi luoghi in cui ancora i rapaci sono al sicuro si trovano in Kenya, sono il “Soysambu Raptor Centre” e il “Naivasha Raptor Centre”, strutture veterinarie e di riabilitazione del Kenya Bird of Prey Trust, nella riserva di Soysambu, non lontano dal lago Elmenteita, tra Naivasha e Nakuru, e sul lago Naivasha.
Il santuario dei rapaci di Soysambu è anch’esso circondato da piloni dell’elettricità con cavi ad alta tensione, ma i veterinari, i tecnici, gli addestratori e i volontari si prendono cura della popolazione autoctona e di chi porta loro animali feriti o in pericolo. Sono soprattutto aquile pescatrici, ma anche avvoltoi dal dorso bianco ed altri tipi di rapaci, tra cui alcuni in via d’estinzione.
Il Naivasha Raptor Centre si trova nel Kilimandege Sanctuary, South Lake Rd, Lake Naivasha. È stato progettato per fungere da prima base per gli uccelli feriti in arrivo, dove vengono fornite le cure iniziali e l'alloggio, e per fornire cure a lungo termine ai rapaci in via di guarigione e a quelli feriti in modo permanente, da esporre al pubblico a scopo educativo.
Il centro è gestito da Shiv Kapila e dal suo team che si occupa di gestire, nutrire e curare gli uccelli, di pulire gli stabulari e di fornire visite interattive ed educative ai visitatori su appuntamento.
Ovviamente entrambi i centri (Il Soysambu Raptor Centre lavora in sinergia con quello di Naivasha) sono visitabili. Gli attuali alloggi per rapaci ospitano 28 uccelli. Nel 2020 è stata completata la prima fase dei recinti speciali per gli avvoltoi, oltre a recinti individuali per i diversi uccelli in cura.
Sono in atto piani per espandere e aumentare gli alloggi per rapaci per ospitare altri uccelli, compresa la costruzione di ulteriori recinti a lungo termine per gli uccelli che non possono tornare in natura e di un'ulteriore scogliera per avvoltoi che saranno affidati alle cure dei centri per il resto della loro vita.

(FOTO DI PAOLO TORCHIO)

TAGS: aquilerapacisantuarioElmenteitaNaivashaTorchio

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Situato tra i laghi Naivasha e Nakuru, per quanto piccolo, il lago Elmenteita (conosciuto anche come...

LEGGI L'ARTICOLO

Certe perle del Kenya vanno viste di persona per poterle raccontare cercando di trasmettere la pace dei...

LEGGI IL REPORTAGE, GUARDA FOTO E VIDEO

Il Parco Nazionale del lago Nakuru è praticamente morto, fauna e flora versano in condizioni terminali.
A ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una buona notizia per la fauna selvatica in Kenya e particolarmente nella sua capitale, in un periodo in cui...

LEGGI L'ARTICOLO

I cinesi hanno detto sì.
Dopo aver finanziato la linea ferroviaria a scartamento standard da Mombasa a...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ ancora uno dei luoghi naturali più incontaminati del Kenya, sospeso in un limbo da...

LEGGI L'ARTICOLO

Lo avevano chiamato "Lipstick", rossetto, per i contorni marcati intorno alla sua bocca che sembravano proprio truccati.
Ma la sua bellezza era nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli occhi del mondo sportivo, e non solo degli appassionati di motori, saranno puntati per i prossimi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Si è consumata questa notta l’ennesima tragedia dovuta alle forti piogge che stanno cadendo da...

LEGGI L'ARTICOLO

Per pochi secondi la terra ha tremato in Kenya, verso le 19.20 di domenica sera.
L'epicentro del...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'altra imprudenza fatale in un parco del Kenya, dettata non dall'eccesso di amore per la fauna selvatica o dall'adrenalina dell'avventura, ma dalla moda tristemente nota di farsi i "selfie" con chiunque e qualsiasi cosa come scenografia.
Questa volta è toccato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna dopo vent’anni, giovedì 24 giugno, lo storico appuntamento con il...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ di un fotografo italiano la più bella foto nel Maasai Mara del 2020.
Paolo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Per il turismo internazionale in arrivo e nel prossimo futuro sempre più presente, grazie alla...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Nairobi National Park, unica riserva naturale di fauna selvatica all’interno di una metropoli mondiale, ha...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Ieri è finalmente arrivato il grande giorno della presentazione di Karanja al Museo Nazionale di Nairobi.
Karanja, oggi simbolo della protezione degli animali in Kenya, è stato uno dei rinoceronti-icona della conservazione in Kenya, uno degli esemplari più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO