Ultime notizie

KENYA NEWS

Kenya, dopo le proteste si pensa all'economia

Ruto annuncia tagli e prestiti, e un controllore esterno

06-07-2024 di Freddie del Curatolo

Dopo le proteste dei giovani ed il crescendo di violenza che quelli meno pacifici e più affamati hanno ingaggiato con le forze dell’ordine, il Kenya torna ad occuparsi della sua situazione economica. Il presidente William Ruto ieri ha fatto importanti annunci ai media nazionali: le priorità sono gestire l’aumento del debito pubblico (ormai sopra i 70 miliardi di euro, pari a circa il 70% del Prodotto Interno Lordo), tagliare la spesa pubblica a partire dal suo governo, e chiedere nuovi prestiti.
Il taglio del bilancio sarà di circa 1,2 miliardi di euro e la differenza per arrivare ai 2,5 miliardi che servono per gestire il prossimo anno fiscale e il cui introito sarebbe stato garantito dalle tasse contenute nella contestata finanziaria poi ritirata, verrà presa in prestito.
Per quanto riguarda il debito pubblico, Ruto ha annunciato la nomina di una Task Force indipendente, con a capo l’attivista dell’ordine degli avvocati, Faith Adhiambo, che era in piazza nella prima delle giornate di protesta a Nairobi. La Task Force, nelle parole di Ruto, avrà il compito di redigere una verifica dei dati di bilancio. "Questo audit fornirà al popolo keniota chiarezza sull'entità e la natura del debito, su come sono state spese le risorse pubbliche e raccomanderà proposte per gestire il nostro debito pubblico in modo sostenibile e con equità intergenerazionale", ha dichiarato il presidente.
Ruto ha promesso comunque di riuscire a procedere all'assunzione di insegnanti di scuola media e di medici specializzandi, di finanziare il programma di stabilizzazione del latte per gli allevatori, di rilanciare il programma stradale in stallo, di mantenere il programma di sovvenzioni per i fertilizzanti, di saldare i debiti con gli agricoltori e il coltivatori di caffè.
William Ruto ha anche annunciato "misure di austerità" riguardanti la gestione dello Stato, tra cui il dimezzamento del numero di consiglieri ministeriali e dei fondi stanziati per le ristrutturazioni nei ministeri, compresa la presidenza, e la fine dei fondi di bilancio destinati alla First Lady o alla moglie del vicepresidente. Ci sarà anche un rimpasto di governo, a partire da qualche ministero.
"Queste misure saranno seguite da cambiamenti nel governo" ha confermato Ruto, pur non fornendo particolari e facendo nomi.
Domani era prevista un’altra giornata di protesta, nell’occasione della data storica delle proteste contro il regime Moi, 34 anni fa. Vedremo, dopo queste dichiarazioni, come si evolverà la situazione. Ma un armistizio sembra la soluzione più logica per il Paese e la sua gente.

TAGS: economiadebitoprotestegiovani

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il periodo difficile dell’economia keniana potrebbe aver raggiunto il suo culmine e iniziare ora il suo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incontro virtuale con i giovani della generazione Z che hanno dato il là alle proteste di piazza...

LEGGI L'ARTICOLO

Si prepara un’altra giornata di proteste contro il governo in Kenya. I giovani attivisti hanno...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya è più tranquillo, dopo le proteste dei giovani e i relativi correttivi in corsa del governo. I...

LEGGI L'ARTICOLO

Per chi arriva in Kenya nei prossimi giorni, una pacchia. Per chi ci vive ed in particolare per i cittadini...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya non è più a rischio default economico. Almeno questo è l’autorevole parere del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Secondo la ricerca "Africa Risk-Reward Index", pubblicata da Nkc African Economics, il Kenya e l'Etiopia sono i Paesi leader del prossimo futuro nel Continente Nero.
Il rapporto, che mette a confronto investimenti, PIL, sicurezza e molti altri fattori di supporto all'economia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dieci Paesi internazionali che fanno parte del cosiddetto “Club dei Creditori di Parigi”, che comprende ...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi potrebbe rivelarsi un giorno decisivo per il proseguo delle proteste della Generazione Z in Kenya: quell’insieme...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono in tanti a chiedersi “cosa succederà ora” in Kenya.
Mai come in...

LEGGI L'EDITORIALE

Oggi è stata sospesa dall’opposizione di governo keniana la quarta giornata di agitazioni e manifestazioni...

LEGGI L'ARTICOLO

Si sono dati appuntamento per domani tramite i social network, lanciando slogan sulle pagine...

LEGGI L'ARTICOLO

Proteste che non accennano a finire in Kenya, proteste sempre più mirate verso la classe politica e...

LEGGI L'ARTICOLO

Mentre si avvicina il fatidico momento in cui il governo keniota annuncerà le nuove tasse per...

LEGGI L'ARTICOLO

Dagli studenti disoccupati, gli artisti e il mondo digitale della generazione Z che le avevano lanciate, ieri...

LEGGI L'ARTICOLO

Speriamo proprio che quella di ieri sia stata l’ultima delle giornate di protesta contro il governo e il carovita, organizzate...

LEGGI L'ARTICOLO