Editoriali

EDITORIALE

Acqua e sale, dalla pietanza alla pietà

Pensieri dalla parte dei poveri del Kenya

07-07-2022 di Freddie del Curatolo

Acqua e sale.
Non è, purtroppo, la canzone di Mina e Celentano.

E’ l’unico contorno rimasto per la polenta di mais.

E quando anche la polenta sui banchi degli empori sta diventando un lusso, inizi a pensare che sarebbe ora di tornare alle abitudini dei nostri padri e dei padri dei padri, che macinavano le pannocchie nel campo dietro casa e raccoglievano la verdura di stagione nel loro orto.
Siamo passati dalla pietanza alla pietà.

Non siamo più capaci di fare le guerre e come Teresa Batista siamo stanchi di impugnare i machete ed avanzare verso l’ufficio del comandante di zona.

Acqua e sale come contorno del contorno, al posto degli spinaci soffritti con il sugo di pomodoro o dei fagioli mantecati al cocco, ci rende ancora più deboli e remissivi.

Allora, come i nostri avi, dovremmo saper riconoscere le foglie di campo che resistono anche a questa straordinaria siccità, quelle delle piante curative che danno energia, come la moringa, o che proteggono dalle malattie che aggrediscono chi ha fame, come il neem.

Dovremmo cercare le bacche sane, sbriciolare i semi del baobab e chiedere alle capre un bicchiere di latte per sciogliercelo dentro, come si faceva con i bambini durante la carestia dell’ottantacinque.

Ma oggi tutto questo non c’è più. Ci siamo venduti i campi per le motociclette, ci siamo trasferiti in città dove non c’è terra pubblica, lasciando la campagna dove gli alberi erano di tutti.

Viaggiamo su internet per sapere quanto siamo poveri e derelitti.

E anche noi, come voi in Italia, ci sfoghiamo sui social network per ribadire che ci siamo ridotti così soprattutto per colpa nostra. Noi non abbiamo ricevuto gli insegnamenti necessari e non avevamo la cultura per capire che stavamo andando troppo velocemente verso una strada sbagliata.

A ben guardare, però, chi aveva gli strumenti, sta facendo più o meno la stessa fine.

 

TAGS: famecibopietàpovertàeditorialifreddie

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Una delle tante piaghe del Kenya è quella delle continue interruzioni dell’energia elettrica (black-out). 
Le altre, tra le molte, sono la mancanza d’acqua potabile nelle case, che porta i politici, in cerca di voti, a promettere: “Se mi eleggete prometto...

LEGGI TUTTO

Il “Festival di Sardegna Due” è arrivato al giro di boa, continuando ad esplorare sorridendo alcuni...

LEGGI L'ARTICOLO

Esattamente un anno fa il Kenya occupava i titoli di molti giornali e siti online, una volta tanto non per i...

LEGGI L'ARTICOLO

Elizabeth Gathoni Koinange era la donna più longeva del Kenya, almeno di quelli di cui si può appurare con una certa buona approssimazione l'età.
Solitamente, in Africa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un giovedì sera speciale, come nella tradizione del Baby Marrow Art & Food Restaurant di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Che faccio, lo prenoto questo biglietto oppure no?”
Sono...

LEGGI L'EDITORIALE

Più che l’economia del Paese fecero la siccità e i tempi lunghi per il raccolto del mais.
Fatto sta ...

LEGGI L'ARTICOLO

Mentre il servizio meteorologico del Kenya ha annunciato da ieri i cinque giorni più torridi dell’anno nel Paese, la siccità prosegue il suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Domani sera, venerdì 30 settembre dalle 18, va in scena la Festa del Kenya a Milano organizzata...

LEGGI L'ARTICOLO

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Dall’inizio della pandemia in Kenya, più della metà della popolazione dei keniani, ovvero il 58% dei 53 milioni di...

LEGGI L'ARTICOLO

Un altro appuntamento per l'Esilio Volontario di Freddie del Curatolo. Sabato sera sarà la volta di Marina di Carrara, dove risiede una vera "malata d'Africa", Tiziana Nicodemi titolare del Bagno Principe e del Ristorante Calasole, che già l'anno precedente aveva...

LEGGI TUTTO

Si chiude giovedì sera, 11 gennaio, al Baby Marrow Art Restaurant di Malindi, la fortunata rassegna di racconti, canzoni, poesia e musica "Io conosco il canto dell'Africa", ideata da Freddie del Curatolo con la collaborazione artistica di Marco Bigi.
L'ultima delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra meno di 24 ore si aprono i seggi elettorali in Kenya.
Dopo...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO