Ambiente

AMBIENTE

Buone notizie dal regno degli animali del Kenya

Primi risultati del censimento: specie minacciate non calano

01-09-2021 di Leni Frau

Arrivano i primi dati ufficiali del censimento degli animali selvatici incominciato a febbraio di quest’anno grazie all’iniziativa del Governo keniano.
Il Kenya Wildlife Service ha potuto verificare che gli sforzi per combattere il bracconaggio, secondo i dati raccolti, hanno prodotto risultati positivi.
L’attività dei contrabbandieri si rivolge da sempre specialmente a due specie animali della savana africana: gli elefanti, per il preziosissimo avorio, purtroppo ancora richiesto a livello internazionale e i rinoceronti per le supposte proprietà curative ed afrodisiache (secondo la medicina orientale) del loro corno. A tale pericolo di sempre si affianca anche il problema della deforestazione e dell’uso di terre dove un tempo gli animali selvatici si muovevano in libertà, per uso agricolo o per costruire abitazioni. Questo porta a conflitti tra uomo e animali che spesso si concludono con l’uccisione degli ultimi.
Nonostante le minacce di cui sopra, il numero degli elefanti è aumentato del 12% rispetto al precedente censimento ed ora secondo questo conteggio, rilevato con droni e strumenti sicuramente più avanzati tecnologicamente di sette anni fa, sono 36.280.
“Gli sforzi per aumentare i controlli e le pene relative ai crimini ai danni alle specie minacciate sembrano dare i loro frutti” si legge nel rapporto del KWS, che ha contato 30 diverse specie di animali e ha coperto quasi il 59 per cento del territorio nazionale .
A seguito della pandemia, che riducendo il numero di presenze di turisti nelle riserve africani ha dato più libertà ai bracconieri, l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) aveva lanciato l’allarme  non solo per il bracconaggio, ma anche per la distruzione dell'habitat che, in particolare a causa della conversione della terra per l'agricoltura, stava devastando il numero di elefanti in tutta l'Africa.
C’è da dire infatti che l’aumento del 12% rispetto al 2014 è solo un piccolo, ancorché significativo, recupero rispetto alla diminuzione vertiginosa degli elefanti in savana, che sono almeno il 60% in meno di cinquanta anni fa.
L’indagine supportata dal Governo keniano, su spinta del Presidente Kenyatta che ha più volte ricordato che la fauna selvatica “è il nostro patrimonio nazionale, l'eredità dei nostri figli, qualcosa che dovremo poter mostrare con orgoglio” ha anche contato, con molta meno approssimazione, gli esemplari di rinoceronte presenti nel Paese.
Sono 1.739 gli ormai rari splendidi animali, che si dividono tra 897 neri (specie in reale pericolo di estinzione) e 840 bianchi del sud. A questi si aggiungono le due femmine di rinoceronte bianco del nord che sono state fecondate artificialmente con il seme dell’ultimo esemplare maschio, il mitico Sudan e da cui dipende la continuazione della specie.  
Nei prossimi giorni il censimento svelerà anche il numero di leoni, zebre (tra cui quelle di Grevy, a rischio scomparsa totale), hirola (antilopi di Hunter) e le tre specie di giraffe presenti in Kenya. Secondo voci riportate dai media locali che hanno parlato con il KWS, nessuna di queste categorie sarebbe in calo di presenze. Più difficile contare la specie migratoria degli Gnu. Durante il censimento gran parte di questi animali, che muovendosi dalla Tanzania al Kenya danno vita all’incredibile spettacolo della grande migrazione, erano fuori dal territorio nazionale, ma il censimento ne avrebbe comunque contati circa 40 mila.
 

 

TAGS: savana kenyaspecie kenyaanimali kenyaestinzione kenyakenya wildlife

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Che il ritorno sui grandi schermi del Re della Savana, questa volta in carne ed...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha lanciato il suo primo censimento nazionale della fauna selvatica.
Si tratta di un...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiama "Virry VR: Wild Encounters" (incontri selvaggi), ed è un nuovo videogame per Playstation che sta per essere lanciato in tutto il mondo.
La particolarità è che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già due le aziende internazionali che allevano coccodrilli presi lungo il fiume Galana, nell'entroterra di Malindi, per poi ammazzarli e vendere la pelle e in seconda istanza, la carne. 
Nel Paese della protezione degli animali da savana, il coccodrillo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La recente visita in Kenya del tycoon cinese Jack Ma, proprietario e fondatore del colosso cinese delle vendite online Alibaba, non aveva solo intenti commerciali. Quando poi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grazie anche all’Italia, il rinoceronte bianco del nord, specie rarissima di cui sopravvivono attualmente solo...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ in corso un grande progetto di riqualificazione ed espansione del famoso Giraffe Centre di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del...

LEGGI TUTTO

Il Kenya considera la reintroduzione della caccia agli animali selvatici in alcune riserve del Paese.
Il Ministro del Turismo Najib Balala ha formato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’innalzamento delle acque dei laghi della Rift Valley non minaccia solo un’intero ecosistema, la ...

LEGGI L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C’è anche un’antilope presente solo nello Tsavo Est e Ovest in Kenya, tra le ...

LEGGI L'ARTICOLO

Avvistamenti come questi non se ne vedevano da svariati anni tanto che molte guide professioniste sostengono di non aver più osservatobranchi di licaoni allo Tsavo East da decenni.
 

LEGGI TUTTO

Tornano per la quarta settimana di seguito gli animali di Freddie e Sbringo al Baby Marrow di...

LEGGI L'ARTICOLO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO