Ultime notizie

PERSONAGGI

Roberto Miano, 30 anni d'importazione italiana in Kenya

Intervista al primo distributore dei nostri migliori prodotti

29-11-2020 di Freddie del Curatolo

Se la Cucina Italiana è ormai riconosciuta come un valore aggiunto dell’hospitality, della vita sociale, del benessere e del turismo in Kenya non lo si deve solamente ai tanti ristoratori e a chi ha creato professionalità locali esportando e insegnando l’arte della pizza, della pasta, dei gelati e della maniera unica al mondo di trasformare in bontà prodotti unici e vari.
Il merito va ascritto in gran parte anche a chi questi prodotti li mette a disposizione a cuochi e ristoratori e li ha resi disponibili anche ai privati.
Il primo connazionale ad importare ufficialmente ogni genere enogastronomico è stato senza dubbio Roberto Miano, che proprio in coincidenza con la Settimana Internazionale della Cucina, celebra trent’anni dalla fondazione della sua azienda di importazione di prodotti italiani.
“Nel 1990 vivevo a Malindi già da qualche anno e gestivo l’unico supermercato italiano della costa. – ricorda Miano -  Erano gli anni del boom turistico e mese dopo mese mi vedevo felicemente costretto ad allargare la mia attività. A quei tempi trovare prodotti italiani era un miraggio, più o meno si era costretti a portarli in valigia e i pochi importatori internazionali, riguardo al nostro Paese, sceglievano marche scadenti o etichette con nomi riconducibili al nostro Paese ma in realtà provenienti da Medio Oriente o India. Così pensai che fosse il momento di dare ai nostri connazionali che specialmente sulla costa aumentavano, acquistando ville e costruendo nuove strutture d’accoglienza e allo stesso tempo promuovere la cultura gastronomica di casa nostra nel resto del Paese”.
L’intuizione di Miano, con le comprensibili difficoltà di un lavoro che doveva fare i conti con le dogane commerciali di Mombasa e regole in divenire, si è rivelata felice.
“In poco tempo ho cambiato le abitudini di tanti stranieri e i menu di molti hotel della costa – ammette l’imprenditore lombardo – abbinando a container di pasta, olio extravergine d’oliva, vini ed altri generi di largo consumo, anche il fresco di salumi e formaggi. Nel mio supermarket da trent’anni si può anche gustare un panino con la mortadella o con il prosciutto di Parma come fossimo nel Belpaese. Mi reco in Italia per scegliere personalmente le aziende con cui lavorare, tra quelle che mi garantiscono il miglior rapporto genuinità-prezzo. Ho l’esclusiva per il Kenya di almeno una ventina di marche nazionali importanti”.
Perché Roberto non è solo un uomo d’affari innamorato del Kenya, ma anche un appassionato di cibo e di tradizioni della sua Terra che ha scelto una professione che lo rappresentasse al meglio.
“Per questo motivo ho sempre abbinato all’importazione la gestione di ristoranti italiani – racconta Miano – a Malindi ho costruito e gestito il ristorante “I Pescatori” che oggi si chiama Baby Marrow, poi ho deciso di spostarmi a Mombasa, per essere più vicino al porto e allo sdoganamento, ma allo stesso tempo acquisire la clientela di una grande città non legata alla stagionalità del turismo. E anche qui ho aperto ristoranti fino a trovare la miglior collocazione a Nyali, in un piacevole spazio sulla frequentatissima link road, oltretutto a due passi dal supermarket e dal mio magazzino.
I miei ristoranti sono sempre stati contrassegnati, oltre che dalla qualità dei prodotti che io stesso scelgo (ma questo è ovvio), dal rispetto della tradizione culinaria di casa nostra, con la fedeltà delle ricette che non sono state modificate per incontrare i gusti locali ma invitano a gustare appieno non solo la bontà, ma anche la cultura italiana. Infatti i piatti di Roberto’s sono apprezzati da chi conosce e apprezza la vera cucina italiana, compreso il Presidente Kenyatta che è sempre nostro gradito cliente, quando viene a Mombasa”.
Oggi Roberto Miano con la sua Tropic Trade è l’importatore italiano di riferimento in tutto il Paese, agendo da tempo anche sulla grande piazza di Nairobi.
“Con il tempo si sono aggiunti altri importatori, connazionali onesti e capaci – spiega Miano – anche grazie alle battaglie che da anni ho seguito in prima persona per facilitare l’arrivo dei prodotti dal nostro Paese. Il mio impegno con dispendio di tempo, denaro ed energie, è valso la risoluzione di un contenzioso con il Kenya Bureau of Standard che aveva messo parametri assurdi per i vini italiani. Svolgere questo mestiere in Kenya rimane sempre molto problematico, tra regole che cambiano di continuo e pressioni di ogni tipo. Ma si va avanti con la convinzione che ormai questo Paese non può fare a meno in tavola del piacere dell’enogastronomia italiana”.

TAGS: cucina kenyaitaliani kenyaimportazione kenyaroberto miano

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Se c’è un nome a Mombasa per definire il Made in Italy e la sua cucina di qualità, questo nome è certamente “Roberto’s”.
Quest’anno il...

LEGGI L'ARTICOLO

Al di là dell’appena conclusa Settimana della cucina italiana nel mondo, ottima...

LEGGI E GUARDA LE IMMAGINI

Che i keniani vadano pazzi per la carne, è risaputo.
Non è solo...

LEGGI L'ARTICOLO

Querelle Italia-Kenya sui prodotti alimentari d'importazione dal nostro Paese.
Le società di import-export si sono appellate al Ministro del Commercio del Kenya per risolvere la questione del sempre più complicato processo ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già quasi duemila I ristoranti keniani che hanno aderito alla campagna di un gruppo di...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Olimpia Club di Casuarina a Malindi ha deciso di celebrare la donna, per la sua festa di giovedì 8 marzo, offrendo alle signore le ostriche fresche di Kilifi ed...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con una serata di alta cucina dello chef "ambasciatore del gusto" Luca Mastromattei, dedicata...

LEGGI E GUARDA IL VIDEO

E’ un periodo quantomai difficile per gli importatori di prodotti dall’Italia e dall’Europa in Kenya, tra...

LEGGI L'ARTICOLO

Con l’arrivo della stagione, la riapertura di locali e resort a Watamu, torna l’ampia scelta di prodotti...

LEGGI L'ARTICOLO

Quanto può costare veramente vivere a Malindi e Watamu senza lavorare?
Con quanto un pensionato o chi ha una rendita può campare ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da ora in poi, dal Kenya sarà possibile esportare prodotti verso 27 paesi dell’Unione Europea senza...

LEGGI L'ARTICOLO

Roberto Paioni, il mio Bro, un figlio un padre un marito, un amico di tanti di noi, un amico degli Italiani, un uomo della Repubblica.
Da questa mattina non c'è più, ha combattuto la sua ultima battaglia, la sua ultima...

La Nairobi italiana piange un altro dei suoi angeli buoni.
I residenti italiani della Capitale sono ahimé sempre un po' preparati a perdere qualche "pezzo storico" della loro comunità, spesso per un fatto esclusivamente anagrafico.
Ma con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Roberto, 70 anni, lombardo e vedovo con due figli, torna nella casa di Malindi per la prima volta dopo la perdita della moglie.
Incontra Monica, una ragazza locale di 23 anni che lavora in un negozio di parrucchiere.
Da qui...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

E’ possibile a Nairobi respirare nel contempo l’aria senza tempo del Kenya coloniale, quella che piace...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE IMMAGINI

E’ stata presentata ieri a Nairobi dall'Ambasciatore d'Italia in Kenya Roberto Natali con un "aperitivo stampa" alla...

LEGGI L'ARTICOLO