Ultime notizie

NEWS

Incendio Malindi, le macerie del giorno dopo

Uno scenario inquietante che si sarebbe potuto evitare

15-03-2021 di Freddie del Curatolo

I tizzoni sono ancora caldi e fumanti, e i tanti proprietari e gestori di villette, appartamenti e cottage di Silversand si aggirano sconsolati tra cadaveri di mobilia, scheletri di porte e finestre, accessori mostrificati in un clima tetro e grigio che contrasta con l’azzurro intenso del cielo che si specchia nelle piscine piene d’acqua e cenere.
Quelle piscine che nessuno ha potuto utilizzare da subito per spegnere le fiamme partite dal secondo piano dell’edificio dell’Oasis Village, perché nè il condominio, né il vicino Key Park sono dotati di pompe collegabili ad idranti che avrebbero potuto supplire al cronico ritardo dei pompieri di Malindi. Sulla spiaggia campeggia una barca da pesca d’altura inutilizzata, il suo nome (“Incubo”) sembra tragicamente richiamare l’assurda giornata di sabato.
Il giorno dopo ci si sveglia ma la realtà è quasi peggio del disastro a cui si ha assistito con paura e sbigottimento.
Lo scenario al Key Park è triste e desolante: solo chi era sul posto ed è arrivato in tempo è riuscito a salvare qualche elettrodomestico, sedie, tavoli e divani dalla furia del fuoco e dal suo calore.
“Le altre ville di fianco alla mia – ci racconta un proprietario italiano – erano chiuse e i proprietari non ci sono, di conseguenza hanno continuato a bruciare e nessuno ha potuto aprirle”.
Una residente tedesca, che ha due cottage all’interno della struttura, ci racconta la dinamica dell’incendio che ha distrutto una delle sue abitazioni, quella fronte strada e ha salvato la villetta più vicina alla spiaggia. Perché è andata così: il vento che soffiava dal mare ha preso un giro a sinusoide, che dall’Oasis è entrato al Key Park e ha lanciato fiamme e scintille in strada, attraversandola dall’alto, incontrando dapprima due ville con tetti in tegole e poi terminando la sua folle corsa nelle altre ville del Key Park 2, di fronte al Coral Key.
“Tutto è partito da un singolo appartamento ed è assurdo che un incendio di queste proporzioni non abbia potuto essere fermato – spiega la signora tedesca – sono tanti i fattori che hanno permesso tutto questo e siamo responsabili anche un po’ noi per non esserci premuniti con le pompe”.
Tra i responsabili però non si può non citare il servizio di pompieri della Contea, che ancora una volta ha dato forfeit. L’autocisterna dell’aeroporto, che deve attendere di essere disponibile quando non ci sono voli in arrivo o in partenza, è arrivata dopo due ore dallo scoppio dell’incendio e il resto è quanto abbiamo raccontato ieri.
Ora la speranza è che questo ennesimo incidente che ha lasciato tante persone senza un letto e senza gli effetti personale, porti una buona volta tutti i residenti di Malindi a protestare vivacemente con la Fire Brigade e chi la amministra. Chiediamo quindi a tutti i proprietari delle abitazioni e proprietà bruciate di unirsi e portare un documento comune all’attenzione degli enti preposti. Tra gli uffici al primo piano dell’Oasis Village c’è anche quello di un avvocato. Sarebbe da chiedere a lui di rappresentare chi nello stesso residence e in quelli attigui ha perso milioni nello stesso tempo in cui per imprecisati motivi il mezzo dei pompieri, a poche centinaia di metri di distanza, una volta chiamato non è potuto intervenire.

TAGS: incendio malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un pauroso incendio sta avvolgendo da un'ora circa l'elegante zona residenziale di Casuarina a...

LEGGI L'ARTICOLO

Una villa di pregio nel quartiere residenziale malindino di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oltre settanta ettari della splendida e incontaminata foresta di Aberdare, a sud dell'area di Kinangop, bruciano...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato per cause ancora da accertare ha bruciato parte del  Breeze Point Hotel di Malindi, struttura gestita da un italiano, Paolo Da Fano e da una cittadina...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un improvviso incendio è divampato in serata al Mombasa Hospital, la più antica e importante struttura...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio improvviso propagatosi velocemente a causa del fortissimo vento di oggi, ha ridotto in cenere il resort malindino "Dorado Cottages", a Casuarina.
L'incendio sembrerebbe partito da

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se il grande incendio sul Monte Kenya che rischiava di fare grandissimi danni all'interno della...

LEGGI L'ARTICOLO

Il giorno dopo l'incendio che ha colpito la zona turistica di Casuarina a Malindi, si fa la conta dei danni.
Oltre al popolare e storico Dorado Cottages, gestito dal tour operator Viaggi di Atlantide, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Brucia la più alta montagna d’Africa, il Kilimanjaro è in fiamme da 16 ore per cause...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato durante la notte tra sabato e domenica e buona parte del mercato più grande...

LEGGI L'ARTICOLO

Un grosso incendio è divampato intorno alle 13.30, ora locale, nella zona...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'incendio di vastissime proporzioni che per una settimana ha tenuto sotto scacco la...

LEGGI L'ARTICOLO

Ancora una volta, dopo uno spaventoso incendio come a Malindi non se ne vedevano da dieci anni, torna...

LEGGI L'ARTICOLO

Un disastro in uno degli storici e lussuosi resort della costa sud keniana.
Delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un incendio di vaste proporzioni, quello divampato nella tarda mattinata di oggi nella zona residenziale di Casuarina a...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato nella prima serata di ieri al Sea View Resort di Malindi per fortuna è stato domato prima che potesse attaccare l'intero albergo ristorante sulla Lamu Road, gestito dal manager e chef italiano Remo Briziarelli.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO